giovedì, Luglio 9, 2020
Home Notizie Iran News Continuano in Iran le proteste delle diverse categorie sociali

Continuano in Iran le proteste delle diverse categorie sociali

Le proteste delle diverse categorie sociali del popolo iraniano attraversano il paese

Diverse categorie sociali hanno tenuto manifestazioni di protesta in tutto il paese. Domenica i tassisti della Compagnia Pakrou Sabz Qeshm hanno tenuto una manifestazione di fronte agli uffici della compagnia a Teheran, intonando slogan contro il regime come “Abbasso gli ufficiali corrotti”.

Gli agenti del regime iraniano hanno quindi iniziato ad intimidire i dimostranti ,filmandoli, al fine di evitare che altri partecipanti prendessero parte alla manifestazione e che altre manifestazioni avessero luogo in futuro.

Il regime ha sottoposto i manifestanti identificati grazie all’analisi dei video a pene severe.

Allo stesso tempo a Marivan, nell’Iran occidentale, i lavoratori stagionali della Compagnia Shaygan Mehr Apadana, si sono riuniti di fronte al governatorato del regime per protestare contro il mancato versamento degli stipendi degli ultimi nove mesi. La settimana precedente gli stessi avevano tenuto una manifestazione di fronte al governatorato di Sanandaj, nella provincia del Kurdistan, ma le loro richieste erano state ignorate.

Sempre Sabato sono scoppiate delle proteste anche nell’Industria Petrolifera South Pars, a Kangan, nel sud dell’Iran, dove 350 lavoratori hanno bloccato le porte d’ingresso della struttura in protesta contro il mancato versamento degli stupendi degli ultimi quattro mesi.

Questo progetto, la 14esima tappa di Pars 2, era sotto il controllo dell’organizzazione terroristica dei Pasdaran, il che ha creato maggiori problemi ai lavoratori. Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (Pasdaran) è tristemente famoso per sprecare le risorse del paese investendo in fondi per finanziare il terrorismo e lo sviluppo di armi di distruzione di massa, creando enormi problemi all’economia ed ai lavoratori.

Pars 2, che è uno degli impianti chiave per l’industria del petrolio, del gas e della petrolchimica, è nella Pars Special Economy Zone, una zona ad economia speciale nella provincia di Bushehr.
Quest’area è divisa in tre zone: Pars 1 ad Asaluyeh, Pars 2 a Kangan, e Pars 3 ( a volte chiamata anche Pars settentrionle) divisa tra Tangestan, Dashti e Bushehr.

Negli ultimi anni il mancato versamento o il versamento incompleto degli stipendi sono stati una causa comune di proteste in tutto l’Iran: i lavoratori privati e i dipendenti pubblici sono scesi in strada per protestare contro il mancato versamento o il versamento in ritardo di diversi mesi dei propri salari. Nella maggior parte dei casi, il regime ha risposto con una brutale repressione, oppure assecondando qualsiasi richiesta pur di cercare di fermare le proteste.

Tra le recenti proteste ricordiamo lo sciopero del 25 Gennaio dei conducenti di autobus del Porto Khomeini. I conducenti hanno scioperato in protesta contro le basse retribuzioni e l’alto costo dei pezzi di ricambio, sottolinenando come le promesse del regime si siano rivelate vane.

FOLLOW NCRI

70,815FansLike
1,374FollowersFollow
34,234FollowersFollow