• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Lunedì 14 Gennaio 2019, 08:10:03.

L’ASSEMBLEA GENERALE DELL’ONU ADOTTA LA 65a RISOLUZIONE DI CONDANNA DELLE VIOLAZIONI DEI DIRITTI UMANI IN IRAN

Maryam Rajavi: deferire i crimini del regime, in particolare il massacro del 1988, al Consiglio di Sicurezza dell’ONU, è il diritto del popolo iraniano e un prerequisito per la pace

Con l’immunità dei criminali che detengono alcune delle più alte cariche di governo, il regime è sicuro che anche i suoi crimini in altre parti del mondo rimarranno senza risposta.

Iran: Rapporto annuale dell’Osservatorio dei Diritti Umani - 2018

Quest’anno si celebrerà il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, documento che proclama gli inalienabili diritti acquisiti da ciascuno in quanto essere umano. Allo stesso temp, l’Osservatorio per i Diritti Umani ha pubblicato il suo rapporto annuale per il 2018.

Iran: L’impiccagione sommaria di 12 prigionieri a Kerman

Khamenei, i pasdaran e gli organi di repressione hanno in mano lo spaccio di stupefacenti in Iran e il suo esporto all’estero
Il regime sanguinario dei mullà in un crimine disumano ha impiccato di massa, il 6 dicembre, 12 prigionieri nel carcere di Kerman con “accusa” dello spaccio della droga. Questo mentre il filo dello spaccio di stupefacenti è nelle mani di Khamenei, i pasdaran e gli organi di repressione del regime.

La lobby iraniana silenziosa sull’aumento delle esecuzioni

L’Iran è il leader mondiale in termini di esecuzioni in rapporto alla popolazione e di esecuzioni di minori, ma particolarmente frequenti sono le impiccagioni pubbliche di prigionieri politici, etnici e religiosi da una gru da costruzioni.

L’Iran ha uno dei più alti tassi di violenza sulle donne

Appello per un’azione internazionale per fermare la violenza sulle donne in Iran, istituzionalizzata e sponsorizzata dallo stato

Mentre il mondo celebra la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, la commissione per i diritti della donna del CNRI (Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana) richiede l’intervento della comunità internazionale, affinché il regime iraniano risponda della violenza sulle donne in Iran, sponsorizzata dallo stato ed istituzionalizzata.

Iran: Accusa di corruzione terrena per quattro attivisti ambientali e sospetto assassinio di un altro altro

Terrorismo, arresti a tappeto, false accuse ed eliminazione fisica dei prigionieri: sono questi gli strumenti con cui i regime affronta la rivolta.
Il procuratore del regime clericale ha incriminato cinque attivisti ambientali, arrestati nove mesi prima dall’Intelligence del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, con l’accusa di “corruzione terrena”, dichiarando che i loro dossier sono pronti ad essere sottoposti alla corte.

Gli Stati Uniti dovrebbero sostenere la resistenza iraniana all'UNGA

L'Iran è uno dei peggiori paesi al mondo in fatto di libertà religiosa, una situazione riportata ogni anno da gruppi per i diritti umani e organismi governativi statunitensi,denunciando la reiterata persecuzione delle minoranze religiose profondamente radicata nel regime.

Iran: 31 impiccagione, 9 prigionieri politici, in 20 giorni

Il regime iraniano, con un piede nella tomba, ha impiccato di massa, il 22 settembre, nove prigionieri nel carcere di Adel-abad a Shiraz. Il capo criminale delle “magistratura” della regione Fars aveva affermato di “affrontare seriamente e fermamente chi disturba l’ordine e la sicurezza” della società, leggi il regime dei mullà. 

ONU Ginevra, 30° anniversario del massacro del 1988 in Iran

Venerdì 14 settembre 2018, 30 anni dopo il massacro di 30.000 prigionieri politici in Iran nel 1988, nella sede delle Nazioni Unite a Ginevra si è tenuta una conferenza sponsorizzata dalle seguenti organizzazioni non governative:

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;