sabato, Giugno 25, 2022

Il Presidente del CNRI

ImageIl Presidente e portavoce ufficiale del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana è Massud Rajavi. Massud Rajavi è nato in 1948 nella città di Tabas nella provincia a nord-est di Khorassan.
Minore di cinque fratelli, si è laureato in legge politica nell’Università di Tehran. I suoi fratelli hanno completato la loro educazione superiore in Francia, Svizzera, Gran Bretagna e in Belgio.

Il più anziano, il Professor Kazem Rajavi, fu assassinato in Aprile 1990 a Ginevra. La sua unica sorella, Monireh, fu giustiziata nel 1988 dopo aver resistito a sei anni di imprigionamento con i suoi due bambini piccoli. Asghar Nazemi, suo marito, era stato giustiziato due anni prima.
Gli anziani genitori di Rajavi erano stati imprigionati dai mullah nel 1981. La sua prima moglie Ashraf, anch’ella una Mojahedin imprigionata ai tempi dello Shah, aveva sposato il Signor Rajavi nell’estate 1979, e fu assassinata a Tehran nel Febbraio 1982 quando il Pasdaran attaccò la sua residenza.

  • Sotto lo Scià

Alle scuole superiori Rajavi era un simpatizzante dell’Ayatollah Taleqani e del movimento di liberazione di Mehdi Bazargan. Divenne membro dei Mojahedin all’università nel 1967. Era in contatto diretto con il fondatore dell’organizzazione, Mohammad Hanifnejad e successivamente è diventato un esponente nel comitato centrale.

Il sig. Rajavi fu arrestato nel 1971 e condannato a morte. Il suo fratello più anziano, il professor Kazem Rajavi, organizzò una campagna in tutto il mondo per salvargli la vita e la richiesta servì a convertire la pena in prigionia a vita. La SAVAK, incapace a perseguirlo a causa della pressione internazionale, trattenne Rajavi sotto tortura durante la sua incarcerazione. Amnesty Internazional, il comitato internazionale della croce rossa, così come personalità di spicco europee quali François Mitterrand, sono intervenute per chiedere la sua liberazione molte volte. È stato liberato con l’ultimo gruppo di prigionieri politici nel mese di gennaio del 1979. Malgrado le  difficili condizioni vissute in prigione, il Sig. Rajavi ha dovuto riempire il vuoto dei capi dell’organizzazione dei Mojahedin giustiziati e fare rivivere l’organizzazione, frantumata dai Marxisti in un colpo netto.

Ha speso ore ed ore, in circostanze straordinariamente restrittive, formulando ed istruendo le posizioni dei Mojahedin. Tutte le sue attività hanno dovuto essere mantenute nascoste dagli occhi del SAVAK e dalle guardie della prigione. La malattia e la tortura sistematica hanno aggravato le difficoltà della sua operazione. Ogni volta che la SAVAK ha avuto sentore delle sue operazioni, è stato restituito agli alloggiamenti di tortura, ma ha continuato le sue discussioni con i suoi compagni.

Il sig. Rajavi ha descritto la corrente marxista, che aveva frantumato non soltanto l’organizzazione di Mojahedin, ma anche l’unità e la fiducia fra le forze di opposizione, come perfida e deviante. Ha censurato la loro appropriazione indebita del nome "Mojahedin" e la loro campagna secondo cui ideologia dei Mojahedin era Islam ed il loro obiettivo era sovvertire lo Scià e stabilire un governo indipendente e popolare.

Queste posizioni decisive hanno forzato i marxisti a smettere di usare il nome del Mojahedin nel 1977. Rajavi ha indicato che il colpo ai Mojahedin poteva provocare interpretazioni sbagliate della religione ed ha raccomandato i Mojahedin di mantenere distanza dai reazionari, la cui ideologia era spalleggiata da Khomeini.

La minaccia più grande dei Mullah

Dal tetto della prigione di Qasr l’ultimo giorno della sua prigionia, ha parlato in rappresentanza dell’ultimo gruppo di prigionieri politici liberati, alle migliaia di residenti in Tehran che erano venuti a prendere atto della sua liberazione.

Ha espresso parole di speranza, augurandosi che le prigioni sarebbero state chiuse per sempre. Parecchi giorni prima dell’arrivo di Khomeini a Tehran, suo figlio, Ahmad khomeini, risiedente a Parigi, gli ha detto, "avete molto appoggio in Iran e se formate un partito politico, milioni si uniranno a voi." Parecchie settimane più tardi, in una riunione a Tehran, Ahmad Khomeini ha detto a Rajavi, "se sosterrete l’Imam e vi opporrete ai suoi avversari, tutte le porte vi saranno aperte vi sarà dato tutto quello di cui avrete bisogno."

Rajavi ha rifiutato la proposta di Khomeini, ad esempio del fatto che i Mojahedin hanno da sempre solo cercato un governo nazionalista e democratico. Un anno più tardi, in primavera 1980, il sig. Rajavi ha incontrato Hashemi Rafsanjani, allora membro del Consiglio della rivoluzione  e il Ministero degli Interni, per archiviare un reclamo sul gran numero di casi di frode e di sartiame da parte degli operatori del regime durante le elezioni parlamentari. Rafsanjani gli ha detto: "Si dimentichi di tutto questo. Avete un’organizzazione, una reputazione molto buona e godete di molto rispetto. Se aveste accettato il Imam ed il velayat-e faqih, tutte le porte si sarebbero aperte per voi. Ci avete forzati a mandare i ministri ed i delegati del parlamento all’estero." Il sig. Rajavi ha risposto:"non dovreste aspettarvi che noi accetteremmo il monopolio di potere sotto la bandiera dell’Islam."

Subito dopo la rivoluzione, il Mojahedin ha lanciato la propria campagna culturale e ideologica fra gli intellettuali e la generazione più giovane contro l’interpretazione dispotica e reazionaria di Khomeini sull’Islam. Verso la fine del 1979, Rajavi ha cominciato una serie di conferenze di filosofia all’università di Sharif. Ogni settimana, 10.000 allievi partecipavano a queste lezioni e più di 100.000 hanno guardato le video registrazioni attraverso tutto l’Iran. Le trascrizioni sono state pubblicate settimanalmente e centinaia di migliaia sono state distribuite in tutto l’Iran. Dopo appena 16 settimane, Khomeini ha bloccato le lezioni all’università, i capi del suo regime avevano sottolineato che le università si erano trasformate in una base per i Mojahedin.

Una Fatwa di Khomeini contro i discorsi del Rajavi

Dal 1980, Rajavi ha tenuto a Tehran e nei centri della provincia oratorie che hanno radunato folle di centinaia di migliaia di uomini. Il momento di svolta nell’aumentata eccezionale della popolarità dei Mojahedin è venuto nelle elezioni presidenziali di gennaio del 1980. La candidatura di Rajavi ha ricevuto un enorme supporto dall’opposizione democratica al regime dei mullah. Lo storico americano Ervand Abrahamian ha scritto nella sua rubrica di quegli anni: "la candidatura di Rajavi è stata appoggiata non soltanto dalle organizzazioni Mojahedin-affiliate; ma anche da un allineamento impressionante delle organizzazioni indipendenti compreso il Feda’iyan, la parte democratica nazionale, il partito curdo democratico, il partito rivoluzionario di Toilers (Komula), la società dei socialisti iraniani, la società per i diritti culturali e politici del Turkomans, la società dei giovani assyriani ed il gruppo unito di armeni, di Zoroastriani e di minoranze ebree.

Rajavi inoltre ha ricevuto il supporto di tantissime figure prominenti: la vedova del Taleqani, Shaykh Ezeddin Hosseini, il capo spirituale dei Curdi di Sunniti in Mahabad; Hojjat al-Islam Jalal Ganjehi…; cinquanta membri ben noti dell’associazione dei produttori iraniani, compreso l’economista Naser Pakdaman, Manuchehr Hezarkhani e storici secolari quali Feraydun Adamiyyat e Homa Nateq; e, naturalmente, molte delle famiglie dei martiri dei Mojahedin, in particolare i Hanif-nejad, i Rezai, i Mohsen, i Badizadegan, gli Asgarizadeh, i Sadeq, i Meshkinfam ed i Mihandust.

I Mojahedin si erano trasformati in una delle avanguardie della secolare opposizione alla Repubblica islamica. "Temendo che la vittoria di Rajavi potesse rovesciare l’emergere del totalitarismo religioso che stava modellando, Khomeini tradì la sua promessa iniziale di non intervenire nelle elezioni ed pubblicò una fatwa (decreto religioso) a nomina di Rajavi, un veto per la presidenza. Questa mossa ha soltanto contribuito ad aumentare la popolarità dei Mojahedin. Nelle prime elezioni parlamentari nel mese di Marzo ed Aprile del 1980, i Mojahedin ha ricevuto il secondo più alto riscontro di voto nazionale, secondo soltanto al partito Repubblicano islamico di Khomeini, malgrado gli enormi imbrogli e la frode elettorale da parte dei mullah.

Il candidato di Tehran, Rajavi ricevette 550.000 voti, ma Khomeini gli impedì di entrare nel parlamento. In un discorso nel mese di giugno del 1980 allo stadio di Amjadieh di Tehran, il sig. Rajavi ha criticato i capi del regime riguardo alla soppressione delle libertà.

La riunione nel tributo alle vittime del club-maneggio fu attaccata, e generò uno scandalo politico importante per il regime.
Venti delegati dal Parlamento appena riunito hanno così pubblicato la prima dichiarazione, per condannare l’attacco. Gli osservatori politici di allora descrissero all’unanimità Massoud Rajavi come capo dell’opposizione anti-Khomeini. Parecchi giorni più tardi, Khomeini ha accentuato il suo discorso contro il Mojahedin, esprimendo candidamente la sua preoccupazione per la popolarità di Rajavi, che aveva cominciato una campagna per riunire le forze democratiche di opposizione.

Il quotidiano dei Mojahed, con una circolazione di 500.000 copie, ha avuto allora la più grande readership in Iran. Una sezione, intitolata Showra (Consiglio), era dedicata ad altri gruppi di opposizione e personalità per permettere loro di esprimere i loro punti di vista. All’inizio di 1981, in serie di lunghe interviste, Rajavi ha spiegato allora i punti di vista dei Mojahedin riguardo Khomeini ed altre tendenze politiche ed ha proposto la formazione di una parte avanguardista contro l’arretratezza religiosa.

Un’alternativa democratica alla tirannia dei mullah

Il progressivo e rapido aumento dei Mojahedin non era qualcosa che Khomeini poteva tollerare. I primissimi mesi del 1981 hanno testimoniato un brusco aumento negli attacchi ai raduni dei Mojahedin, nell’assassinio di simpatizzanti dei Mojahedin mentre vendevano giornali dell’organizzazione, ed nel numero di fatwa dei vari mullah attraverso il paese, dichiaranti che era " ammissibile per religione " uccidere un Mojahedin e confiscare le loro proprietà  perché " traditori " che non accettavano la versione dell’Islam dei mullah.

Il 20 giugno, Khomeini pubblicò un ordine pubblico alle guardie della  rivoluzione per respingere una dimostrazione contro mezzo milione di residenti a Tehran, che avevano risposto alla chiamata dei Mojaehdin per dimostrare contro la tirannia dei mullah. Dozzine di uomini sono morti fucilati e centinaia furono arrestati. Nello stesso giorno cominciarono le esecuzioni capitali. Le decine di migliaia dei membri dei Mojahedin, sostenitori ed altri attivisti di opposizione sono stati giustiziati nei pochi mesi della politica più sanguinaria nella storia dell’Iran.

Rajavi annunciò la formazione del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana a Tehran il 21 luglio 1981. Alcuni giorni più tardi, lasciò Tehran diretto in Francia a bordo di un jet militare iraniano pilotato da una squadra di ufficiali pro-Mojahedin dell’aeronautica.

A Parigi, Rajavi ha introdotto il CNRI all’opinione pubblica del mondo ed ha esposto le atrocità dei mullah. E’ venuto in contatto con molti capi stranieri e dignitari politici ed è stato intervistato da centinaia dei giornalisti dappertutto.

Un’innovazione coraggiosa

Dopo il ritiro dai territori iraniani, Rajavi lanciò una campagna per la pace con l’Iraq, nel 1983, perché non c’era necessità di continuare la guerra fratricida. Ha presentato un programma di pace basato sul Trattato del 1975 di Algeria, nel mese di marzo del 1983. Il programma ha ottenuto il supporto di molti governi, partiti politici e di 5.000 dignitari politici e del parlamentari intorno al mondo. Sotto la pressione del governo francese dal 1986 in seguito all’ultimo accordo segreto con i mullah riguardo al rilascio degli ostaggi francesi nel Libano, Rajavi ha spostato le sue sedi da Parigi verso la regione di confine tra Iran-Iraq nel mese di giugno del 1986.
 
Un anno più tardi, ha annunciato la formazione dell’Esercito Nazionale della Liberazione dell’Iran, come braccio militare della resistenza iraniana. Sotto l’ordine generale di Rajavi, ENL ha ottenuto vittorie significative in più di 100 scontri militari contro le protezioni e le guardie della  rivoluzionari e  unità dell’elite delle forze militari dei mullah.

Subito dopo che le forze ENL hanno liberato la città di Mehran nel mese di giugno del 1988, Khomeini è stato obbligato ad accettare il cessate il fuoco malgrado suo, sebbene avesse incitato più volte in precedenza a continuare la guerra " fino all’ultima costruzione in piedi in Iran”.

"Un anno dopo il cessate il fuoco, la morte di Khomeini ha privato il regime dei mullah del principale sostegno. Da allora, durante gli otto anni del duo Khamenei-Rafsanjani alla direzione del regime e particolarmente dopo la direzione del “triumvirato” determinatosi quando Khatami  è salito alla presidenza nel 1997, il regime dei mullah si è contaminato con le lotte di fazioni, l’instabilità cronica e le crisi numerose politiche, economiche e sociali.
 
Di fronte a questo regime, Rajavi ha condotto in modo competente il movimento di resistenza verso l’obiettivo strategico del rovesciamento del governo in Iran.

Un Leader Storico

Malgrado il ruolo decisivo del sig. Rajavi nella storia del movimento di resistenza, tutte le decisioni importanti all’interno del movimento sono state prese collettivamente dopo discussioni lunghe ed dibattiti democratici. Con questo processo, i nuovi membri hanno assunto le responsabilità più grandi. La maggior parte dei membri del Consiglio di direzione dei Mojahedin e più del 90 per cento del Consiglio centrale dell’organizzazione hanno unito i Mojahedin dopo 1979.

Dal 1989, il sig. Rajavi non ha avuto responsabilità esecutive nell’organizzazione dei Mojahedin. Il suo ruolo nel salvaguardare i principi dei Mojahedin come organizzazione musulmana, democratica, nazionalista e progressiva negli anni 70 e contro l’assalto indiscriminato da parte di Khomeini per distruggere l’importanza dei Mojahedin, lo ha reso un capo storico ed ideale per i Mojahedin. Dalla formazione del CNRI, la maggior parte degli sforzi del sig. Rajavi sono stati dedicati al Consiglio. Il suo modo paziente e democratico di controllare gli affari del CNRI è stato funzionale nell’espansione e nella resistenza del Consiglio e gli ha concesso di guadagnare la fiducia dei membri del CNRI.

Mohammad Hossein Naqdi, un diplomatico iraniano, ha fatto parte del Consiglio dal 1982. E’ stato assassinato dai terroristi del regime in 1993 a Roma.

Il sig. Naqdi ha detto di Massoud Rajavi in un’intervista di dicembre 1992, seguendo la crescita del Consiglio: " Nel Consiglio siamo titubanti nel sottolineare il ruolo degli individui, ma complementi a parte, realmente penso che nel mondo della politica, il Sig. Rajavi , più di chiunque altro, è stato la causa degli avanzamenti del CNRI e della resistenza iraniana. Se teorizziamo riguardo a che cosa sarebbe accaduto se non fosse stato il presidente del CNRI, credo che la resistenza iraniana non esisterebbe affatto." 

Nella stessa serie di interviste, il Dott. Manouchehr Hezarkhani, un distinto scrittore iraniano e presidente del commissione per la coltura e l’arte del Consiglio, ha così commentato le riunioni del CNRI : " Quando arriviamo alle riunioni, non siamo quasi mai d’accordo… Quando veniamo a contatto nelle sessioni, a volte abbiamo discussioni serie su determinati argomenti, riguardo alle soluzioni politiche. Generalmente di buono capita che durante tali riunioni, le differenze possono essere discusse e mediante un consenso di maggioranza, essere raggiunte, ma l’individuo è capace di presiedere tali riunioni e di mantenere il fragile equilibrio della cooperazione fra i differenti gruppi, nessuno di noi è un politico professionista,  è dotato dell’arte della direzione… Abbiamo questo modo di agire e penso che quello in larga misura contribuisca ad attenuare gli urti. "

Ogni volta che gli interessi della gente e della democrazia iraniane erano stati in gioco, le considerazioni o le preoccupazioni politiche riguardo alla protezione del suo prestigio personale non hanno impedito mai al sig. Rajavi di prendere le decisioni più sensibili. Lanciando la campagna per pace durante la guerra Iran-Iraq nel 1983, quando la natura bellicosa di Khomeini non si era ancora completamente manifestata, si è assistito ad uno dei molti esempi di responsabilità che poche sono disposte ad assumersi.

La formazione dell’Esercito Nazionale di Liberazione dell’Iran, come successo più prezioso nella storia e nella garanzia verso il miglioramento dell’Iran e come strumento per sovvertire il regime dei mullah, era un altro.

Rajavi ha sollecitato sempre che non esiste “insistenza” sul CNRI o sui Mojahedin, nel senso che " se in qualunque momento, qualunque gruppo o alternativa possa sembrare meglio capace di sovvertire il regime e garantire l’indipendenza dell’Iran, la democrazia e la sovranità popolare, allora definitivamente noi li sosterremo di tutto cuore, anche se il loro modo si oppone al nostro modo di pensare, " dice.
 
Khomeini ha cercato di fare rivivere l’Impero Ottomano approfittando delle circostanze speciali ed usurpando sia il potere temporale che spirituale. Massoud Rajavi ha promosso una resistenza con tutti i mezzi a disposizione contro di lui e gli ha impedito di realizzare il suo obiettivo diabolico. L’essenza del ruolo storico ha trasformato Rajavi in un Leader nazionale della gente iraniana nella loro ricerca per terminare la tirannia dei mullah e per stabilire la libertà duratura e la sovranità popolare in Iran.

Articolo precedenteMaryam Rajavi:
Articolo successivoFronte di Solidarietà Nazionale

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,627FollowersFollow
38,138FollowersFollow