sabato, Giugno 25, 2022
HomeComunicati StampaDiritti UmaniIran – Appello a indagare sulla morte del prigioniero politico Adel Kianpour...

Iran – Appello a indagare sulla morte del prigioniero politico Adel Kianpour nella prigione di Ahvaz

Il prigioniero politico Adel Kianpour, incarcerato dall’agosto 2020, è morto in circostanze sospette sabato 1° gennaio 2022, dopo avere sofferto di Coronavirus e dopo uno sciopero della fame di una settimana nella prigione di Shiban ad Ahvaz. La magistratura del regime clericale lo aveva accusato di “propaganda contro lo Stato, propaganda a sostegno di gruppi di opposizione, turbamento dell’opinione pubblica per compromettere la sicurezza nazionale e possesso di due armi”.
Adel era stato interrogato e torturato per diversi mesi e gli era stato negato il diritto a un avvocato. Gli è stata anche negata per cinque mesi la visita della sua famiglia. È stato riferito che, un anno dopo il suo arresto, la magistratura del regime clericale aveva fissato per il suo rilascio temporaneo una cauzione di 22,5 miliardi di rial, cosa che la sua famiglia non poteva permettersi.
In ottobre, Adel Kianpour aveva contratto il Coronavirus ma non aveva ricevuto cure mediche. In segno di protesta contro l’oppressione e la crudeltà del regime al potere in Iran, ha annunciato di aver deciso di iniziare uno sciopero della fame sabato 25 dicembre 2021. Ha detto in un’audio-messaggio: “Io, Adel Kianpour, un prigioniero politico, in linea con gli ideali della Carta dei Diritti Umani, in nome della nazione e in nome della giustizia, ho iniziato il 25 dicembre lo sciopero della fame e informo della mia decisione il pubblico e le organizzazioni per i diritti umani”.
La Resistenza iraniana incolpa interamente il regime clericale e la sua magistratura della morte di Adel Kianpour e chiede alle Nazioni Unite, all’Unione Europea e ai suoi Stati membri di condannare con forza questo crimine. Esorta il Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulla situazione dei diritti umani in Iran a indagare sull’arresto, il processo e la morte di Adel Kianpour nella prigione di Shiban e a rendere pubblici i risultati dell’indagine.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)
3 gennaio 2022

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,627FollowersFollow
38,138FollowersFollow