• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 12 Ottobre 2019, 21:00:22.

Ciccioli a Parigi per protestare contro il regime iraniano

gomarche.i Il quotidiano online delle Marche, Lunedì 05 Luglio 2010
 

ImageGrande successo della manifestazione di questersquo;anno a Parigi della resistenza iraniana, che è un altro passo fondamentale sulla strada del cambiamento del regime a Teheran.

Ha partecipato allersquo;incontro una delegazione del Parlamento italiano guidata dal Presidente del Comitato per lersquo;Iran libero, On. Carlo Ciccioli, insieme allersquo;On. Elisabetta Zamparutti (Radicali endash; PD) e allersquo;On. Alessandro Pagano (PDL). Lo stadio comunale di Taverny, nella cintura di Parigi, era stracolmo di centomila esuli provenienti da tutta Europa e dai paesi mediorientali, alla presenza di delegazioni dei più importanti parlamenti del mondo.

 

 

Questersquo;anno sono intervenuti, fra gli altri, lersquo;ex presidente spagnolo Josè Maria Aznar, proprio alla vigilia di nuove elezioni che vedranno il ritorno al governo del suo partito, e lersquo;ex ambasciatore americano allersquo;Onu John Burton che, con i loro interventi, hanno chiarito come il mondo abbia compreso la pericolosità del regime degli ayatollah e la necessità di una strategia internazionale volta a neutralizzare il pericolo di contagio della loro ideologia fondamentalista in altri paesi del mondo islamico, sollevando il popolo iraniano da una schiavitù che sta arrivando a minare i diritti fondamentali della persona, quali il diritto di esprimersi, il diritto di sostenere idee diverse, il diritto a praticare comportamenti sociali universalmente accettati e che per lersquo;Iran rappresentano solo un miraggio.

In questo quadro è particolarmente drammatica la condizione delle donne, che giorno dopo giorno stanno perdendo ogni spazio di dignità, di partecipazione sociale e di dimensione esistenziale. Il grido di rivolta di Neda, che lersquo;ha portata ad essere uccisa insieme a molti altri coetanei dellersquo;università di Teheran, è stato un atto di testimonianza che di qui a poco produrrà il collasso del regime. Il regime degli ayatollah governa da 31 anni: siamo arrivati al punto più basso del loro consenso, che ormai raggiunge a malapena un quinto della popolazione.

La storia dellersquo;Iran libero è scritta nella cronaca di un futuro vicinissimo. La città libera di Asharaf in Iraq è lersquo;avamposto del nuovo Iran i cui residenti rappresentano un esempio di coraggio, di coerenza e di impegno per costruire la nuova nazione.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares