• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Giovedì 17 Gennaio 2019, 21:53:22.

La paura del regime iraniano per la conferenza “focalizzata sull’Iran” in Polonia

Sono passati solo 4 giorni da quando il Segretario di Stato degli Stati Uniti ha annunciato l’imminente conferenza nella capitale della Polonia, Varsavia, è programmata per il 14 e il 15 febbraio dagli Stati Uniti e molti altri Paesi; ma, nonostante gli sforzi del regime iraniano per minimizzare questo evento, le sue piattaforme mediatiche espongono una vera paura.

L’imperativo di riconoscere il diritto del popolo iraniano alla resistenza e alla libertà

Il Segretario di Stato degli Stati Uniti Michael Pompeo ha dichiarato al Cairo che gli Stati Uniti non proteggeranno più i mullah al potere in Iran. Ha aggiunto: “Ci siamo uniti al popolo iraniano nel chiedere libertà e responsabilità”. Pertanto, “l’era della vergogna americana autoinflitta è finita, così come le politiche che hanno prodotto tanta inutile sofferenza”.

È lo Spiegelgate il peggiore scandalo della stampa occidentale?

Comunicato stampa – 7 gennaio 2019

Cosa dire della campagna di disinformazione dell’Iran?
Le rivelazioni sull’inganno del giornalista Claas Relotius, un redattore della prestigiosa rivista tedesca “Der Spiegel”, hanno scioccato i sostenitori della stampa libera. Ora è diventato evidente che la maggior parte dei 60 servizi di Relotius per le quali aveva vinto numerosi premi giornalistici erano basate su bugie.

IRAN: IL TERRORISMO DEI MULLÀ, I NODI AL PETTINE DELL’UE

di Esmail Mohades

L'Opinione della Liberta' 11 gennaio 2019

L’Unione europea s’arrende all’evidenza del persistente terrorismo del regime teocratico iraniano e impone delle sanzioni contro il ministero delle Informazione del regime, sezione di Sicurezza interna e contro due dei dirigenti del ministero per attività terroristiche in territorio europeo.

Editoriale: il cambiamento è all’orizzonte

Nel 2018 l’Iran è stato teatro di numerose proteste, iniziate nel mese di Dicembre 2017 e continuate per tutto l’anno seguente, periodo durante il quale il popolo iraniano si è assicurato che venisse mantenuto lo slancio iniziale, gridando a gran voce la sua insoddisfazione nei confronti del regime clericale: non è certo un segreto che il popolo speri in un cambio di regime.

Iran: L’inserimento di tutto il ministero delle Informazioni e il Corpo dei pasdaran nella lista terroristica e il processo l’espulsione dei loro agenti sono necessari per l’impedire il terrorismo dei mullà in Europa

Il ministro degli Esteri danese Anders Samuelsen ha dato la notizia della sanzione dell’Unione europea contro il ministero delle informazioni dell’Iran, sezioni Sicurezza, e due dei dirigenti del ministero per le attività terroristiche nel territorio europeo.

La faida interna e la paura del rovesciamento del regime dell’Iran

Di Mahmoud Hakamian

La figlia del famigerato Ali Akbar Hashemi Rafsanjani, uno dei fondatori della Repubblica Islamica dell’Iran, ha recentemente parlato al quotidiano “Mostaghel” del fallimento del presidente cosiddetto ‘moderato’ Hassan Rouhani e del crollo generale del regime iraniano.

Iran: la deviazione dell’acqua nella provincia di Isfahan causa malattia

Di Amir Taghati

Le zone umide di Gavkhouni si sono essiccate a causa di una deviazione dell’acqua nella provincia centrale di Isfahan. Il capo del Consiglio Islamico di Varzaneh, Hossein Azhari, ha rivelato che a causa di ciò la leishmaniosi, una grave malattia, ha contagiato centinaia di persone nella città di Varzaneh.

L'Iran è pronto a filtrare Instagram continuando la politica attuata con Telegram

Il regime iraniano è pronto a filtrare la famosa rete di foto e video-sharing Instagram, secondo un funzionario giudiziario iraniano. Javid Javidnia, capo del Dipartimento dello cyberspazio (che comprende i social network), dell'ufficio del procuratore generale iraniano, ha dichiarato in un'intervista al mensile Peivast , testata di Stato, che un ordine del tribunale di filtrare Instagram è stato rilasciato con l'accordo della maggior parte dei membri del Consiglio Supremo garante dello cyberspazio o spazio virtuale , l'organismo incaricato di sorvegliare l'internet dell'Iran.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;