mercoledì, Settembre 22, 2021
HomeComunicati StampaPresidente ElettaCelebrazione del 40° anniversario dell’inizio della resistenza nazionale contro il regime clericale,...

Celebrazione del 40° anniversario dell’inizio della resistenza nazionale contro il regime clericale, della manifestazione di 500.000 persone a Teheran e della Giornata dei martiri e dei prigionieri politici in Iran

Iran: Celebrating The 40th Anniversary Of The Start Of The Nationwide Resistance

. Maryam Rajavi:
. Con il boicottaggio nazionale delle elezioni farsa, il popolo iraniano ha dimostrato la propria determinazione a rovesciare il regime. Il boicottaggio è un’altra rappresentazione della gloriosa rivolta del novembre 2019. In questo boicottaggio si possono sentire i passi delle rivolte incombenti.
. L’elezione fittizia del regime clericale con l’insediamento dello scagnozzo del massacro del 1988 come suo presidente è un tentativo destinato al fallimento e non salverà il regime. Fa più luce sulla sua fine politica e sul suo imminente rovesciamento. Raisi non è una soluzione per il regime, ma un simbolo del suo stallo. La sua nomina indica che Khamenei non si fida nemmeno dei membri leali della sua cerchia ristretta. Può diventare il presidente del regime solo qualcuno che è immerso nel sangue dei membri e dei sostenitori del MEK massacrati.
. Manifestazioni simultanee di sostenitori della resistenza nelle principali capitali europee per chiedere che Raisi, l’assassino dei Mojahedin, renda conto dei suoi crimini.
Domenica 20 giugno si è tenuto ad Ashraf 3 un grande raduno in occasione del 40° anniversario del 20 giugno 1981, l’inizio della resistenza nazionale contro la dittatura religiosa al potere in Iran, e per la “Giornata dei Martiri e dei Prigionieri Politici”. La signora Maryam Rajavi, presidente-eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI), ha partecipato e ha parlato all’evento. Anche sostenitori iraniani dei Mujahedin-e Khalq (MEK/OMPI) e del CNRI di tutto il mondo si sono uniti online. Il 20 giugno 1981, più di mezzo milione di sostenitori del MEK organizzarono una manifestazione a Teheran per protestare contro la soppressione delle libertà fondamentali. Su ordine diretto di Khomeini, la marcia pacifica fu trasformata in un bagno di sangue.
All’evento di questa domenica, tenutosi due giorni dopo la mascherata elettorale del regime, la signora Rajavi ha affermato che il boicottaggio nazionale da parte del popolo iraniano delle finte elezioni del regime clericale è degno di una storica congratulazione. Nominare un assassino di massa e un criminale contro l’umanità come presidente indica che la dittatura religiosa è in una spirale discendente e deve essere spazzata via – ha detto.
La signora Rajavi ha aggiunto che dopo questa vergognosa elezione la dittatura religiosa sarà più vulnerabile e fragile. È destinata a perpetrare crimini peggiori avendo come presidente lo scagnozzo del massacro del 1988. Raisi deve essere assicurato alla giustizia in una corte internazionale.

Iran: Celebrating The 40th Anniversary Of The Start Of The Nationwide Resistance

La presidente-eletta del CNRI ha osservato che l’elezione farsa del regime clericale e l’installazione dello scagnozzo del massacro del 1988 e assassino di massa del MEK come suo presidente è un tentativo destinato al fallimento e non salverà il regime. Proprio come la nomina del generale Az ‘hari [negli ultimi mesi del governo dello scià] non salvò la dittatura dello scià, la nomina dello scagnozzo del massacro del 1988 non salverà la dittatura di Khamenei. Nessun altro sviluppo interno del regime avrebbe potuto gettare più luce sulla sua fine politica e sul suo imminente rovesciamento. Non è una soluzione per il regime, ma un simbolo del suo stallo e del fatto che ha esaurito le opzioni. Inoltre, tale nomina indica che Khamenei non si fida nemmeno dei membri leali della sua cerchia ristretta. Può diventare il presidente del regime solo qualcuno che è immerso nel sangue dei membri e dei sostenitori del MEK massacrati. Pertanto, Khamenei ha accettato sia lo scandalo della nomina di questa persona sia la vergogna di un’elezione boicottata. Con il boicottaggio nazionale delle elezioni farsa, il popolo iraniano ha dimostrato la propria determinazione a rovesciare il regime. Il boicottaggio è un’altra rappresentazione della gloriosa rivolta del novembre 2019. In questo boicottaggio si possono sentire i passi delle rivolte incombenti.
Ha aggiunto: Per serrare i ranghi del suo regime per fronteggiare le rivolte popolari, Khamenei da un lato ha aperto la strada alla diffusione del coronavirus in Iran, causando ad oggi la morte di oltre 300.000 nostri connazionali. D’altra parte, ha installato Ebrahim Raisi, lo scagnozzo del massacro del 1988, come presidente. Più di chiunque altro, Khamenei è consapevole dello stato di decadenza e delle carenze del suo regime, nonché del fatto che la società è pronta a rovesciarlo. Pertanto, ha adottato un atteggiamento difensivo, serrando i ranghi ai vertici del regime e ricorrendo alla guerra contro la società iraniana e la comunità internazionale.

Facendo riferimento alla ricerca condotta da accademici iraniani in Università degli Stati Uniti e del Regno Unito, che indica che il numero di coloro che sono stati uccisi nel novembre 2019 era circa tre volte superiore ai 1.500 dichiarati all’epoca dall’OMPI, la presidente-eletta del CNRI ha dichiarato: La rimozione della fazione rivale dal ‘parlamento’ dei mullah, il massacro dei manifestanti del novembre 2019, la strategia di causare vittime di massa per il coronavirus, il rubare nelle tasche della popolazione e depredarne la ricchezza, gli attacchi missilistici a navi, petroliere o centri appartenenti a Paesi vicini e agli Stati Uniti, oltre a scatenare il programma nucleare; tutto questo fa parte di una strategia la cui espressione politica è la presidenza dello scagnozzo della strage del 1988. Questa strategia, tuttavia, non ha alcun sostegno socio-economico o internazionale. È invece una strategia che renderà il regime più fragile e aggraverà molto di più il suo conflitto con la società iraniana.

Domenica i sostenitori del MEK e della Resistenza iraniana hanno tenuto manifestazioni in alcune delle principali capitali e città europee, tra le quali Londra, Colonia, Vienna, Oslo e Ginevra, durante le quali hanno invitato la comunità internazionale a porre fine a tutte le relazioni e all’accondiscendenza con un regime il cui presidente è uno dei peggiori criminali contro l’umanità della nostra epoca.

Iran: Celebrating The 40th Anniversary Of The Start Of The Nationwide Resistance

All’incontro decine di rappresentanti di associazioni giovanili e sostenitori della resistenza in diversi Paesi hanno parlato in commemorazione dell’anniversario della giornata della resistenza. Al termine dell’incontro di Ashraf 3, i partecipanti hanno reso omaggio ai 120.000 martiri della Resistenza iraniana che hanno sacrificato la loro vita sulla via della libertà in Iran.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (CNRI)
20 giugno 2021

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,594FollowersFollow
36,307FollowersFollow