Mar07222014

Last updateDom, 20 Lug 2014 9am

Articoli

Appello internazionale per salvare la vita dei feriti di Ashraf

CNRI - Dodici feriti gravi sono in punto di morte ad Ashraf:
• Gholamreza Khorrami ha subito una frattura del cranio, ecchimosi ed emorragia celebrale, braccio rotto, denti rotti e le labbra strappate a causa di gravi percosse con manganelli e bastoni.

• Mohsen Khosravani ha subito cinque ferite d'arma da fuoco.

 • Ahmad Nazem-Zomorrody è stato colpito alla testa danneggiandogli il cervelletto, causandogli successivamente la vista. Attualmente soffre di vertigini e forti mal di testa.
 
• Akbar Rabi'ia è stato schiacciato due volte dai veicoli blindati Humvee.E 'stato gravemente ferito all'addome e al torace e si trova tuttora in condizioni critiche, respirando con grande difficoltà.
 
• Mojtaba Shadbash, rimasto schiacciato da un Humvee, ha riportato fratture multiple e gravi ferite da proiettili.
• Mohammad Ali Saif, Karamiar Moradi, Ja'far Babai'i e Bahman Attighi sono tutti feriti da arma da fuoco in diverse parti del corpo. I soldati iracheni hanno fatto ricorso alla forza per riportare il ferito dall'ospedale di Baquba, ad Ashraf, senza aver ricevuto le cure necessarie. Il loro destino è incerto e molti sono in coma ed in condizioni critiche. Hanno tutti bisogno di un trattamento medico-sanitario immediato.

Il totale dei feriti nel massacro dello scorso 8 aprile è pari a 346, di cui 225 ferite da arma da fuoco, esplosioni di granate e vari tipi di chips. Nonostante l'ordine emesso dal Segretario alla Difesa degli Stati Uniti per fornire assistenza ai feriti Ashraf, le forze Usa hanno trasferito solo sette feriti, di cui il 2% nel loro ospedale. Le richieste e le lettere dei residenti di Ashraf sono di ricoverare i feriti, in particolar modo quelli in condizioni critiche.

Inoltre, i medici di Ashraf hanno chiesto sin dall'inizio di trasferire le lesioni più critiche in un ospedale nella città di Erbil, a proprie spese.UNAMI è stato pienamente informato e tutti i dettagli sono stati forniti. Tuttavia, la commissione competente per la repressione di Ashraf         ( affiliata al primo ministro iracheno  , in particolare Sadeq Mohammad Kazem perseguito dalla giustizia spagnola - ha deliberatamente ostacolato il tentativo d'invio dei feriti in ospedale.  L'obiettivo, come in casi precedenti e l'esempio eclatante ne è Mehdi Fat'hi, deceduto ad Ashraf, è quello di morire lentamente tra il dolore dei feriti e malati, a meno che non decidono di prendere parte ad una messa in scena televisiva per occultare le mani macchiate di sangue di Maliki ed il suo ruolo in questo gravoso crimine.

La cosa peggiore è che il ministero della Sanità iracheno che ha il ruolo di "ministro della Gestapo", è in un rapporto del tutto falso sulle condizioni del centro di tortura del nuovo Iraq, vuole passare il cosiddetto servizio di questo centro di tortura a quello per una clinica migliore! Il ministro ha riferito al presidente iracheno, al presidente del Parlamento e del Primo Ministro che tutte le misure adottate dall'equipe medica di Ashraf  per i pazienti durante lo scorso anno e il costo dei residenti sono state per mano dell'ospedale del nuovo Iraq! UNAMI è stato informato di ogni caso di cure mediche e ai servizi forniti dal team medico per i pazienti del campo di Ashraf, compreso il trasferimento dei pazienti ad Arbil, ad un prezzo astronomico per i Mojahedin del Popolo iraniano. Tuttavia, questo ministro non ha specificato che l'impianto dell"ospedale del nuovo Iraq" attrezzature ed apparecchi sono stati costruiti, acquistati e forniti dai residenti di Ashraf e  sono stati poi riconsegnati.

La Resistenza iraniana richiama la comunità internazionale per salvare la vita dei feriti con tre richieste:

1 - L'appello al presidente degli Stati Uniti, il Segretario di Stato e della Difesa, di trasferire tutti i Ashraf feriti, soprattutto i 12 di cui sopra, nell'ospedale militare americano vicino ad Ashraf per loro il trattamento fino a completa guarigione.
 
2 - Un appello al Segretario Generale del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il  Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani, il rappresentante speciale del Segretario generale delle Nazioni Unite in Iraq e l'Alto Rappresentante dell'UE a ricoverare immediatamente tutti i residenti feriti all’ospedale della citta irachena Arbil, e / o di trasferire immediatamente il ferito gravemente in Europa per il trattamento a scapito della resistenza iraniana .

3 - Richiamare gli Stati Uniti, l'UE e l'ONU per persuadere il governo iracheno a riconoscere il libero accesso alle cure mediche per i feriti di Ashraf - come in tutti i paesi e in una società civile - in modo che possano beneficiare di analisi e trattamenti necessari in ospedali privati a proprie spese.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
22 Aprile 2011