lunedì, Agosto 2, 2021
HomeNotizieArticlesL’elezione presidenziale praticamente incontrastata in Iran è un precursore di un’estesa repressione

L’elezione presidenziale praticamente incontrastata in Iran è un precursore di un’estesa repressione

Iranian youth protesting on the street

Ormai è praticamente certo che Ebrahim Raisi sarà il prossimo presidente del regime iraniano. Altri sei candidati sono stati autorizzati dal Consiglio dei Guardiani del regime a comparire nel voto del 18 giugno, ma Raisi è il favorito del leader supremo Ali Khamenei e nessuno degli altri ha un profilo altrettanto alto. Il Consiglio dei Guardiani se ne è assicurato eliminando potenziali candidati come l’ex presidente del regime Mahmoud Ahmadinejad e l’ex presidente del ‘parlamento’ Ali Larijani. Sebbene il primo abbia risposto dicendo che ora si rifiuta di votare, il secondo si è dichiarato “soddisfatto” e poi ha esortato tutti i cittadini iraniani a partecipare alle elezioni come un modo per promuovere la sopravvivenza di un “Iran islamico”.
Tuttavia, si prevede che l’appello di Larijani cadrà nel vuoto. Diversi media statali hanno pubblicato nelle ultime settimane commenti che prevedono un’affluenza alle urne estremamente bassa, cosa che potrebbe portare a nuovi disordini pubblici. Quei media hanno riconosciuto che l’elezione presidenziale potrebbe battere il record della più bassa affluenza alle urne stabilito appena l’anno scorso, quando il regime ha tenuto le sue ultime elezioni parlamentari.
Quando più della metà degli elettori idonei ha boicottato le urne nel febbraio 2020, si è confermata la resistenza di un movimento per il cambio di regime che aveva iniziato a guadagnare terreno all’inizio del 2018. L’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK) è stata accreditata di avere scatenato proteste di massa che si sono rapidamente estese a più di 100 località con slogan come “morte al dittatore” e altri appelli espliciti al cambio di regime. Il movimento ha anche posto le basi per il boicottaggio elettorale annunciando il rifiuto da parte del popolo sia della fazione “intransigente” che di quella “riformista” della politica del regime iraniano; ma prima ha ispirato una serie di altre proteste, tra cui una rivolta nazionale ancora più grande nel novembre 2019.

Iran Braces for Us Sanctions Amid Protest
Mentre la rivolta del gennaio 2018 era stata repressa con decine di morti e migliaia di arresti, il contraccolpo del regime è stato molto più immediato e grave l’anno successivo. Dopo che Khamenei ha ordinato alle autorità di ripristinare l’ordine con ogni mezzo necessario, il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche ha aperto il fuoco su folle di manifestanti, uccidendo circa 1.500 persone. Sono seguiti più di 12.000 arresti, e un rapporto del settembre 2020 di Amnesty International ha dettagliato alcune delle torture che erano ancora inflitte a molti di quegli arrestati, sia come forma di punizione extragiudiziale sia come parte di una strategia di lunga data per estorcere false confessioni e giustificare l’azione penale con il pretesto che fossero stati commessi crimini contro la sicurezza nazionale.
Presumibilmente non è una coincidenza che l’ondata di repressione del dissenso del 2019 sia stata immediatamente preceduta dalla nomina di Ebrahim Raisi a capo della magistratura iraniana. Raisi aveva da tempo stabilito la propria reputazione come uno dei principali giudici impiccatori del Paese e un convinto sostenitore dell’amputazione punitiva e di altre forme di pena corporale. Tutto ciò ha rafforzato l’eredità della sua partecipazione al massacro di prigionieri politici nel 1988, in un momento di particolare vulnerabilità per il regime clericale.


Nel 1988 il fondatore del regime Ruhollah Khomeini emise una fatwa in cui dichiarava che i membri del MEK erano nemici di Dio e di conseguenza dovevano essere giustiziati. In risposta furono convocate “commissioni della morte” nelle carceri di tutto l’Iran per interrogare i prigionieri politici sulle loro opinioni e affiliazioni politiche, concentrando particolare attenzione sul MEK. Coloro che si rifiutavano di sconfessare il gruppo o che in altri modi mostravano di non essere fedeli al sistema teocratico venivano condannati all’impiccagione; queste impiccagioni venivano generalmente eseguite in gruppi, quindi le vittime venivano portate via su camion frigoriferi per la sepoltura in fosse comuni segrete.
Come vice procuratore di Teheran all’epoca del massacro, Raisi svolse un ruolo di primo piano nelle operazioni delle “commissioni della morte” e probabilmente ebbe la responsabilità della grande maggioranza delle 30.000 uccisioni. Né lui né altri partecipanti sono stati ritenuti responsabili in patria o all’estero per questo evidente crimine contro l’umanità, e con il suo ruolo di prossimo presidente è chiaro che il regime continua a premiare i violatori dei diritti umani per la loro brutalità e intolleranza nei confronti di dissenso.
Naturalmente, questa dimostrazione di disprezzo per la vita dei comuni iraniani non farà altro che esacerbare le crisi che il regime ha dovuto affrontare dalla rivolta del gennaio 2018. E, sebbene le autorità abbiano tentato in ogni modo di minimizzare queste crisi, il quotidiano Jahan-e Sanat ha osservato che il silenzio ufficiale sulle rivolte e sulla successiva repressione ha alimentato la popolarità dei boicottaggi elettorali.

Il MEK ha specificamente inquadrato quel movimento di boicottaggio come uno sforzo per “votare per il cambio di regime” e le Unità di Resistenza del MEK hanno trasmesso quel messaggio a livello nazionale con graffiti e poster in più di 250 località. Nelle ultime settimane, gli effetti di questa campagna sono stati chiaramente visibili in manifestazioni pubbliche su una serie di altre questioni. Che si trattasse di protestare contro il calo del valore delle pensioni o per gli effetti di una truffa sugli investimenti gestita dal governo, innumerevoli iraniani hanno mostrato la volontà di abbracciare il boicottaggio elettorale scandendo slogan come: “Non abbiamo visto giustizia; non voteremo più”.
Rifiutando l’intero processo elettorale, il popolo iraniano sta facendo una chiara dichiarazione sull’illegittimità del sistema di potere. Anche in circostanze normali, questo li avrebbe aperti alla prospettiva di una sanguinosa repressione. Ma sulla scia della repressione del novembre 2019, con l’approccio brutale di Raisi all’imposizione dell’ordine appena ricompensato con un percorso senza ostacoli verso la presidenza, la minaccia della violenza politica si è intensificata.
Il diffuso sostegno al boicottaggio è quindi sia una testimonianza della resilienza del movimento di Resistenza iraniano sia un monito sulla responsabilità della comunità internazionale. Le potenze occidentali e le Nazioni Unite dovrebbero chiarire che sono a conoscenza dei crimini di Raisi sia storici che recenti, e dovrebbero ritenere il regime responsabile di quei crimini e anche dell’inevitabile agitazione che verrà.
E quando tali disordini emergeranno su una scala uguale o superiore a quella della rivolta del novembre 2019, la comunità internazionale dovrebbe essere più proattiva di prima nell’affermare la validità delle rimostranze e delle richieste dei partecipanti. La loro legittimità è in netto contrasto con l’intrinseca illegittimità dell’attuale sistema di potere iraniano – qualcosa che sarà confermato per tutto il mondo il 18 giugno quando Ebrahim Raisi salirà alla presidenza in assenza di concorrenti e in presenza di un massiccio boicottaggio elettorale organizzato dal MEK.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,583FollowersFollow
35,772FollowersFollow