martedì, Ottobre 26, 2021
HomeNotizieDiritti UmaniIran: l’UE tradisce i princìpi dei diritti umani con la presenza alla...

Iran: l’UE tradisce i princìpi dei diritti umani con la presenza alla cerimonia di insediamento del presidente iraniano

Il regime iraniano ha insediato giovedì il suo nuovo presidente, con una cerimonia alla quale sono state presenti alcune personalità internazionali tra cui il vicedirettore politico del Servizio Europeo per l’Azione Esterna, Enrique Mora. La presenza di un funzionario dell’UE all’inaugurazione è stata prontamente criticata da politici occidentali, gruppi internazionali per i diritti umani e attivisti iraniani che sono profondamente consapevoli della storia di violazioni dei diritti umani di Raisi, dagli anni ‘80 fino ai suoi ultimi due anni come capo della magistratura dell’Iran.

Image

Amnesty International ha evidenziato la presenza di Mora per chiedersi se la comunità internazionale fosse pronta a dimostrare “l’impegno a combattere l’impunità sistematica in Iran per le esecuzioni extragiudiziali e altre uccisioni illegali, sparizioni forzate e torture”. Il 19 giugno, un giorno dopo le elezioni farsa che hanno portato Raisi al potere, Amnesty ha lamentato che fosse stato elevato alla seconda carica politica più alta dell’Iran invece di essere indagato e processato per il suo ruolo in quei crimini.
Nel 1988, verso la fine della guerra Iran-Iraq, Raisi prestava servizio come sostituto procuratore pubblico a Teheran. Quando si presentò l’occasione, entrò volentieri nel ruolo del carnefice di massa contribuendo al funzionamento di una “commissione della morte“ incaricata di attuare una recente fatwa del leader supremo del regime Ruhollah Khomeini. La fatwa dichiarava tutti i membri del gruppo di opposizione dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK) colpevoli di “inimicizia contro Dio” e indicava che chiunque nutrisse ancora simpatie per il MEK doveva essere giustiziato in fretta.
La “commissione della morte” di Teheran, insieme a comitati simili sparsi in tutto il Paese, poteva citare qualsiasi giustificazione per concludere che i prigionieri politici erano “aggrappati alle loro convinzioni” e dovevano essere giustiziati. In almeno un caso documentato, un membro della “commissione della morte” costrinse un prigioniero a dichiarare che avrebbe combattuto contro l’Iraq, ma poi continuò a insistere affinché accettasse anche di camminare sui campi minati, al servizio del regime teocratico. Quando il prigioniero semplicemente mise in dubbio quell’ordine, il giudice emise immediatamente una sentenza capitale.

Sopravvissuti al massacro riferiscono che Raisi impose condanne a morte casualmente, meccanicamente e comportandosi come se la commissione fosse sotto pressione e infastidita dallo sforzo di qualsiasi imputato per salvare la propria vita. Di conseguenza, molti dei “processi” condotti da quel gruppo duravano solo due minuti prima che si stabilisse che il prigioniero non era sufficientemente fedele al sistema di governo.

Si stima che in tutto l’Iran oltre 30.000 iraniani siano stati giustiziati dalle “commissioni della morte”. Alcuni dettagli chiave di quegli omicidi sono stati rivelati al popolo iraniano e alla comunità internazionale nel 2016 con la pubblicazione online di una registrazione audio fatta al momento del massacro da Hossein Ali Montazeri, ex erede di Khomeini, per opporsi alle azioni delle commissioni. Ma altri dettagli restano da rivelare, e molti non saranno mai rivelati alla luce del fatto che Teheran ha ripetutamente operato per distruggere siti di fosse comuni segrete dove furono sepolte molte vittime e costruirvi sopra.
Amnesty International e altre organizzazioni per i diritti umani hanno avvertito che con il passare del tempo le prospettive di un’indagine approfondita sul massacro diminuiscono. Tali dichiarazioni evidenziano il fatto che la comunità internazionale non è riuscita ad affrontare il crimine contro l’umanità mentre era ancora in corso, e ha aggravato tale fallimento nel corso degli anni ignorando nuovi inviti all’azione e legittimando alcuni dei principali perpetratori delle uccisioni. Mai quest’ultimo fenomeno è stato più evidente che con la presenza di un funzionario dell’UE alla vergognosa cerimonia di giuramento di Raisi.
In una tavola rotonda ospitata giovedì 5 agosto dal Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran, l’avvocato britannico ed esperto di diritti umani Geoffrey Robertson ha osservato che, inviando una delegazione a Teheran, l’UE ha dimostrato che le sue effettive politiche in materia di diritti umani sono ancora ben lontane dalle sue “aspirazioni sui diritti umani”. Nell’ottobre 2020, l’organismo ha introdotto il suo nuovo “Regime globale di sanzioni per i diritti umani” e il capo della politica estera Josep Borrell ha parlato pubblicamente della necessità di un’azione più forte in questo settore rispetto alle semplici risoluzioni degli Stati membri. Da allora, tuttavia, non è riuscito ad applicare concretamente questo sentimento ai rapporti dell’UE con la Repubblica Islamica, anche se quest’ultima ha continuato a seguire il suo consueto sistema di premiare i dirigenti per il loro passato coinvolgimento nelle violazioni dei diritti umani.

Eppure molti legislatori ed esperti di politica estera hanno esortato Borrell e tutti gli Stati membri dell’UE, così come gli Stati Uniti e il Regno Unito, ad intensificare la pressione sull’Iran per i diritti umani sulla scia della nomina di Raisi a presidente. Riferendosi agli strumenti di sanzioni che sono ora disponibili per più di 30 nazioni, Robertson ha affermato che “non c’è nessun individuo il cui nome dovrebbe essere più in alto di quello di Raisi nell’elenco Magnitsky di ogni Paese”.
L’organizzatore della tavola rotonda di giovedì, il Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran, ha avvertito in vari modi che, a meno che Raisi non venga sottoposto a serie pressioni dalla comunità internazionale, la sua amministrazione supervisionerà certamente una nuova stretta nella repressione del dissenso da parte del regime iraniano. Nelle settimane precedenti il suo insediamento, le autorità iraniane hanno ucciso almeno una decina di manifestanti pacifici, e probabilmente molti altri. Ma questo impallidisce rispetto agli incidenti più scioccanti degli ultimi anni, così come dai primi giorni della Repubblica islamica.
Nel novembre 2019, quando Raisi era capo della magistratura, circa 1.500 persone furono uccise entro pochi giorni dall’inizio della rivolta nazionale di quel mese. Almeno 12.000 persone furono arrestate e poi sistematicamente torturate per mesi, sollevando serie preoccupazioni per il possibile ripetersi del massacro del 1988. Sebbene nulla si sia ancora avvicinato a un bilancio di vittime così drammatico, il silenzio della comunità internazionale su quello storico massacro e sulle successive repressioni può solo avere l’effetto di rendere più probabile che Raisi e Teheran mettano alla prova la propria impunità attraverso crimini contro l’umanità peggiori.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,598FollowersFollow
36,624FollowersFollow