sabato, Luglio 4, 2020
Home Notizie Iran News Campo Liberty affronta una pericolosa crisi a causa della carenza di acqua...

Campo Liberty affronta una pericolosa crisi a causa della carenza di acqua e la fatica dei tubi dell’acqua, dell’elettricità e delle fognature, in particolare durante la calda estate

Campo Liberty-No.33

Cento giorni dopo l’inizio del trasferimento dei residenti di Ashraf a Liberty e, mentre 2000 di essi si sono trasferiti lì, le infrastrutture, specialmente del sistema acqua, dell’elettricità e delle fognature, non solo non sono migliorate, ma sono diventate più disastrose su base giornaliera a causa delle estreme restrizioni imposte dal governo iracheno, dell’aumento della popolazione del campo, e del riscaldamento del clima. Il Governo Iracheno (GOI) violando tutti i suoi obblighi internazionali e del Memorandum d’Intesa (MOU) che ha firmato con il rappresentante delle Nazioni Unite, sta continuando la sua repressione, imponendo maggiori pressioni e restrizioni nei confronti dei residenti di Camp Liberty.

1. Il sistema idrico in ciascun blocco a Camp Liberty è un sistema chiuso e l’acqua è fornita per mezzo di autobotti. Ogni blocco ha solo tre piccole pompe (con un totale di 90 pompe per tutto il campo), che sono installate nella centrale idrica. Le pompe sono vecchie e consumate e una parte delle pompe diventa disfunzionale ogni giorno, o la loro capacità di fornire acqua diminuisce, o un loro rubinetto non funziona più e così  la pressione dell’acqua non aumenta. Molte delle pompe sono in procinto di essere bruciato a causa di sovra-lavoro. La maggior parte delle schede di controllo delle pompe hanno problemi e carenze gravi. Sei blocchi a Camp Liberty hanno una sola pompa e se la pompa smette di funzionare, la circolazione dell’acqua in quel blocco si ferma completamente.

2. Il sistema di depurazione in ogni blocco è a sua volta un circuito chiuso che deve essere svuotato con autocisterne speciali. Queste pompe di scarico del sistema fognario sono per lo più consumate e le pompe sommerse smettono di funzionare una buona parte del tempo, causando perdite di depurazione e inquinamento ambientale.

3. A causa della decadenza dei serbatoi delle acque reflue e delle loro connessioni, non vi è costantemente fuoriuscita di rifiuti nel campo. I residenti tentano di riparare la perdita con attrezzature rudimentali che possiedono, ma questo è un rimedio temporaneo e iniziano a secernere nuovamente dopo pochi giorni, provocando l’inquinamento dell’ambiente. I residenti hanno sostituito un certo numero di cisterne con quelle che sono state trasferite da Ashraf, ma dal momento che il Governo Iracheno non permette più il trasferimento di cisterne da Ashraf, Camp Liberty rischia di essere gravemente inquinato.

4. Tubazioni idriche e fognarie si sono rotti sette volte in vari blocchi nel corso del mese passato. I residenti li hanno riparati con una spesa enorme e ha dedicare pesante energia, utilizzando strumenti elementari come badili per scavare e hanno riparato i tubi rotti. Mentre una tale riparazione ad Ashraf si sarebbe potuta fare in un paio d’ore, questa ha impiegato due o tre giorni a Liberty per mancanza di attrezzature, come scavatrici.

5. La fornitura di acqua tramite autobotti è uno dei maggiori problemi per il campo. Il trasferimento di una nave cisterna da un impianto non igienizzato, a 12 chilometri di distanza, utilizzando le cisterne dei residenti o quelle che appartengono ai contraenti, dura cinque ore (le foto sono in allegato). Quindi i residenti a temperature di 40-45 gradi centigradi, si trovano ad affrontare carenza d’acqua. In considerazione di tempeste di sabbia e della mancanza di spazi verdi e del fatto che le porte dei quartieri residenziali aprino nello spazio aperto, i residenti hanno a che fare costantemente con una notevole quantità di sabbia. Questo causa un maggior bisogno di acqua e la maggior parte delle volte non c’è acqua a sufficienza anche per coloro che devono fare un lavoro pesante per fare una doccia.

6. Ogni blocco a Liberty ha due generatori. Il quadro elettrico di molti di questi generatori è stato rubato. Cinque dei generatori sono completamente fuori uso e uno di essi ha bisogno di riparazione del motore pesante. Gli altri sono consumati e dal momento che hanno operato per più di 15000 ore senza una corretta manutenzione, il loro motore fa un sacco di fumo, e consumano un ulteriore 30 per cento di carburante. Questo aumenta la temperatura del motore e limita la sua efficienza a solo il 40 percento. I generatori sono del tipo standby, che non sono progettati per 24 ore di utilizzo e quindi devono avere almeno due generatori di ricambio.

I problemi di acqua, elettricità e fognature sono stati sollevati in decine di incontri con i rappresentanti del Governo Iracheno, dell’UNAMI, dell’UNHCR, senza alcun risultato e nessuna azione è stata intrapresa per risolvere il problema.

La Resistenza Iraniana, mentre avvisa delle implicazioni della situazione critica di acqua, elettricità e fognature di Liberty, sollecita l’intervento del Segretario Generale delle Nazioni Unite, del Segretario di Stato Americano, dell’Alto Rappresentante dell’UE e rimprova il governo di Maliki per violazione delle leggi e degli standard umanitari . La Resistenza Iraniana ribadisce che se questa situazione critica continua, come i residenti di Liberty hanno annunciato, l’unica soluzione rimanente sarebbe il loro ritorno ad Ashraf.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana

25 maggio 2012

FOLLOW NCRI

70,709FansLike
1,371FollowersFollow
34,244FollowersFollow