• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Domenica 03 Novembre 2019, 09:34:16.

Iran: 150 arrestati durante le proteste dei lavoratori il 1° maggio

Maryam Rajavi chiede la liberazione delle persone arrestate

ImageCNRI - Nonostante le misure soppressive intenso e una legge marziale non dichiarata, migliaia di lavoratori svantaggiati iraniani hanno manifestato il 1° maggio contro il regime dei mullah. A Teheran, 5000 agenti delle forze soppressiva hanno bloccato i dintorni del parco Laleh impedendo agli operai di entrarvi per prevenire ogni forma di manifestazione.

Ma è ai grida di “liberate gli operai fermati„ e “non npn vogliamo l'energia nucleare, non vogliamo salari a 183.000 tomans„ che gli operai si sono urtati agli agenti. Nel corso degli scontri, più di 150 persone, in particolare delle donne e degli adolescenti, sono stati arrestati e portati in luoghi sconosciuti.

Pur salutando i dimostranti, Maryam Rajavi, presidente eletto della resistenza iraniana, ha chiamato le organizzazioni internazionali di difesa dei diritti dell'uomo e di difesa dei lavoratori, i sindacati e le unioni professionali nel mondo da condannare questa repressione ed adottare misure urgenti per fare liberare le persone sfidate, in particolare le donne

Tra le donne arrestate sono Maryam Mohseni, Fatemeh Shahnazari, Parvaneh Ghassemian, e najmä Ranjbaran. Altri detenuti sono Gholamreza Khani e Mansour Hayat Gheibi da Teheran l'Unione di autisti di autobus, Jafar Azimzadeh, Shapour Ehsanirad, rappresentante di lavoratori licenziati da Navard e Saveh Profilo fabbriche, Behzad Khabaz, Mohammad Faraji, Saleh Kimiari, Mehdi Farahi Shandiz, Saeed Youzi , Mohammad Ashrafi, Younes Arjang, Fayegh Khosravi, Nikzad Zanganeh, Pourya Poushtareh, Taha Valizadeh, Moghaddam Saeed, Saeed Sojoudi, Farajollah Saeedi, Alireza Saghfi, Jamal Seyedali, Sirous Rahyad, e Hamid Ghorbani.

Un certo numero di studenti universitari sono stati arrestati durante gli scontri di ieri, tra cui Hamid Malekzadeh dall'università di Tehran, Kaveh Mozaffari, Amir Yaghoubali e Seyyed Javad Moussavi dall'Università di Allameh. Le forze di sicurezza hanno imbarcato le persone sfidate con la violenza per portarle in prigione.
I lavoratori inoltre hanno organizzato incontri e manifestazioni in altre città iraniane, compresa Arak, Kermanshah, Ghasre Shirin, Sanandaj, e Qom, nonostante le misure di sicurezza adottate dal regime clericale. Alcune di queste manifestazioni hanno portato a scontri con le forze soppressiva e alcuni lavoratori sono stati arrestati.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
1 ° maggio 2009

 

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares