domenica, Giugno 26, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: Gli agenti del regime hanno distrutto la lapide di Navid Afkari,...

Iran: Gli agenti del regime hanno distrutto la lapide di Navid Afkari, Segno della volontà del regime di continuare le violazioni dei diritti umani

Navid Afkari

Gli agenti in borghese del regime clericale hanno distrutto la lapide di Navid Afkari, campione nazionale iraniano di lotta, giustiziato nel settembre 2020 per aver partecipato alle grandi proteste del 2018. Si tratta di una mossa clamorosa, che dimostra la volontà di Teheran di continuare le sue violazioni dei diritti umani
Una settimana prima di questo incidente, il regime ha giustiziato Ruhollah Zam, un iraniano tesidente in Francia. L’esecuzione di Zam è stata ampiamente condannata dai politici occidentali, in particolare dai paesi europei. Ma questi paesi, in primis la Francia, avevano fatto poco per impedirne l’esecuzione.
Infatti il 2 dicembre, Josep Borrell avrebbe dovuto tenere un discorso congiunto in un forum d’affari con il ministro degli esteri dei mullah Mohammad Javad Zarif. L’incontro è stato annullato all’ultimo minuto, a causa dell’esecuzione di Zam due giorni prima. Gli organizzatori, tuttavia, hanno affermato che non vedono l’ora di tenere la conferenza nel prossimo futuro.” I responsabili politici europei e iraniani continuano a impegnarsi nel dialogo necessario per stabilire le condizioni adeguate per un’efficace diplomazia economica”, hanno aggiunto.
Il regime ha ricevuto il messaggio di una risposta così debole, che il presidente iraniano Hassan Rouhani è stato il primo a dire che l’esecuzione di Zam non inciderà sulle relazioni di Teheran con l’Europa.
Il ministero di Zarif si è sentito sicuro di ” convocare” anche gli ambasciatori di diverse nazioni, tra cui la Francia, e di condannare la loro opposizione all’esecuzione di Zam. Mentre il loro diplomatico- terrorista, Assadollah Assadi è stato processato in Belgio per il tentato attacco dinamitardo al raduno dell’opposizione nel 2018 a Parigi, il portavoce del ministero degli esteri si è spinto fino ad avvertire i Paesi UE che la loro condanna dell’esecuzione di Zam promuove il” terrorismo” . Il 7 dicembre, l’UE ha adottato un regime globale di sanzioni per i diritti umani, prendendo di mira ” individui, entità e organismi- compresi gli attori statali e non statali- responsabili, coinvolti o associati a gravi violazioni e abusi dei diritti umani in tutto il mondo, indipendentemente dal luogo in cui si sono verificati”.
Nel frattempo Borrell era in procinto di promuovere il dialogo e il commercio con il principale carnefice pro capite al mondo, che ha commesso forse il peggior crimine contro l’umanità dalla fine della seconda guerra mondiale.
Nell’estate del 1988, il regime ha giustiziato oltre 30.000 prigionieri politici in poco tempo. Il regime seppellì le vittime segretamente in fosse comuni.
Una lettera appena pubblicata da sette esperti dell’ONU ha descritto questo massacro come ” crimine contro l’umanità”.
La lettera, inoltre, sottolineava il fallimento degli ” organismi internazionali” nell’affrontare questo crimine, che si è tradotto in ” impunità” per i colpevoli e dolore per i familiari delle vittime. Hanno invitato il regime ad indagare su tale massacro e se il regime non lo farà, questi esperti esortano la ” comunità internazionale” ad indagare in modo indipendente, ” anche attraverso l’istituzione di un’indagine internazionale”.
Dopo che il ” Movimento di ricerca della giustizia” della Resistenza Iraniana ha attirato l’attenzione interna e mondiale, il regime ha iniziato a distruggere le fosse comuni, come nel caso di Navid Afkari.
Con le nuove esecuzioni, il regime conferma ulteriormente la sua decisione di continuare le violazioni dei diritti umani e di rifiutare qualsiasi indagine sul massacro del 1988.
Quando nel 1988 il regime commetteva massacri sistematici, la comunità internazionale ignorava i ripetuti appelli della Resistenza Iraniana ad affrontare questo crimine.
Molti politici occidentali hanno parlato di una nuova era di ” dialogo” con il cosiddetto governo ” riformista” di Akbar Hashemi Rafsanjani, che ha avuto un ruolo chiave nel massacro del 1988.
Sono passati più di 30 anni e il dialogo con il regime non ha avuto alcun effetto sulla situazione dei diritti umani in Iran.
Infatti, le semplici condanne e la mancanza di un’azione decisa hanno dato a Teheran un senso di impunità.
Borrell il 10 dicembre ha detto:” Quando si verificano gravi violazioni dei diritti umani, l’UE deve andare oltre l’adozione di risoluzioni e le dichiarazioni, dobbiamo essere in grado di agire”.
Ma si è rifiutato di dire se questo includesse anche l’Iran sotto il regime dei mullah.
Borrell ha affermato che i diritti umani sono” nel DNA dell’Unione Europea”.
Ma ha chiesto se i paesi dell’Unione Europea” li difendono in un mondo dove, in modo dimostrabile, il rispetto dei diritti umani è in ritirata?.
La risposta per quanto riguarda l’Iran, è no.
Finché l’UE e i suoi leader continueranno la loro ” efficace diplomazia economica”, che non dipende dalla fine delle violazioni dei diritti umani in Iran, il regime continuerà a violare tali diritti.
Borrell dovrebbe sapere che rilasciare una dichiarazione chiave con Zarif, che difende le violazioni dei diritti umani in Iran, non farà altro che rendere ridicoli i suoi stessi commenti.
Ora è tempo che l’Unione Europea agisca a favore dei diritti umani, che secondo il suo capo della politica estera, è nel suo “DNA”.
Dovrebbero sanzionare il regime, il suo apologeta capo Zarif e chiedere conto al regime dei suoi crimini passati e presenti.
Questa azione sarà infatti un passo decisivo verso il ripristino della dignità dell’Unione Europea, che si è persa quando hanno ignorato le violazioni dei diritti umani in Iran.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,627FollowersFollow
38,142FollowersFollow