Mar09022014

Last updateLun, 01 Set 2014 4pm

Diritti Umani

Appello per salvare la vita dei prigionieri politici in sciopero della fame

CNRI - La Resistenza iraniana mette in guardia lo stato di salute dei prigionieri politici in sciopero della fame, tra cui la signora Nasrin Sotoudeh, avvocato dei prigionieri politici, e Sig. Reza Shahabi, membro dell'Unione dei Sindacati degli autisti d'autobus di Teheran e la periferia. Essa invita tutti gli organismi internazionali e gli organi dei diritti umani ad adottare misure urgenti per indagare le loro condizioni e quelle di altri prigionieri politici nelle carceri del regime dei mullah.

I detenuti che conducono uno sciopero della fame per protestare contro la violazione dei loro diritti fondamentali e le condizioni disumane nelle carceri, sono in condizioni critiche.

Signora Soutoudeh, madre di due bambini piccoli di età compresa tra 3 e 10 anni, è stata arrestata dalle autorità iraniane il 5 settembre 2010, perché difendeva i prigionieri politici, ormai da più di 105 giorni si trova in carcere di Evin nella sezione 209. Il sistema giudiziario dei mullah ha accusato di "minare la sicurezza nazionale e propaganda contro il sistema". Sig. Shahabi è stato trasferito alla clinica Evin a causa della gravità del suo stato. E 'stato per sei mesi nella sezione 209 di Evin.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
Il 20 dicembre, 2010