martedì, Ottobre 26, 2021
HomeNotizieDiritti UmaniIran: cerimonia di insediamento di un assassino di massa, Ebrahim Raisi come...

Iran: cerimonia di insediamento di un assassino di massa, Ebrahim Raisi come presidente del regime

Il 5 agosto 2021 il regime iraniano terrà la cerimonia di insediamento di Ebrahim Raisi come presidente del regime.
Gli attivisti iraniani hanno da tempo esortato la comunità internazionale ad avviare indagini formali sui crimini contro l’umanità commessi fin dall’inizio della storia del regime iraniano. Questi appelli sono diventati improvvisamente più imperativi il mese scorso, quando è stato confermato che uno dei principali autori del massacro del 1988 di prigionieri politici da parte del regime sarebbe diventato il prossimo presidente iraniano.
Ebrahim Raisi è stato apparentemente eletto alla carica il 18 giugno, sebbene la sua candidatura fosse effettivamente incontrastata e la stragrande maggioranza del popolo iraniano abbia boicottato le elezioni per protesta. Le autorità iraniane e i media statali riconoscono che l’affluenza alle urne è stata più bassa che in qualsiasi altra elezione presidenziale e il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran ha concluso che il livello effettivo di partecipazione è stato inferiore al dieci per cento della popolazione.
Il principale gruppo costituente del CNRI, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK), ha promosso il boicottaggio per mesi prima delle elezioni, inquadrandolo come un’opportunità per “votare per il cambio di regime”. L’elezione è stata anche preceduta da numerose proteste pubbliche, molte delle quali affrontavano questioni separate ma approvavano apertamente il boicottaggio, mentre altre si concentravano apertamente sul passato di Raisi e condannavano il sistema di governo per averlo promosso nonostante questo.

In effetti, molti dei critici di Teheran capiscono che figure come la ‘Guida Suprema’ del regime Ali Khamenei non si limitavano a trascurare il passato di Raisi quando lo proponevano come l’unico candidato presidenziale praticabile, ma lo stavano attivamente ricompensando per quanto aveva fatto. Da questo punto di vista, la candidatura presidenziale di Raisi e la sua precedente nomina a capo della magistratura sono esempi di un modello molto più ampio con cui il regime ha elevato le carriere di chi ha compiuto i più gravi abusi contro i diritti umani e in particolare quelle dei partecipanti al massacro del 1988.
Sia l’attuale che il precedente ministro della Giustizia iraniano sono stati tra quei partecipanti, e la natura dei loro incarichi evidenzia il fatto che Teheran non ha cercato di prendere le distanze dal massacro, ma ha coltivato la sua eredità per più di tre decenni. La cerimonia di insediamento di Raisi, prevista per il 5 agosto, è forse lo sviluppo più significativo di questa tendenza fino ad oggi. Molti prevedono che porrà le basi per una repressione politica ancora peggiore di quella vista negli ultimi anni, specialmente per quanto riguarda i sostenitori del MEK.
Questi sostenitori sono più numerosi all’interno della società iraniana di quanto la maggior parte degli osservatori si rendesse conto prima del 2018. L’inizio di quell’anno fu caratterizzato da proteste anti-governative in più di 100 località, che costituirono una rivolta nazionale che sfidava apertamente il potere del regime. Cercando faticosamente di spiegare in qualche modo la popolarità nuovamente espressa di slogan come “Morte al dittatore”, Khamenei riconobbe durante quella rivolta che il MEK aveva “pianificato per mesi” di portare avanti proteste in tutto il Paese.
La ‘Guida Suprema’ ha ripetutamente messo in guardia da allora sull’influenza del MEK, allontanandosi così dalle precedenti narrazioni della propaganda che descrivevano il gruppo come un culto con poca forza organizzativa e nessuna popolarità significativa tra la popolazione. Altri dirigenti si sono presto uniti a lui in quell’impresa e i loro allarmi si sono rivelati giustificati nel novembre 2019, quando il MEK ha guidato un’altra rivolta nazionale, questa anche più grande della precedente.
In quel periodo, Khamenei aveva già nominato Ebrahim Raisi capo della magistratura, con la riprovazione di numerose organizzazioni per i diritti umani che erano a conoscenza dei precedenti di Raisi. Non è stata una sorpresa per quelle organizzazioni quando Raisi ha supervisionato mesi di tortura in risposta alla seconda rivolta. Quella tortura ha colpito migliaia di persone che erano state arrestate durante le proteste, minacciando di aumentare il bilancio delle vittime dopo che le forze repressive avevano sparato uccidendo circa 1.500 manifestanti pacifici.

Quella minaccia persiste ancora oggi. La pratica degli interrogatori sotto tortura di Teheran è spesso finalizzata a ottenere confessioni forzate, che a loro volta preparano il terreno per l’azione penale per un numero qualsiasi di vaghe accuse di sicurezza nazionale che comportano la pena di morte. Ci si può solo aspettare che la pressione a favore di tale persecuzione aumenti quando il ramo esecutivo e la magistratura iraniana sono entrambi sotto il controllo di individui con una lunga storia di sostegno alle esecuzioni di massa e alle uccisioni extragiudiziali.
La minaccia è resa ancora più grande dal fatto che i crimini contro l’umanità di Raisi erano mirati in modo molto specifico al MEK – la stessa organizzazione che ha guidato le rivolte del 2018 e del 2019 alle quali il regime ha risposto con una repressione nel completo panico. Si stima che il massacro del 1988 abbia ucciso nel corso di circa tre mesi 30.000 prigionieri politici. La grande maggioranza di questi erano membri e sostenitori del MEK, che era stato esplicitamente preso di mira dalla fatwa che scatenò le esecuzioni.
Nel 1988 Ruhollah Khomeini, il fondatore del regime emanò infatti il decreto religioso che portò all’esecuzione di oltre 30.000 prigionieri politici: in quella fatwa, Khomeini ordinava l’esecuzione di tutti i membri del MEK incarcerati che perseveravano nelle loro convinzioni.
Ebrahim Raisi fu una figura chiave nell’attuazione di questo decreto a Teheran e fece giustiziare migliaia di prigionieri politici. Lui e altri lo hanno anche difeso negli ultimi anni, affermando addirittura che faceva parte degli “ordini di Dio” e che gli ordini del capo supremo sono insindacabili. In tal modo, hanno anche segnalato agli attivisti per i diritti umani che un’indagine sul massacro del 1988 ha ancora implicazioni vitali oggi. Il regime iraniano ha goduto dell’impunità in questa materia per troppo tempo. Se quell’impunità persisterà oltre l’insediamento di Raisi, sarà senza dubbio vista come un invito per il governo Raisi ad espandere le sue abituali violazioni dei diritti umani e provare ancora una volta ad annientare il MEK e qualsiasi opposizione al regime..

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,598FollowersFollow
36,621FollowersFollow