martedì, Maggio 24, 2022
HomeNotizieDiritti UmaniTribunale formato a Londra fa parte di una più ampia spinta a...

Tribunale formato a Londra fa parte di una più ampia spinta a ritenere l’Iran responsabile

Mercoledì è iniziato a Londra un tribunale popolare con l’obiettivo di indagare sulla repressione del regime iraniano sulle proteste a livello nazionale che hanno avuto luogo due anni fa. L’evento è stato organizzato congiuntamente da organizzazioni come Justice for Iran, Iran Human Rights e Together Against the Death Penalty. È previsto che continui fino a domenica, la vigilia del secondo anniversario dello scoppio della rivolta anti-regime del novembre 2019, durante la quale 45 testimoni presenteranno delle prove. Una dichiarazione pubblica delle conclusioni del tribunale è prevista per l’inizio del 2022 ed è probabile che includa raccomandazioni per la ricerca internazionale di responsabilità per 133 funzionari iraniani che sono stati esplicitamente identificati attivamente coinvolti nella repressione.
Diverse organizzazioni non direttamente coinvolte in questi procedimenti hanno anche rilasciato dichiarazioni negli ultimi giorni che richiamano l’attenzione sull’anniversario della rivolta e condannano non solo la repressione iniziale del regime, ma anche i suoi sforzi continui per intimidire e mettere a tacere i testimoni oculari e le famiglie di quelli uccisi dalle forze di sicurezza.
Nel 2019, la People’s Mojahedin Organization of Iran (PMOI/MEK) si è affrettata a stabilire che il bilancio delle vittime di sparatorie di massa è salito a più di 1.500 nel corso di pochi giorni. Questo numero è stato poi confermato dalla Reuters, che ha citato diverse fonti all’interno del ministero dell’Interno del regime. Nelle dichiarazioni ufficiali, tuttavia, le autorità hanno passato gli ultimi due anni a minimizzare l’incidente e hanno persino tentato di affermare che entità non specificate, diverse dalle forze di sicurezza, erano responsabili di molte morti per sparatoria.
Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha finora rifiutato di aprire un’indagine formale sulla repressione del 2019 e di stabilire un meccanismo di responsabilità. Le potenze occidentali hanno mostrato poco sostegno per questa linea d’azione, mentre rimangono intenti a salvare l’accordo nucleare iraniano del 2015. I negoziati per questo fine dovrebbero riprendere a Vienna il 29 novembre.
Il tribunale che si sta svolgendo manda il messaggio riguardante gli abusi interni da parte del regime iraniano, così come una serie di altri movimenti di attivisti che affrontano una serie di incidenti di alto profilo. La longevità di alcuni di questi movimenti sottolinea ulteriormente la percezione che Teheran ha sviluppato un forte senso di impunità in tali questioni, grazie in gran parte alla relativa mancanza di conseguenze internazionali.
Nel settembre 2020, sette esperti di diritti umani delle Nazioni Unite hanno fatto riferimento a questa impunità in una lettera aperta indirizzata alle autorità iraniane riguardo a un massacro di prigionieri politici avvenuto nell’estate del 1988. La lettera sembrava dare per scontato che Teheran non avrebbe risposto in alcun modo significativo e che alla fine si sarebbe rifiutata di consegnare i colpevoli alla giustizia e rimediare alla loro precedente inazione. Ha notato che nei mesi successivi al massacro, l’ONU ha riconosciuto che c’era un incremento delle uccisioni motivate da ragioni politiche, ma né l’Assemblea Generale né alcuna agenzia specializzata dell’ONU ha dato seguito alle segnalazioni.
Relatori speciali hanno dichiarato che “L’incapacità di questi organismi di agire ha avuto un impatto devastante sulle vittime e le famiglie, nonché sulla situazione generale dei diritti umani in Iran”, aggiungendo che il silenzio ha anche “incoraggiato l’Iran a mantenere una strategia di deviazione e negazione” fino ad oggi. Questa strategia si riflette nell’approccio del regime alle conseguenze della repressione del 2019. E questo non è affatto l’unico collegamento tra quella repressione e la rivolta del 2019.
Nel giugno 2021, dopo le elezioni fasulle che hanno portato Ebrahim Raisi al potere in Iran, Amnesty International ha rilasciato una dichiarazione che quello sviluppo fosse un “triste promemoria che l’impunità regna sovrana in Iran”, affermando anche che invece di essere elevato alla presidenza, Raisi avrebbe dovuto essere “indagato per i crimini contro l’umanità di omicidio, sparizione forzata e tortura”. Questa valutazione è stata costruita su due basi principali: Lo status di Raisi come capo della magistratura iraniana all’epoca della repressione del 2019, e il suo ruolo come uno dei quattro funzionari nella “commissione della morte” di Teheran che supervisionò il massacro del 1988.
Secondo fonti Il tribunale per le atrocità dell’Iran sta ascoltando testimoni anonimi che erano in Iran al tempo della repressione del 2019. Il loro anonimato è vitale a causa della pressione costantemente esercitata dalle autorità del regime su coloro che parlano della condotta del regime, così come sulle loro famiglie.

Il 3 novembre è stato riferito che le forze di sicurezza hanno fatto irruzione nella casa condivisa dalla madre e dalla sorella dell’attivista blogger Sattar Beheshti, ucciso nel 2012. Sia Gohar che Sahar Beheshti sono state arrestate nell’operazione e il marito di quest’ultima sarebbe stato picchiato in presenza dei loro figli di dieci anni. Anche se le due donne sono state rilasciate tre giorni dopo, l’incidente è servito ancora come una minaccia per coloro che continuano ad opporso ai crimini del regime. È arrivato solo pochi giorni dopo che Gohar Beheshti ha pubblicato un video che segnava l’anniversario della morte di suo figlio, e proprio mentre una fondazione che è stata creata in suo nome stava pianificando una cerimonia per commemorare non solo Beheshti ma anche tutti coloro che sono stati uccisi nel novembre 2019.
In seguito a continui appelli in Iran all’intervento straniero si assiste ad un’ampia varietà e crescente numero di sostenitori occidentali a favore di indagini formali e procedimenti internazionali di persone coinvolte in abusi dei diritti umani di ogni tipo, da esecuzioni di massa come il massacro del 1988 a singoli omicidi come quello di Sattar Beheshti.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,624FollowersFollow
38,020FollowersFollow