lunedì, Agosto 8, 2022
HomeComunicati StampaResistenza IranianaIran – Conferenza per il Ramadan: Uniti contro il fondamentalismo e la...

Iran – Conferenza per il Ramadan: Uniti contro il fondamentalismo e la guerra, per la pace e la tolleranza

Maryam Rajavi: Ramadan sia il mese della libertà dagli artigli della tirannia religiosa dei mullah, del fondamentalismo, del terrorismo e della politica di guerra.
In occasione del mese sacro del Ramadan, lo scorso lunedì si è tenuta una conferenza dal titolo “Uniti contro il fondamentalismo e la guerra, per la pace e la tolleranza” ad Ashraf 3, il quartier generale dei Mujahedin-e Khalq (MEK/PMOI) in Albania, alla quale ha preso parte la Sig.ra Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI), in contemporanea nella sede del NCRI a Auvers-sur-Oise, Francia, dove erano presenti molti illustri esponenti politici e religiosi. Molte altre personalità si sono unite alla conferenza online.
Delegazioni e rappresentanti di Ucraina, Palestina, Egitto, Siria, Iraq, Arabia Saudita, Yemen, Giordania, Libano, Algeria, Tunisia, Kuwait, Mauritania e leader musulmani, cristiani ed ebrei che vivono in Francia sono intervenuti alla conferenza.
Tra gli oratori della conferenza c’erano Sid Ahmed Ghozali, l’ex primo ministro algerino, Salem al-Meslet, capo della coalizione nazionale dell’opposizione e delle forze rivoluzionarie della Siria, Bassam al-Omoush, ex ministro giordano dello sviluppo amministrativo e ambasciatore della Giordania in Iran, Ahmad Al-Khalil, e Eid Al-Naimat, parlamentari giordani, Taisir Altamimi, ex giudice supremo palestinese, Mohammad Amin Al-shakhari, ex ministro tunisino delle miniere e delle industrie, Ahmad Al-Mosabli, consigliere del ministro della pubblicità in Yemen, Monseigneur Jacques Gaillot, Rabbino Moché Lewin, vice capo rabbino di Francia, Tahir Boumedra, ex capo dei diritti umani delle Nazioni Unite in Iraq, Anouar Malek, autore ed ex membro del team di monitoraggio della Lega Araba in Siria, Ahmed Al-Jarallah, illustre autore e caporedattore dei giornali kuwaitiani Arab Times e Al-Seyassah, Tymofiy Mylovanov, Ministro dello sviluppo economico e del commercio dell’Ucraina (2019-2020), Kira Rudyk, deputato ucraino, leader del Partito della Voce, così come Jalal Ganjei, Presidente del Comitato per la libertà delle religioni e delle confessioni della NCRI.
Nel suo discorso, la signora Maryam Rajavi ha condannato il regime, del tutto illegittimo e detestato dagli iraniani, che preserva il suo potere a costo della vita, della pelle e del sangue delle persone, portando alla povertà e alla fame la società iraniana, che ormai colpisce almeno l’80-70% della popolazione del paese. La signora Rajavi ha affermato: “All’inizio del mese sacro di Ramadan, prego per la liberazione dei miei compatrioti dalle catene della tirannia religiosa”. E ha aggiunto: “Le nostre sorelle e fratelli musulmani in Medio Oriente siano liberati dal fondamentalismo del regime clericale, dal terrorismo e dal malvagio bellicismo. E preghiamo che i popoli di tutto il mondo, specialmente il saldo popolo dell’Ucraina, raggiungano la pace e la tranquillità”.
La presidente eletta della NCRI ha inoltre sottolineato: “Khamenei, con le sue orribili politiche, costringe la gente a lavorare senza paga e ha trasformato la forza lavoro iraniana nella più sottopagata al mondo. Fa morire di fame la stragrande maggioranza delle persone. Depreda le ricchezze e le proprietà pubbliche e spinge i malati a morire e le persone fuori dalle loro case. Ma i poveri, quelli stufi della situazione attuale, e quelli depredati rappresentano ora una potente forza di ribellione rivolta contro il dominio, sempre più vulnerabile, di Khamenei.
La signora Rajavi ha ribadito: “Il PMOI ha innalzato la bandiera dell’uguaglianza e della lotta contro tutte le forme di discriminazione e di oppressione. Si è battuto per l’uguaglianza di genere, e nel corso della sua storia, ha difeso le libertà e i diritti dei gruppi etnici oppressi e dei seguaci delle diverse religioni. Allo stesso modo, in quanto seguaci dell’Islam, il PMOI si è opposto a qualsiasi espansionismo aggressivo e all’intervento in altri Paesi con il pretesto di esportare la rivoluzione”.
La signora Rajavi ha evidenziato: “Khomeini e i suoi seguaci hanno invocato il nome dell’Islam per stabilire il dispotismo religioso e il governo attraverso la tortura, il saccheggio, la misoginia e il terrorismo. Per un periodo, hanno inflitto pesanti danni a tutto il tessuto politico, intellettuale, culturale e sociale dell’Iran e dei paesi del Medio Oriente. Ma il loro inganno religioso, tuttavia, è stato sconfitto di fronte alla perseveranza ideologica del PMOI e al sacrificio, di generazione in generazione, dei suoi membri. Hanno ormai i giorni contati. Dopo il rovesciamento del regime, il destino dell’Iran sarà segnato dalla libertà, dall’uguaglianza e dalla separazione tra religione e stato”.
Nel suo discorso, Salem Al-Meslet, ha ricordato come “Il popolo della Siria ha sofferto molto per mano del regime iraniano, che ha esteso il terrorismo e l’estremismo a livello globale… Il nostro popolo ha sofferto molto a causa delle atrocità che hanno compiuto nei nostri paesi”, ha aggiunto.
Taisir Al-Tamimi ha detto: “Il regime (iraniano) sta cospirando contro il popolo palestinese, e invito tutti i paesi arabi e le persone oneste del mondo a schierarsi contro questo regime corrotto…. Siamo al fianco della Resistenza iraniana nella sua lotta per la libertà”.
Esprimendo la speranza che i membri del MEK ad Ashraf-3 e tutto il popolo iraniano si liberino del regime clericale, Ahmad Al-Khalil ha sottolineato che “il mondo arabo non è stato risparmiato dall’ingerenza del regime”.
Eid Al-Naimat ha fatto riferimento alla sua visita ad Ashraf 3 e ha dichiarato che durante la visita al museo di Ashraf-3, è stato testimone dell’oppressione che il popolo iraniano ha subito.
Ahmad al-Jarallah ha dichiarato che “il popolo e il mondo intero sono testimoni degli sforzi della signora Rajavi per porre fine a questo regime canaglia, dalle cui azioni il popolo dell’Iran e i paesi arabi e islamici stanno soffrendo”.
Parlando in collegamento video dall’Ucraina Kira Rudik, ha descritto il dolore e le sofferenze degli ucraini, in particolare le donne, e ha detto: “Ho avuto modo di conoscere quello che vi è successo ad Ashraf, e voglio dirvi che ora so cosa avete passato”. Ha aggiunto: “Sto esortando i leader mondiali e le organizzazioni, dovete agire ora”, ha aggiunto.
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
8 aprile 2022

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,627FollowersFollow
38,375FollowersFollow