mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Notizie Diritti Umani La storia dei fratelli incarcerati riflette la crescita della repressione violenta in...

La storia dei fratelli incarcerati riflette la crescita della repressione violenta in tutto l’Iran

Navid, Vahid e Habib Afkari Sangari sono stati arrestati per la loro partecipazione alle proteste a livello nazionale nell’agosto 2018
È stato recentemente riferito che un tribunale del regime iraniano aveva respinto gli appelli per tre fratelli che erano stati sottoposti a una lunga lista di accuse a seguito della loro partecipazione alle proteste nelle città di Kazerun e Shiraz nell’agosto 2018. Grandi proteste erano scoppiate in tutto l’Iran negli ultimi giorni del 2017 e nelle prime settimane del 2018. La dura punizione per i tre fratelli fa parte di un fenomeno molto più ampio, poiché le autorità del regime stanno intensificando le attività repressive nel tentativo di prevenire ulteriori proteste pubbliche.
Il fratello più giovane, il 27enne Navid Afkari Sangari, ha ricevuto due condanne a morte per accuse false e vagamente definite. La lunga storia di esecuzione arbitraria di tali sentenze da parte della magistratura iraniana significa che Navid potrebbe essere giustiziato in qualsiasi momento ora che il suo appello è stato respinto. Allo stesso modo, i suoi fratelli Vahid e Habib potrebbero essere condotti in qualsiasi momento a iniziare le loro pene detentive di 54 e 27 anni rispettivamente, o a ricevere punizioni corporali sotto forma di 74 frustate ciascuno.
Intanto, la loro madre spera in un esito alternativo del caso, anche se riconosce che l’unico percorso realistico per tale alternativa è attraverso la pressione concertata del popolo iraniano e della comunità internazionale. “Chiedo aiuto a persone in tutto il mondo, a tutti in Iran, a chiunque possa sentire la mia voce affinché i miei figli possano essere dimostrati innocenti in un tribunale equo”, ha detto Bahie Namju, evidenziando le accuse secondo cui i suoi figli erano stati torturati in detenzione e costretti a fornire false confessioni e ad implicarsi a vicenda.

La madre dei tre giovani manifestanti iraniani chiede aiuto per salvare i suoi figli
Questo tipo di tattica è normale in Iran sotto il regime dei mullah, e lo stesso Navid Sangari ha descritto l’esperienza di violente percosse e soffocamento quasi al punto di perdere la vita, nell’arco di un periodo di detenzione di 50 giorni. Navid è stato anche isolato e privato del diritto di visita, una pratica che i mullah usano spesso per fare pressione non solo sui prigionieri stessi, ma anche sulle loro famiglie. Questa pratica è particolarmente riconoscibile nei casi in cui il regime desidera dare un esempio come parte di uno sforzo per scoraggiare la ripetizione o la difesa delle attività politiche.
Il regime sta evidentemente diventando sempre più impegnato a presentare tali esempi al pubblico, poiché i disordini iniziati nel dicembre 2017 non sembrano neanche lontanamente evaporare. Quella protesta a livello nazionale ha posto le basi per un movimento molto simile ma anche più diversificato geograficamente e socialmente nel novembre 2019. In quel caso, la partecipazione è stata registrata in circa 200 città e paesi diversi, rappresentando una crescita di circa il 25% rispetto ai dati di partecipazione alla rivolta del gennaio 2018.
La rivolta di novembre ha portato ad alcune delle peggiori repressioni politiche che l’Iran abbia visto dagli anni ‘80. In pochi giorni sono stati uccisi oltre 1.500 manifestanti pacifici, mentre migliaia di altri sono stati arrestati. E da allora almeno dodici di quei detenuti sono stati condannati a morte. I loro nomi si trovano accanto a quello di Navid Sangari e di uno qualsiasi delle decine di altri individui che sono stati condannati a morte in connessione con la rivolta del gennaio 2018, nelle manifestazioni locali dell’anno successivo, o per qualsiasi atto socio-politico che abbia subito un più stretto controllo da parte del regime a seguito di questi disordini.
Non sembra esserci alcun limite ai modi in cui le autorità del regime possono distorcere la narrativa che circonda queste attività al fine di giustificare la pena di morte. Nel caso di Sangari, una condanna a morte è derivata da accuse secondo le quali i fratelli sarebbero stati coinvolti nella morte di un membro della milizia Basij. Nessuna prova fisica è stata presentata a sostegno di queste accuse, ma la condanna a morte sembra essere stata una conclusione scontata, e la magistratura sarebbe certamente potuta giungere a tale conclusione anche attraverso una narrazione molto meno grave e dettagliata.
Navid e Vahid Sangari sono stati accusati di “avere diffuso la corruzione sulla terra” e infine condannati per “avere fatto guerra a Dio”. Entrambe le accuse portano sistematicamente a condanne a morte nonostante il fatto che ovviamente non corrispondono ad alcuno specifico comportamento criminale. In molti casi, vengono semplicemente utilizzate per stabilire un presunto legame tra gli individui accusati e il movimento organizzato della Resistenza Iraniana, come nel 1988 quando 30.000 prigionieri politici, per lo più membri dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (MEK / OMPI), furono sommariamente massacrati dopo essere stati definiti nemici di Dio.
Il ricordo di quel massacro solleva naturalmente la preoccupazione che casi come quello di Navid Sangari possano essere un precursore di repressioni del dissenso molto più ampie e violente. La probabilità di questo esito dipende in gran parte dalla reazione internazionale. In un recente esempio, la reazione coordinata nei media tradizionali e sui social ha spinto la magistratura del regime ad annunciare la possibilità di rivedere le condanne capitali pronunciate su tre partecipanti alla rivolta del novembre 2019. È stata una testimonianza della possibilità di influenzare il comportamento del regime, anche se l’annuncio è stato poco trasformativo e ha solo evidenziato la necessità di una pressione continua su questo e altri casi.
Tuttavia, la comunità internazionale è rimasta finora in silenzio sull’aumento della repressione interna in Iran negli ultimi anni. Anche dopo che 1.500 manifestanti sono stati uccisi lo scorso novembre.
È necessario chiedere al regime iraniano di rendere conto dei suoi crimini contro l’umanità. La signora Maryam Rajavi, presidente del movimento dell’opposizione iraniana, a questo proposito ha esortato il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il Segretario Generale, l’Alto Commissario e il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, nonché l’Unione Europea, ad agire immediatamente per ottenere il rilascio dei fratelli Afkari e di tutti i prigionieri di coscienza in Iran. Mantenere il silenzio sulla tortura e sui crimini contro l’umanità equivarrebbe a violare i valori per i quali l’umanità ha sacrificato decine di milioni di vite – ha aggiunto.

FOLLOW NCRI

70,823FansLike
1,445FollowersFollow
34,912FollowersFollow