Sab08022014

Last updateSab, 02 Ago 2014 7am

Comunicati Stampa

Maryam Rajavi: Le Nazioni Unite, devono porre la situazione iraniana in cima alla loro agenda

Conferenza internazionale a Ginevra - 9 marzo, 2011

Cari amici,

Vi lodo per aver ospitato questa conferenza.

Deputati del Parlamento Ginevra, Rappresentanti delle organizzazioni dei diritti umani, Personaggi politici e distinti diplomatici, saluto tutti voi.

Estendo la mia gratitudine per l'iniziativa da parte di una maggioranza del Parlamento svizzero di adottare una dichiarazione a sostegno di “Campo di Ashraf” e della Resistenza Iraniana.

Questa conferenza è simultanea con l'alba della primavera per i popoli del Nord Africa e del Medio Oriente.
Essi non tollerano più di vivere sotto l'ombra della dittatura e della povertà.
Per questo motivo, stanno facendo sacrifici per la loro ricerca di democrazia e libertà.
Questa situazione ha reso inevitabile per l'Occidente di rivedere la sua politica verso il Medio Oriente, in particolare la dittatura al potere in Iran.
Il popolo iraniano si è di nuovo alzato nelle scorse settimane per cambiare il regime.
In quanto tale, stare con il fascismo religioso sarebbe più scandaloso che mai.
Nello stesso tempo, siamo stati testimoni delle flagranti minacce del regime dei mullah, contro i paesi che sono in fase di transizione. Allo stesso modo, si assiste anche alla vergogna di una politica che finora ha ignorato i diritti umani della popolazione del Medio Oriente.

Oggi, uccisioni e violazione dei diritti umani da parte dei regimi dispotici nel Medio Oriente e del Nord Africa hanno suscitato indignazione globale. Detto questo, i mullah in Iran hanno effettuato esecuzioni politiche diverse volte più grandi di tutte le esecuzioni politiche in tali Paesi.

Le Nazioni Unite, quindi, devono mettere la situazione iraniana in cima alla loro agenda.

Ricordo che il Prof. Kazem Rajavi, è stato assassinato a Coppet, vicino a Ginevra, per ordine dei funzionari del regime iraniano. Il suo crimine è stata la difesa dei diritti umani.

E' veramente vergognoso che invece di punire i mullah e i loro funzionari, il divieto del loro viaggio in Europa sia stato revocato in modo che possano partecipare alla sessione del Consiglio dei Diritti Umani.

In seguito delle rivolte da parte dei popoli della regione contro la repressione e le violazioni dei diritti umani, è giunto il momento che il Consiglio dei Diritti Umani dei Nazioni Unite abbandoni la sua precedente approccio verso il regime di Teheran.
E 'inaccettabile che la repressione e le esecuzioni, in particolare l'esecuzione delle donne in Iran, abbiano incontrato il silenzio.

Sto parlando di una catastrofe in Iran, una continua guerra contro il popolo iraniano.
In media 2000 persone vengono arrestate ogni giorno.
Centinaia sono eseguiti e il numero continua ad aumentare ogni anno.
I prigionieri sono sistematicamente torturati e violentati.

E' necessario che il Consiglio dei Diritti dell'Uomo accolga nuovi impegni in difesa degli standard dei diritti umani.

Dal momento che questa conferenza si è tenuta a Ginevra, trovo indispensabile per evidenziare un paradosso lampante.

Da un lato, la Svizzera è la patria delle agenzie internazionali per i diritti umani. Come tale, questo pone la Svizzera dal lato di coloro che aiutano gli oppressi.

D'altra parte, il governo svizzero è uno dei partner commerciali più importanti e attivi fautori del più grande violatore dei diritti umani nel mondo, il regime di Teheran.

Durante il ruolo di Ahmadinejad, la Svizzera ha raddoppiato il suo commercio con il regime. Nel 2010, quando le sanzioni internazionali contro il regime sono stati ampliate, la Svizzera ha esportato 900 tipi di prodotti in Iran, di cui il regime aveva estremamente bisogno.

Permettetemi di fare riferimento alle misure repressive dei mullah contro “Campo di Ashraf”, che il regime teme di più.

Dall'inizio del 2009, Ashraf è stato oggetto di un assedio imposto dal paralizzante governo di Nouri Al-Maliki.
Molte restrizioni sono state imposte sulle visite delle famiglie di Ashraf e dei loro avvocati.
Allo stesso modo, l'ingresso di beni di prima necessità, anche cibo e vestiti, è stato limitato.
Negli ultimi mesi, a medici specialisti e chirurghi è stato impedito di visitare i pazienti presso l'ospedale di Ashraf.
L’ingresso di molti farmaci è stato vietato.
La politica del regime è quella di forzare la morte progressiva dei malati.

Mehdi Fat, è un esempio. A causa dell’assenza di un tempestivo trattamento, è morto lo scorso 10 dicembre dopo aver subito un grande dolore e difficoltà. Un altro esempio è Kazem Nematollahi, i cui reni non funzionano correttamente perché non è stato curato.

Qui potete vedere le fotografie di quelli di Ashraf che hanno bisogno di urgenti cure mediche e di medici specialisti. Ma la Commissione per la Repressione di Ashraf nell’Ufficio del Primo Ministro, gliel’ha impedito.

Dal momento che un anno fa, gli agenti del Ministero dell'Intelligence e Sicurezza hanno installato potenti altoparlanti intorno ad Ashraf, urlando a tutto volume la propaganda nel Campo 24 h su 24 e minacciando i residenti.
Assente una seria reazione internazionale, il numero degli altoparlanti è passato da 20 a 210.

Unico fattore sono le minacce imposte dalla dittatura al potere in Iran.
I mullah sono oggi inghiottiti nelle rivolte dai giovani. Essi non possono mantenere la loro stabilità e non vedono futuro per loro stessi.

Un altro fattore è lo stato del governo iracheno, che deve il suo potere al sostegno da parte dei mullah.
Di fronte alle proteste pacifiche da parte del popolo iracheno il 25 febbraio, questo governo ha ucciso decine di persone nelle strade.
Questo governo ha assassinato 11 residenti di Ashraf, nel luglio 2009.
Un tale governo non ha né la capacità né l'intento di proteggere Ashraf.
Per questo motivo, la decisione americana di trasferire la protezione del Campo al governo iracheno è stato un grave errore.
Ha violato il diritto internazionale. Ancor più, perché il governo statunitense aveva firmato un accordo con ogni residente di Ashraf, impegnandosi a proteggerli.

A questo proposito, le Nazioni Unite hanno la responsabilità di mettere Campo Ashraf sotto la loro sorveglianza.

Proponiamo pertanto che:

1. Una squadra delle Nazioni Unite deve essere basata su Ashraf per monitorare costantemente la situazione.

2. Una forza statunitense deve assumersi la responsabilità di proteggere questo gruppo di monitoraggio.

Chiedo a tutti i governi e le agenzie internazionali di:

1. Fermare l'acquisto di petrolio dai mullah per astenersi dal fornire le risorse che il regime utilizza per reprimere il popolo iraniano.

2. Riferire il dossier dei violazioni dei diritti umani da parte del regime al Consiglio di Sicurezza. Sottolineiamo la necessità di nominare un Relatore Speciale per i diritti umani in Iran. legami politici con il regime devono essere subordinati al rilascio di tutti i prigionieri politici e alla fine delle esecuzioni.

3. Devono essere prese misure per spiccare un mandato d'arresto internazionale per Khamenei con l'accusa di crimini contro l'umanità.

4. Adottare misure urgenti per porre fine all'assedio di Ashraf, togliere il divieto di ingresso di medicine e abbattere gli altoparlanti.

Auguro tutto il successo alla Vostra conferenza e Vi ringrazio molto.