sabato, Settembre 19, 2020
Home Comunicati Stampa Generale Iran: Le Forze armate irachene impediscono il rifornimento di cibo al Campo...

Iran: Le Forze armate irachene impediscono il rifornimento di cibo al Campo di Ashraf

Rajavi si appella al Segretario Genearle delle Nazioni , al Consiglio di Sicurezza, all’ Alto Commissario per i Diritti Umani affinché si intervenga tempestivamente per metter fine a questo assedio e fermare una catastrofe umanitaria

ImageCNRI – Lunedi per il quarto giorno consecutive, su richiesta della dittatura fascista che comanda in Iran, le Forze Irachene hanno impedito a tre convogli di cibo di entrare ad Ashraf. In questi quattro giorni a 9 convogli di cibo è stato impedito di entrere ad Ashraf e sono stati mandati lontani dai cancelli di Ashraf.

Questa anzione inumana ed il peggioramento di questo ingiusto assedio di Ashraf che è continuato per cinque mesi, è il preludio alla mattanza dei residenti di Ashraf e ad una catastrofe umanitaria.

Al contempo , Mohsen Hakim, figlio di Abdulaziz Hakim, un elemento molto noto el Regime Iraniano, ha affermato, "domani ( 30 Giugno) gli Americani non saranno in grado comunque di monitorare la situazione di Ashraf ed il governo Iracheno avrà il controllo totale." (ISNA News Agency, 29 Giugno, 2009). Questo è un segnale delle intenzioni crudeli del regime dei Mullah contro Ashraf e della preparazione all’annientamento dei suoi residenti.

Il Regime Iraniano bastonato dalla crisi, sommerso dall’ostilità internazionale e incapace di controllare la sollevazione nazionale del popolo Iraniano che è entrata nella sua terza settimana, sta cercando di esportare la sua crisi irreversibile complottando per massacrare i residenti di Ashraf.

Maryam Rajavi, Presidente della Resistenza Iraniana, ha descritto l’impedimento all’entrata di cibo ad Ashraf come un'azione inumana e senza precedenti nel ventunesimo secolo e richiede al Segretario Generale delle Nazioni Unite, al Consiglio di Sicurezza, all’ Alto Commissario per I Diritti Umani e a tutti i rilevanti membri internazionali delle Nazioni Unite di condannare questo crimine e di prendere misure urgenti per far terminare l’assedio di Ashraf.

In una lettera indirizzata ai residenti di Ashraf, al Presidente, al Segretario di Stato, al Ministro della Difesa delle Nazioni Unite, ai ministri degli Esteri, dell’Interno, e dei Diritti Umani dell’Iraq, e al Comandante del MNF-I, alla Commissione Interanzionale dei Giuristi in Difesa di Ashraf (che comprende 8500 avvocati in Europa e negli Stati Uniti) ha dato voce di questo oltraggio senza limite contro il blocco preventivo dei camion ad entrare in Ashraf descritto come un’azione illegittima.

Questa Commissione ha richiesto al governo iracheno di accettare immediatamente e di implementare la risoluzione del Parlamento Europeo del 24 Aprile. Si è appellata affinché finisca l’assedio di Ashraf, affinchè vi siano garanzie ai diritti dei residenti di Ashraf come persone protette dalla quarta Convenzione di Ginevra, e per la prevenzione dell’espulsione o dell’allontanamento dei residenti di Ashraf dall’Iraq.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
29 Giugno, 2009

Mappa: Camp Ashraf, Iraq
Partia di 3400 membri del principale gruppo di opposizione iraniano, i Mojahedin del Popolo dell’Iran (PMOI/MEK)
 

FOLLOW NCRI

70,903FansLike
1,433FollowersFollow
34,923FollowersFollow