martedì, Maggio 24, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIl processo di Hamid Noury: “Solo 150 persone sono sopravvissute nella prigione...

Il processo di Hamid Noury: “Solo 150 persone sono sopravvissute nella prigione iraniana di Evin” dice l’ex prigioniero

Giovedì si è conclusa la 50esima sessione del processo di Hamid Noury in Svezia. Noury, un funzionario carcerario iraniano, coinvolto in crimini contro l’umanità negli anni ’80, è stato incarcerato nel 2019 quando è arrivato in Svezia.
È accusato di aver partecipato attivamente al massacro del 1988 di oltre 30.000 prigionieri politici. Le prime vittime di questo massacro erano i sostenitori della People’s Mojahedin Organization of Iran (PMOI/MEK).
Il processo di Noury in Svezia si è ripreso la settimana scorsa dopo che il luogo del processo è stato brevemente trasferito in Albania su richiesta dei procuratori per ascoltare le testimonianze dei membri del MEK che erano in prigione nel 1988 e sono querelanti nel caso di Noury. Vale la pena notare che quasi 3.000 membri del MEK risiedono in Albania dopo il loro trasferimento dall’Iraq nel 2016.
Nella sessione di giovedì, Reza Shemirani, un sostenitore del MEK, ha testimoniato. Shemirani ha trascorso dieci anni nelle prigioni negli anni ‘80 dove ha assistito al massacro dei prigionieri politici nella prigione di Evin nel 1988. Ha scritto un libro sui suoi ricordi in prigione.
“Il massacro dei prigionieri politici iniziò il 27 luglio 1988 e continuò per diversi mesi”, ha detto Shemirani alla corte giovedì. “Circa 3.500-4.000 uomini e donne sono stati giustiziati solo nella prigione di Evin. Quando il massacro finì, solo circa 120 prigionieri maschi e da 20 a 30 prigionieri femmine erano ancora vivi”.
Shemirani ha ricordato che Mosa Vaezi, il rappresentante del ministero dell’Intelligence del regime, aveva riconosciuto di aver massacrato i prigionieri per ordine dell’allora leader supremo del regime, Ruhollah Khomeini.

“A metà ottobre, mi ha detto che avevano commesso [questo massacro] per ordine dell’Imam [Khomeini] e che ci avrebbero arrestato e giustiziato immediatamente se cercassimo ad unirci al MEK. Poi avrebbero raccontato alle nostre famiglie che sfilavamo in parata con il MEK in Iraq”, ha detto Shemirani.
“Circa un mese prima dei massacri, nel giugno 1988, ero in una cella a ‘porte chiuse’ con dieci o dodici detenuti. Mojtaba Halvaie e Mohammad Elahi [funzionari della prigione] vennero nella nostra cella e ci hanno chiesto di fare i bagagli perché stavano per mandarci via”, ha detto Shemirani. Quando uno dei prigionieri chiede dove, Halvaie dice: “State andando in un buon posto con tutte le strutture che volete”. Siamo stati portati nel cosiddetto edificio “Residenziale”. I prigionieri sono stati divisi in gruppi di due o tre. Secondo Shemirani, sono rimasti nelle loro celle fino al luglio 1988.

Il 24 luglio, una guardia è venuta nella nostra cella e ci ha dato un modulo da compilare. Dovevamo scrivere i nostri nomi, il nome di nostro padre, l’indirizzo, la data di nascita e l’accusa. Ci hanno incoraggiato a scrivere sostenitori del MEK. Quando la guardia se n’è andata, abbiamo iniziato a parlare e abbiamo scritto sostenitore del MEK. È stato molto strano che abbiano insistito a scrivere il nome MEK perché era la loro linea rossa”, ha detto Shemirani.
Sono stati poi portati con un minibus all’ufficio del procuratore. In seguito, Shemirani è stato portato nei famigerati reparti 209 della prigione di Evin. Lì vede molti prigionieri, sia uomini che donne.
Dopo un po’ di tempo di attesa, la guardia lo porta alla “Commissione della morte”. Le Commissioni della Morte consistevano in quattro individui che avevano il compito di identificare i leali sostenitori del MEK e mandarli alla forca. Uno dei membri della Commissione della morte di Teheran era Ebrahim Raisi, l’attuale presidente del regime iraniano.
“[Hossainali] Nayeri chiese il mio nome e chiese della mia carica. Purtroppo, non ho fatto la cosa giusta come i miei amici. Non ho detto la parola [sostenitore del MEK] che avrei dovuto. Nayeri ha detto a un uomo che camminava lì intorno di portarmi fuori, che poi ho riconosciuto come Raisi, l’attuale presidente del regime”, ha detto Shemirani.
“Raisi non era molto contento mentre studiava il mio caso. Ha detto: ‘Haji, è un ipocrita [un termine dispregiativo usato dai funzionari del regime per descrivere i sostenitori del MEK]’. Voleva convincere Nayeri a giustiziarmi”, ha detto Shemirani.

Incontro con Noury
Noury era nella prigione di Gohardasht durante il massacro del 1988. In precedenza, aveva lavorato nella prigione di Evin. Shemirani vede Noury diversi mesi dopo il massacro nella prigione di Evin.
“Stavo camminando con Akbar Samadi [un membro del MEK ora in Albania]. Era prima di mezzogiorno. Due individui sono entrati nel nostro reparto e hanno controllato tutte le celle. Quando hanno superato Akbar e me, ho chiesto ad Akbari: ‘chi sono queste persone?’ Mi ha risposto: ‘Hamid Noury e Nasserian che erano a Gohardasht’”, ha detto Shemirani.
“Poi, Abbassi [Noury] ha visto Akbar Samadi e ha detto: ‘Oh, cosa fai qui? Sei ancora vivo? Hai imbrogliato il boia! Non ci sfuggirai la prossima volta’”, ha aggiunto.
Vale la pena notare che Samadi è uno dei querelanti e ha testimoniato due settimane fa in Albania, e è sfuggito miracolosamente l’esecuzione.

Durante le sessioni di udienza della settimana scorsa, Noury ha riconosciuto che il nome del MEK è una linea rossa in Iran sotto il regime dei mullah. E l’uso di questo nome metterebbe persino in pericolo la vita di Noury, nonostante la sua fedeltà al regime iraniano.
Contemporaneamente al processo di Noury, i sostenitori del MEK hanno protestato nel gelo fuori dal tribunale. I familiari delle vittime hanno partecipato a questa manifestazione e hanno condiviso le loro terribili storie con i media.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,624FollowersFollow
38,020FollowersFollow