Sab10252014

Last updateSab, 25 Ott 2014 5pm

Iran: Pubblica e aperta compravendita di voti in favore della lista delle Guardiani della Rivoluzione ( Pasdaran )

Il nono Parlamento sarà dominato principalmente dalle Guardiani della  Rivoluzione

CNRI - Rapporti interni al regime indicano una frode di vaste proporzione ed una compravendita di voti senza precedenti da parte di varie fazioni, in particolare quella dei Bassij e dei Pasdaran (IRGC), in diverse città di tutta la nazione. Questa mossa è stata talmente palese e diffusa al punto tale che gli agenti del regime l’hanno definita uno scandalo per il regime teocratico. Secondo i rapporti ricevuti, sono stati i Bassij e le Guardiani della Rivoluzione a condurre questa iniziativa. Gli agenti dei Bassij e dei Pasdaran percorrendo le strade su vari veicoli, hanno tentato di pagare grosse cifre ai pedoni per portarli in ogni modo possibile ai seggi a votare per i candidati della lista dei Pasdaran. Tra le misure adottate c’era anche quella di comprare i voti in poveri villaggi e trasferire la gente nelle città per dare l’impressione di una grande affluenza al voto in queste elezioni-burla. Molte persone impegnate nella compravendita dei voti in varie città sono state arrestate, ma prontamente rilasciate grazie all’intervento dei Pasdaran e del Ministro dell’Intelligence.
Secondo i rapporti, la frode maggiore si è avuta nella manipolazione dei voti per la lista dei Pasdaran che comprende molte ex-guardie ora membri del Parlamento. Nello show del regime di Tehran di Venerdi, Allah Karam, il capo delle forze di repressione del regime e questi criminali, hanno sostenuto la stessa lista. Su ordine e richiesta di Khamenei, tutte queste misure serviranno alle Guardiani della Rivoluzione per il controllo del Parlamento reazionario.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
2 Marzo 2012