mercoledì, Agosto 10, 2022
HomeComunicati StampaDiritti UmaniTeheran: Giovani ribelli prendono di mira la sede dell'Organizzazione carceraria del regime

Teheran: Giovani ribelli prendono di mira la sede dell’Organizzazione carceraria del regime

Teheran: Giovani ribelli prendono di mira la sede dell’Organizzazione carceraria del regime, responsabile della tortura, dell’esecuzione e dell’uccisione dei prigionieri attraverso maltrattamenti e privazioni

Alle 22.30 di sabato 21 maggio 2022, alcuni giovani ribelli hanno preso di mira la sede dell’Organizzazione carceraria del regime clericale, situata a ovest della famigerata prigione di Evin a Teheran. Questa organizzazione è responsabile della tortura, dell’esecuzione e dell’uccisione attraverso maltrattamenti e privazioni di centinaia di migliaia di prigionieri, soprattutto politici. Durante questo audace atto, compiuto nonostante l’intensa atmosfera di sicurezza, l’ingresso dell’edificio è stato dato alle fiamme.
In precedenza, in una grande campagna di cinque giorni iniziata il 22 maggio, il Comitato per la sicurezza e l’antiterrorismo del Consiglio nazionale della Resistenza iraniana (NCRI) aveva rivelato migliaia di documenti classificati relativi all’Organizzazione carceraria del regime, tra cui i nomi di oltre 33.000 membri del personale, capi, interrogatori, agenti di intelligence e boia, insieme a 22.000 loro foto. Sono stati resi pubblici anche i nomi di 1.169 membri del quartier generale centrale di questa organizzazione, compresi i nomi di 223 capi, funzionari, agenti dell’intelligence e boia del quartier generale dell’Organizzazione delle Prigioni e dei loro uffici nell’edificio di quattro piani, nonché i loro numeri di telefono e interni diretti.
Il Comitato per la sicurezza dell’NCRI ha inoltre reso noti i nomi riservati di 2.273 prigionieri politici e ideologici, tra cui molti detenuti durante la rivolta del novembre 2019. Ha annunciato che oltre alle 267 prigioni, centri di detenzione e campi dell’Organizzazione delle prigioni, le Forze di sicurezza dello Stato (SSF) e il Ministero dell’Intelligence hanno più di 300 centri di detenzione separati.
Durante queste rivelazioni è stato annunciato che, secondo le statistiche dell’Ufficio carceri, 5.197 prigionieri sono nel braccio della morte, 107 condannati all’amputazione e 51 condannati alla lapidazione. Sessanta dei condannati a morte avevano meno di 18 anni al momento del presunto reato.
Il Comitato per la sicurezza dell’NCRI ha ulteriormente denunciato le condizioni catastrofiche e disumane delle carceri pubblicando 100 immagini di celle carcerarie in 23 province.
In precedenza, la resistenza iraniana aveva ripetutamente sollecitato il deferimento al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del dossier sulle orribili e sistematiche violazioni dei diritti umani in Iran, in particolare sulle atrocità del regime nelle sue prigioni medievali. Ha inoltre chiesto di consegnare alla giustizia i leader del regime, in particolare Ali Khamenei ed Ebrahim Raisi, per quattro decenni di crimini contro l’umanità.

Segreteriato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI)
22 maggio 2022

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,627FollowersFollow
38,403FollowersFollow