martedì, Ottobre 26, 2021
HomeNotizieDiritti UmaniTrentasette esecuzioni in Iran in seguito all’insediamento di Raisi, questo è il...

Trentasette esecuzioni in Iran in seguito all’insediamento di Raisi, questo è il risultato dell’impunità

Human rights-Raisi-Iran

Giorni dopo l’insediamento di Ebrahim Raisi, dieci prigionieri sono stati giustiziati in diverse città dell’Iran. Dopo i precedenti casi di violazioni dei diritti umani di Raisi, queste esecuzioni e altri esempi di abusi dei diritti umani negli ultimi giorni preannunciano l’era della “massima oppressione”.
Lunedì, il regime clericale ha giustiziato Nabi Noti-Zehi ed Ebrahim Ghanbar-Zehi nella prigione di Kerman, nel sud-est dell’Iran. Domenica, il regime dei mullah ha giustiziato quattro prigionieri nelle prigioni di Isfahan e Birjand.
Queste recenti esecuzioni portano il numero totale delle esecuzioni negli ultimi 18 giorni a 37.

Domenica 8 agosto, solo tre giorni dopo l’insediamento di Raisi, i criminali del regime hanno attaccato due donne iraniane a Urmia, nel nord-est dell’Iran, con il pretesto di velarsi male. Le donne sono state gravemente ferite dopo che un uomo le ha investite con la sua auto. Resoconti dall’Iran indicano che una di queste donne è in condizioni critiche. Il cosiddetto quartier generale della “Promozione della virtù e la prevenzione del vizio” a Urmia ha riconosciuto che il colpevole è un membro di questo quartier generale oppressivo.
È da notare che Raisi è stato il primo segretario generale del cosiddetto “Quartier generale per la promozione della virtù e la prevenzione del vizio”.
Mentre tutti i recenti casi di violazione dei diritti umani preannunciano una tendenza all’aumento delle violazioni dei diritti umani, la magistratura del regime ha assolto Saeed Mortazavi, l’ex procuratore generale di Teheran, noto per i suoi crimini durante le proteste in Iran nel 2009. Era stato accusato di possesso illegale e negligenza nell’adempimento del suo dovere.
Mortazavi è stato assolto per il suo ruolo nell’uccisione nel 2009 di tre manifestanti detenuti in una famigerata prigione da lui supervisionata. Con il suo giro di vite sulla libertà di stampa, compresa la chiusura di più di 120 giornali, il popolo iraniano l’ha sopranominato il “macellaio della stampa”. Mortazavi ha personalmente interrogato, violentato e ucciso Zahra Kazemi, una giornalista iraniano-canadese, nei primi anni 2000.
Non ci sono illusioni sulla magistratura del regime guidata da un altro criminale, Gholam-Hossein Mohseni-Ejei, e quando Raisi diventa presidente del regime. L’assoluzione di Mortazavi, la presidenza di Raisi e la nomina di Ejei alla magistratura sottolineano ancora una volta la sistematica impunità di cui godono i violatori dei diritti umani in Iran.
Questo fatto è stato sottolineato da Agnes Callamard, segretario generale di Amnesty International, il 19 giugno, dopo l’annuncio che Raisi sarebbe il prossimo presidente del regime.

“Il fatto che Ebrahim Raisi sia salito alla presidenza invece di essere indagato per crimini contro l’umanità, crimini che comprendono omicidio, sparizione forzata e tortura, ci ricorda tristemente che l’impunità regna sovrana in Iran”, ha detto la signora Callamard.
Raisi ed Ejei hanno partecipato al massacro del 1988 di oltre 30.000 prigionieri politici in Iran. Raisi ha giocato un ruolo chiave durante il massacro del 1988, in particolare come uno dei membri della “Commissione della morte” di Teheran. Le cosiddette “Commissioni della morte” hanno deciso il destino di migliaia di prigionieri.
Il crimine di Raisi non si limita alle attuali violazioni dei diritti umani. Come capo della magistratura del regime dal 2019 al 2021, Raisi “ha presieduto a un giro di vite sui diritti umani che ha visto centinaia di dissidenti pacifici, difensori dei diritti umani e membri di gruppi minoritari perseguitati e detenuti arbitrariamente”, secondo Amnesty International.
Sotto lo sguardo di Raisi, la magistratura del regime ha anche “concesso l’impunità totale ai funzionari governativi e alle forze di sicurezza responsabili dell’uccisione illegale di centinaia di uomini, donne e bambini e di aver sottoposto migliaia di manifestanti ad arresti di massa e almeno centinaia a sparizioni forzate, nonché a torture e altri maltrattamenti durante e dopo le proteste nazionali del novembre 2019”, secondo Amnesty International.
Nonostante le continue violazioni dei diritti umani da parte dell’Iran, l’Unione europea ha inviato Enrique Mora, il vice alto rappresentante dell’Unione europea per gli affari esteri e la politica di sicurezza, all’inaugurazione di Raisi. I leader dell’UE nei giorni scorsi si sono anche congratulati formalmente con la presidenza di Raisi.
La partecipazione di Mora all’inaugurazione di Raisi è stato un atto vergognoso di appeasement che fa prevalere questioni di economia sui diritti umani. Inviando Mora in Iran, l’UE ha tradito i suoi stessi valori dei diritti umani.
Questa debole reazione alla presidenza del “macellaio di Teheran” alimenta l’impunità sistematica che ha portato chi ha fatto beffa dei diritti umani a ricevere incarichi di spicco nel regime.
La comunità internazionale, in particolare l’UE, ha fallito nel ritenere il regime responsabile dei suoi crimini contro l’umanità. Quando è iniziato il massacro del 1988, la comunità internazionale ha rifiutato di agire nonostante i ripetuti appelli della Resistenza iraniana, delle organizzazioni per i diritti umani e dei legislatori.

Questo mancato intervento “ha avuto un impatto devastante sui sopravvissuti e sulle famiglie, nonché sulla situazione generale dei diritti umani in Iran”, come viene espresso in una lettera dei sette esperti delle Nazioni Unite nel dicembre 2020.
Le recenti esecuzioni in Iran fanno parte dell’impatto devastante del fallimento della comunità internazionale nel rispettare i suoi obblighi.
I leader mondiali, soprattutto i leader dell’UE, non dovrebbero chiudere un occhio sulle violazioni dei diritti umani in Iran. Dovrebbero chiedere conto al regime, soprattutto a Raisi e agli altri violatori dei diritti umani. Questo coinciderebbe con i valori dei diritti umani dell’UE e impedirebbe al regime di abusare ulteriormente dei diritti del popolo iraniano.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,598FollowersFollow
36,621FollowersFollow