martedì, Settembre 21, 2021
HomeComunicati StampaResistenza IranianaTerzo giorno del vertice mondiale Free Iran 2021, “Porre fine alle violazioni...

Terzo giorno del vertice mondiale Free Iran 2021, “Porre fine alle violazioni sistematiche dei diritti umani da parte del regime iraniano”

Maryam Rajavi: Questa è prova del nove per capire se la comunità internazionale si impegnerà e tratterà con questo regime genocida o starà dalla parte del popolo iraniano.
Discorsi di ex primi ministri dell’Italia, Belgio, Svezia, Romania e Irlanda, e decine di ex ministri dell’UE.
Discorsi di John Bolton, Joseph Lieberman, Rudy Giuliani, Louis Freeh, Michael Mukasey, Generali Conway e Keane
– Maryam Rajavi: Raisi deve essere processato per genocidio e crimini contro l’umanità durante il massacro del 1988 e i massacri prima e dopo. La resistenza verserà il veleno dei diritti umani nella gola di questa dittatura religiosa. Questa campagna per la giustizia è la campagna del popolo iraniano per rovesciare il regime.
– Insediare Raisi come presidente distrugge il mito della moderazione all’interno del regime. Segna il fallimento della politica di compiacenza sostenuta dai governi occidentali.
Il terzo giorno del Free Iran World Summit 2021, Democratic Alternative of the March to Victory (l’alternativa democratica della marcia verso la vittoria), è stato incentrato sulla richiesta del popolo iraniano di giustizia per le vittime del massacro del 1988 di più di 30.000 prigionieri politici, il 90% dei quali erano membri e sostenitori del Mujahedin-e Khalq (MEK/PMOI).
Molte figure europee di spicco interverranno al vertice come il primo ministro italiano Matteo Renzi (2014-2016), l’eurodeputato e primo ministro belga Guy Verhofstadt (1999 – 2009), Enda Kenny, primo ministro irlandese (2011 – 2017), Carlo Cottarelli, economista italiano ed ex direttore del Fondo monetario internazionale, primo ministro italiano designato (2018), Fredrik Reinfeldt, primo ministro svedese (2006 – 2014), Petre Roman, primo ministro rumeno (1989-1991), insieme a sostenitori di spicco della resistenza iraniana: Il sindaco Rudy Giuliani, John Bolton, il senatore Joseph Lieberman, il senatore Robert Torricelli, il giudice Michael Mukasey, l’ex direttore dell’FBI Louis Freeh, l’ambasciatore Robert Joseph, l’ambasciatore Marc Ginsberg, l’ambasciatore Lincoln Bloomfield Jr, Frances Townsend, ex consigliere per la sicurezza interna degli Stati Uniti, Theresa Payton, ex responsabile dell’informazione della Casa Bianca, così come decine di ministri europei e canadesi, tra cui dal Canada, John Baird, ministro degli esteri (2015), Tony Clement, ministro dell’industria (2011), Wayne Easter, ministro dell’agricoltura (2006), Judy A. Sgro, ministro della Cittadinanza e dell’Immigrazione (2005); Dalla Francia, Rama Yade, ministro dei Diritti Umani (2007-2009), Corinne Lepage, ex ministro dell’Ambiente; dalla Scandinavia, Timo Soini vice primo ministro della Finlandia (2017) e ministro degli Affari esteri (2019); dagli Stati baltici; Audronius Ažubalis, ministro degli Esteri lituano (2012); Eduard Kukan, ministro degli Esteri slovacco (2006); Dall’Irlanda, Tom Kitt, segretario di Stato (2008), Lucinda Creighton, ministro di Stato per gli Affari europei; Lord Henry Bellingham, Sottosegretario di Stato al Ministero degli Esteri e del Commonwealth del Regno Unito; Alexandr Vondra, deputato europeo, ex ministro della Difesa della Repubblica Ceca (2012); dalla Polonia, Michał Kamiński, segretario per le relazioni con i media nella Cancelleria del Presidente (2007), Ryszard Kalisz, ministro dell’Interno e dell’Amministrazione (2005); dall’Albania, Tritan Shehu, Ministro degli Affari Esteri dell’Albania (1997), Klajda Gjosha, Ministro dell’Integrazione Europea (2017), Mimi Kodheli, Ministro della Difesa (2017); anche alti comandanti militari degli Stati Uniti, tra cui, il Generale Kosha Gjosha. Tra i comandanti militari statunitensi, il generale James Conway, il generale Jack Keane, il generale Charles Wald; James Woolsey, ex direttore della CIA (1995), e figure politiche di spicco, come Adrianus Melkert, ex rappresentante dell’UNAMI in Iraq, Garry Kasparov, gran maestro di scacchi russo, Gilbert Mitterrand, presidente della Fondazione France Libertés, interverranno.

Nel suo discorso, la signora Maryam Rajavi, presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI), riferendosi alle ragioni per cui Khamenei ha installato Ebrahim Raisi, l’assassino del MEK e sostenitore del massacro del 1988, ha detto che in termini politici, la sua ascesa ha fatto crollare il mito della moderazione all’interno del regime. Ha segnato il fallimento della politica di compiacenza dei governi occidentali nei confronti del fascismo religioso. Ora, hanno consegnato il ramo esecutivo a un assassino di massa, il potere giudiziario a un boia professionista, e il ramo legislativo a un maneggiatore di clave che ha dichiarato apertamente: “Io sono uno che portava un bastone, e sono orgoglioso di averlo alzato contro Massoud Rajavi (il leader della resistenza iraniana) dal 1979”. In verità, egli è l’incarnazione dell’oscenità e della malizia. Infatti, se la dittatura religiosa non fosse sull’orlo della sconfitta, perché avrebbe bisogno di mettere al timone la squadra di cannibali?
Sottolineando che più del 90% del popolo iraniano ha boicottato queste elezioni fasulle, la signora Rajavi ha detto che anche le statistiche rivelano numerosi casi di frode da parte del regime che riconosce che l’80% della gente a Teheran, il 70% a Shiraz, e il 58% in tutto il paese non è andata alle urne. Le elezioni del consiglio comunale sono state ancora più disastrose. In alcune città, le schede nulle sono arrivate per prime. L’affluenza degli elettori a Tabriz è stata solo dell’1,5%. Sì, questo regime rappresenta solo l’1,5% della popolazione. Il fatto è che ci sono le condizioni oggettive per rovesciare il regime. Per quanto riguarda il popolo iraniano, come sempre, sta raddoppiando la sua determinazione a rovesciare la dittatura religiosa di fronte alla sua nuova atteggiamento repressiva e aggressiva.
La signora Rajavi ha aggiunto: Per quanto riguarda la comunità internazionale, questa è la prova del nove per capire se si impegnerà e tratterà con questo regime genocida o starà dalla parte del popolo iraniano. Le Nazioni Unite non devono permettere a Raisi di partecipare alla prossima sessione dell’Assemblea Generale. Raisi è un criminale colpevole di genocidio e di crimini contro l’umanità nel 1988. È colpevole perché, come uno dei più alti funzionari giudiziari del regime negli ultimi 40 anni, ha giocato un ruolo chiave nell’esecuzione e nell’assassinio dei figli del popolo iraniano. È colpevole perché è uno dei leader di un regime che ha ucciso 1.500 giovani durante la rivolta del novembre 2019 (secondo le stime di ricercatori è tre volte tanto). Come ha detto il segretario generale di Amnesty International: “Che Ebrahim Raisi sia salito alla presidenza invece di essere indagato per i crimini contro l’umanità di omicidio, sparizione forzata e tortura è un triste promemoria che l’impunità regna sovrana in Iran.”
La signora Rajavi ha specificato: È stata questa Resistenza che un giorno ha costretto Khomeini a bere dal calice avvelenato del cessate il fuoco nella guerra Iran-Iraq. È stata questa Resistenza che un giorno ha catturato Ali Khamenei smascherando il programma nucleare del regime. E sarà questa Resistenza che un giorno verserà il calice di veleno dei diritti umani nella gola di questa dittatura religiosa. Questo diventerà senza dubbio una realtà.

Prima di parlare al vertice, la signora Rajavi ha visitato il Khavaran Memorial, costruito ad Ashraf 3, in Albania, per rendere omaggio ai 30.000 prigionieri politici uccisi durante il massacro dell’estate del 1988. Questi martiri sono stati giustiziati sulla base della fatwa di Khomeini e da Raisi e altri criminali al potere perché rifiutavano di pentirsi e sono rimasti fermi nelle loro convinzioni e nel loro impegno per la libertà. Molti di loro furono sepolti in fosse comuni nel cimitero di Khavaran (nel sud-est di Teheran). A nome della Resistenza iraniana, la signora Rajavi ha giurato che la Resistenza iraniana continuerà la sua lotta finché non riuscirà a riprendere l’Iran dalla morsa del regime dominante assassino.
Gli oratori di oggi:
Primo Ministro italiano Matteo Rentzi (2014-2016), membro del parlamento europeo e Belgian Prime Minister Guy Verhofstadt (1999 – 2009), Enda Kenny, Primo Ministro irlandese (2011 – 2017), Carlo Cottarelli, Italian economist and former director of the International Monetary Fund, Italy’s designated Prime Minister (2018), Frederic Reinfeldt, Swedish Prime Minister (2006 to 2014), Petre Roman, Romanian Prime Minister (1989-1991), and Prominent supporters of the Iranian Resistance: Mayor Rudy Giuliani, John Bolton, Senator Joseph Lieberman, Senator Robert Torricelli, Judge Michael Mukasey, Dir. Louis Freeh, Ambassador Robert Joseph, Ambassador Marc Ginsberg, Ambassador Lincloln Bloomfield Jr., Frances Townsend, former U.S. Homeland Security Advisor, Theresa Payton, former White House Chief Information Officer, as well as dozens of European and Canadian Ministers, including from Canada, John Baird, Foreign Minister (2015), Tony Clement, President of the Treasure Board (2015), Wayne Easter, Minister of Agriculture (2006), Judy Sgro, Minister of Citizenship and Immigration (2005); From France, Rama Yade, Minister of Human Rights (2007-2009), Corinne Lepage, former Minister of the Environment; From Scandinavia, Timo Soini Deputy Prime Minister of Finland (2017) and Minister of Foreign Affairs (2019); from the Baltic States; Audronius Ažubalis, Lithuanian Foreign Minister (2012); Eduard Kukan, Slovak Foreign Minister (2006); From Ireland, Tom Kitt, Secretary of State (2008), Lucinda Creighton, Minister of State for European Affairs; Lord Henry Bellingham, Under Secretary of State at the UK Foreign and Commonwealth Office; Alexandr Vondra, MEP, former Minister for Defense of the Czech Republic (2012), from Poland, Michał Kamiński, Secretary for Media Relations in Chancellery of the President (2007), Ryszard Kalisz, Minister of Interior and Administration (2005); From Albania, Tritan Shehu, Minister of Foreign Affairs of Albania(1997), Klajda Gjusha, Minister of European Integration (2017), Mimi Kodheli, Minister of Defense (2017); Also Senior U.S. military commanders including, General James Conway, General Jack Keane, General Charles Wald; James Woolsey, former CIA director (1995), and prominent political figures, such as Adrianus Melkert, former UNAMI representative in Iraq, Garry Kasparov, Russian chess grandmaster, Gilbert Mitterrand, President of the France Libertes Foundation, will be addressing the Summit.
Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran (NCRI)
12 luglio 2021

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,594FollowersFollow
36,292FollowersFollow