martedì, Maggio 24, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniIran – processo a Hamid Noury: un sadico torturatore o una guardia...

Iran – processo a Hamid Noury: un sadico torturatore o una guardia “premurosa”?

Martedì 23 novembre, un tribunale svedese ha tenuto la prima udienza di Hamid Noury, un ex funzionario carcerario iraniano che partecipò al massacro di 30.000 prigionieri politici nel 1988. Nelle sue osservazioni altamente contraddittorie di martedì, Noury ha mostrato il suo vero volto di scagnozzo e criminale.
Noury è stato arrestato nel 2019 in Svezia. Il suo processo è iniziato nel 2021 e ha visto testimonianze strazianti di sopravvissuti al massacro del 1988. Durante quel massacro furono giustiziati oltre 30.000 prigionieri politici, per lo più membri e sostenitori dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI/MEK).
Noury era un agente carcerario all’epoca del massacro nella prigione di Gohardahst. Era conosciuto tra i prigionieri come Hamid Abbasi. Noury aveva inizialmente affermato di essere stato scambiato per qualcun altro; ma durante l’udienza di martedì ha riconosciuto la sua identità.
Le osservazioni di Noury consistevano in tre parti: lodare noti criminali nel regime, ripetere le stesse accuse infondate contro il MEK e negare il massacro del 1988.

Ha iniziato le sue osservazioni lodando criminali come Ruhollah Khomeini, Ebrahim Raisi (noto come il giudice che impiccava), Assadollah Lajevardi (noto come il macellaio di Evin), e Qassem Soleimani, famigerato per i suoi crimini nella regione.
Ha descritto l’attuale presidente del regime Raisi come “il popolare presidente del popolo iraniano”. Raisi svolse un ruolo chiave nel massacro del 1988 come membro della “Commissione della morte” di Teheran, che condannava a morte i prigionieri. Il “presidente popolare” di Noury è stato scelto a giugno dal leader supremo del regime, Khamenei, mentre la maggioranza degli iraniani ha boicottato le elezioni farsa del regime.
Noury ha poi lodato Qassem Soleimani, il comandante eliminato della Forza Quds dei Guardiani della Rivoluzione, noto per i suoi crimini in Medio Oriente, principalmente in Siria e in Iraq. “Quando [Soleimani] è stato insultato”, ha detto Noury, riferendosi a uno dei testimoni che aveva definito Soleimani un criminale, “ho sentito che il mondo mi crollava sulla testa”.
Noury ha poi chiamato Lajevardi “l’amato procuratore” di Teheran. Lajevardi aveva personalmente torturato, violentato e ucciso molti prigionieri negli anni ‘80.
Dopo avere finito di elogiare i criminali, Noury ha iniziato ad attaccare il MEK, rimaneggiando le accuse del regime iraniano contro il suo principale gruppo di opposizione democratica.
“C’è un’organizzazione che si chiama Mojahedin del Popolo, ma nessuno in Iran li conosce con questo nome. Tutti gli iraniani li chiamano Monafeghin”, ha detto Noury, usando il termine che solo il regime usa per il MEK. “Se li chiamo erroneamente Mojahedin nelle mie osservazioni, mi scuso con il popolo iraniano”.
Monafeghin è un termine dispregiativo usato solo dal regime.
Mentre cercava di minimizzare il suo ruolo nel massacro del 1988 e di negare la sua presenza nella prigione di Gohardasht in quel momento, Nouri ha ammesso di avere avuto un ruolo nei crimini del regime negli anni ‘80. Ha detto di avere partecipato alla repressione della minoranza etnica curda nel 1979. Ha riconosciuto che gli fu permesso di lavorare in prigione su sua “richiesta”. Ricoprì diversi incarichi in varie carceri vicino a Teheran. Si è narcisisticamente elogiato come una guardia “premurosa” che “amava i prigionieri” e “soddisfaceva le loro richieste”. Eppure, come hanno dichiarato i testimoni durante il processo, Noury era un sadico torturatore che si divertiva a tormentare i prigionieri.
Mojtaba Akhgar, un ex prigioniero politico, è uno di quelli che furono personalmente torturati da Noury. Secondo Akhgar, Noury e il suo capo Mohammad Moghiseh, noto anche come Nasserian, lo torturarono alcune settimane dopo il massacro del 1988.
“Un giorno, Nasserian venne e chiamò alcuni nomi, tra cui Javad Taqavi e me. Ci disse di uscire e lo facemmo. Fummo bendati nel cortile della prigione. Ci disse che il giudice della Sharia ci aveva condannato alle frustate. Io avrei dovuto ricevere 160 frustate e Javad 100. Ci legarono a un letto di metallo e ci frustarono. Fui ferito gravemente e riuscii a stento ad alzarmi da quel letto”, ha detto Akhgar.
Noury ha detto di essersi ritirato dal lavoro carcerario nel 1991. “Creai una società che si occupava di ghiaia e sabbia”, ha detto, aggiungendo: “Ogni notte tornavo a casa con una borsa piena di soldi”.
Negazione del massacro del 1988
Noury ha sfacciatamente negato che il massacro del 1988 sia mai avvenuto e lo ha definito una “storia inventata e non documentata” e una “ridicola commedia”.
Va notato che alcuni dei massimi dirigenti iraniani, tra cui Raisi e Mostafa Pourmohammadi, un altro membro della “Commissione della morte” ed ex ministro della Giustizia, hanno riconosciuto il loro ruolo nel massacro del 1988 e hanno difeso “orgogliosamente” le esecuzioni di massa dei prigionieri.
Noury ha anche negato l’esistenza della prigione di Gohardasht. “Non esiste una prigione chiamata Gohardasht. Questa è una bugia storica che è stata inventata in questi trent’anni”, ha detto. “Se dici Gohardasht in Iran, la gente riderà di te”.
Ha affermato di essersi trovato in licenza al momento del massacro del 1988. Ma molti prigionieri lo videro portare prigionieri alla “Commissione della morte” e da lì alla “Sala della morte”, dove avvenivano le esecuzioni.
Nella sua scioccante testimonianza la scorsa settimana, Asghar Mehdizadeh, che fu portato nella “Sala della Morte”, ha detto alla corte come Noury e Nasserian giustiziarono dei prigionieri del MEK.


“La guardia mi portò nella sala e mi tenne in piedi a circa 30 metri dal patibolo. Da sotto la mia benda, potevo vedere i corpi dei prigionieri giustiziati accatastati l’uno sull’altro sul patibolo”, ha detto. “Persi il controllo. Quando la guardia mi tolse la benda, vidi 12 sostenitori del MEK sul palco, in piedi su sedie e con cappi al collo. Le guardie portavano fuori i cadaveri e li mostravano l’uno all’altro. Da un lato del palco c’erano Nasserian, Davood Lashgari e Hamid Abbasi [Noury], e dall’altro lato c’erano altre 20 guardie”.
“Mentre i prigionieri iniziavano a cantare, Nasserian e il suo entourage li guardavano con stupore. Poi, all’improvviso, Nasserian si scagliò contro Davood Lashgari, Abbasi e le altre guardie: ‘Questi sono Monafeg! Che cosa state aspettando? Prendete a calci le loro sedie!’” ha testimoniato Mehdizadeh. “Quando Nasserian iniziò a prendere a calci le sedie, Lasgharian e Abbasi seguirono il suo esempio.”
Le controverse dichiarazioni di Noury evidenziano il suo fallimento nel difendere il proprio caso. Noury è uno degli agenti del regime coinvolti nel massacro del 1988. Altri criminali e figure principali come Raisi dovrebbero essere perseguiti e chiamati a rispondere del loro ruolo nel massacro del 1988, poiché tale ruolo in quel crimine contro l’umanità è ben documentato.

 

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,624FollowersFollow
38,020FollowersFollow