• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Domenica 16 Settembre 2018, 19:42:22.

Maryam Rajavi: Condoglianze e vicinanza alle vittime del terremoto di Bushehr

Appello ai giovani perché aiutino i feriti e coloro che sono rimasti senza casa

A seguito del terremoto verificatosi nelle città di Borazje Dashestan nella provincia di Bushehr, nell'Iran meridionale, che ha ferito e ucciso molte persone e ne ha lasciate molte senza un riparo, Maryam Rajavi, Presidente eletto della Resistenza Iraniana ha porto le sue condoglianze alle famiglie in lutto ed ha augurato una pronta guarigione ai feriti.

Maryam Rajavi: lo sciopero della fame di 3000 prigionieri e le proteste delle loro famiglie contro queste barbare esecuzioni

dimostrano la volontà del popolo di rovesciare un regime che mantiene il suo potere solo attraverso le esecuzioni e i massacri

Maryam Rajavi, Presidente eletto della Resistenza Iraniana, ha elogiato i 3000 detenuti della prigione di Ghezel Hessar in sciopero della fame per protestare contro le esecuzioni dei loro compagni ed ha definito la loro perseveranza come un esempio degno di lode del diffondersi dello spirito di resistenza e dissenso contro il disumano regime dei mullah.

Adozione di una risoluzione di condanna della Terza Commissione dell'Assemblea Generale dell'ONU, per la sistematica violazione dei diritti umani in Iran

Maryam Rajavi: dopo sessanta condanne, basta parole. Il dossier sui crimini del regime dei mullah dovrà essere presentato al Consiglio di Sicurezza dell'ONU e alla Corte Penale Internazionale

Maryam Rajavi, Presidente eletto della Resistenza Iraniana, ha accolto con piacere la ratifica della 60a risoluzione di condanna delle sistematiche e barbare violazioni dei diritti umani in Iran, come il trend crescente delle esecuzioni, delle torture e delle punizioni disumane, in particolare le esecuzioni dei minorenni e le esecuzioni di massa segrete.

La Resistenza Iraniana chiede ancora una volta una indagine indipendente dell'ONU sul massacro e i rapimenti ad Ashraf

Massacro ed esecuzione di massa ad Ashraf – No. 92

Ritardare ancora questa indagine equivale ad aiutare gli autori di questo massacro, in particolare Maliki ed il suo padrone a Tehran, ad eludere la giustizia

Il 13 Novembre Brett McGurk, vice-assistente segretario al Dipartimento di Stato americano, parlando ad una udienza del Congresso ha sottolineato: “Dopo l'attacco del 1° Settembre.... abbiamo chiesto una indagine e che le Nazioni Unite fossero coinvolte in questo processo.”

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;