martedì, Maggio 24, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran: “Ho visto un camion pieno di corpi” dice l’ex prigioniero al...

Iran: “Ho visto un camion pieno di corpi” dice l’ex prigioniero al processo Noury

Un ex prigioniero politico iraniano ha testimoniato nella 50esima sessione del processo di un ex funzionario carcerario iraniano tenutosi venerdì in un tribunale svedese. Hamid Noury ha partecipato attivamente ai crimini del regime iraniano negli anni ‘80, soprattutto al massacro di 30.000 prigionieri politici nel 1988, che erano principalmente sostenitori della People’s Mojahedin Organization of Iran (PMOI/MEK).
Il processo di Noury è iniziato nell’agosto 2021 in Svezia, due anni dopo il suo arrivo in carcere. Un certo numero di sessioni del processo sono state trasferite in Albania a novembre, su richiesta dei procuratori, per ascoltare le testimonianze di sette membri del MEK che sono tra le migliaia di membri del MEK in Albania dopo il loro trasferimento dall’Iraq nel 2016.
Mohsen Zadshir, che ha trascorso dieci anni in prigione per aver sostenuto il MEK, ha testimoniato nel processo: “Sono stato torturato durante il mio interrogatorio. Sono stato anche sottoposto a un intervento chirurgico nella prigione di Ghezelhesar”.
“Sono stato trasferito nella prigione di Gohardasht. Siccome avevo molto dolore, dovevo visitare spesso l’infermeria. Una volta mi hanno chiamato nell’ufficio del direttore perché dovevo ottenere il suo permesso. Questa volta ho visto Hamid Abbassi [Noury]. Era il mio primo incontro con lui”.


Zadshir ha raccontato alla corte che Noury gli ha chiesto di spiare i suoi detenuti. “Mi disse: ‘Signor Zadshir, per favore si sieda. Mi parli della sua cella’. Mi ha posto diverse domande poi mi ha detto esplicitamente che dovevo cooperare prima di essere mandato fuori per le cure. Allora ho detto di no e sono uscito”, ha detto Zadshir.
“Mi ha chiamato di nuovo nel suo ufficio e mi ha chiesto di indossare l’uniforme della prigione. Ho detto di no. Sono un prigioniero politico, e quando ha insistito, sono uscito”, ha aggiunto Zadshir.
Zadshir ha anche ricordato come le guardie portassero i prigionieri al “Corridoio della morte”, poi davanti alla “Commissione della morte” e alla “Sala della morte” per essere giustiziati.


Le “Commissioni della morte” comprendeva quattro individui che avevano il compito di identificare i sostenitori del MEK e condannarli a morte una volta che si rifiutavano di rinnegare i loro ideali. La “Sala della Morte” era un grande magazzino dove i prigionieri venivano impiccati in gruppi di 10-12.
Zadshir ha anche ricordato di aver visto le guardie portare grandi camion pieni di corpi fuori dalla prigione. “Alcune notti, ho visto due camion arrivare alla prigione, poi andare e tornare dopo un’ora o due. Una notte due camion lasciavano la prigione. Uno di loro doveva tornare indietro per un motivo. Lì, mentre cercava di fare una manovra, ho visto dalla [mia cella] che era pieno di corpi in grandi sacchi di plastica nera. Ho potuto vedere che c’erano le vittime dentro. Avevano legato entrambe le estremità dei sacchi”, ha detto. “Comincio a tremare ora quando ricordo quei giorni”.
Zadshir ha anche testimoniato che Noury era quello che portava i prigionieri alle commissioni di morte e da lì alla sala della morte. Ha anche ricordato che Noury e altre guardie “erano gioiosi e mangiavano dolci”, mentre centinaia di persone venivano mandate alla forca.

Contemporaneamente al processo di Noury, i sostenitori del MEK e i familiari delle vittime hanno continuato la loro protesta fuori dal tribunale.
Va notato che durante le sue sessioni di udienza, Noury ha spiegato che il nome “MEK” in Iran è una “linea rossa”, e l’uso di questo nome metterebbe addirittura in pericolo la vita di Noury, nonostante la sua fedeltà al regime iraniano.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,624FollowersFollow
38,020FollowersFollow