• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Martedì 16 Luglio 2019, 14:27:40.

Il regime iraniano condanna 4 attivisti del MEK a morte o detenzione

La Corte Rivoluzionaria di Teheran ha condannato domenica scorsa quattro uomini affiliati all’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI o Mujahedin-e Khalq, MEK) alla detenzione e uno di loro a morte.

Il ramo 28 della Corte Rivoluzionaria di Teheran, guidato dal famigerato giudice Mohammad Moghiseh, ha condannato a morte (oltre che ad 8 anni di carcere) il 34enne Abdullah Ghasempour con le accuse di “fare la guerra a Dio”, “riunione e cospirazione” e “appartenenza al MEK”.
La corte ha detto che Abdullah Ghasempour aveva dato fuoco a una base paramilitare del Bassij, aveva filmato l’evento e lo aveva inviato ai media del MEK. Il Bassij è affiliato al Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) del regime, che è stato definito organizzazione terroristica straniera dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti il mese scorso.

Altri tre uomini – Mohammad Hossein Ghasempour (fratello di Abdullah), 32 anni, Alireza Habibian, 30 anni, e Akbar Dalir, 34 anni – sono stati condannati a cinque anni e mezzo di carcere ciascuno per “riunione e cospirazione”. I tre sono attualmente detenuti nel reparto 4 della prigione di Evin a Teheran.
Tutti e quattro erano stati arrestati il 21 maggio 2018 a Teheran e trasferiti nella famigerata prigione di Evin. Sono stati tenuti in uno stato di limbo per quasi un anno prima di essere processati.

Il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana in una dichiarazione del 17 maggio 2019 ha comunicato i nomi di 11 prigionieri politici arrestati lo scorso mese.
Il CNRI ha dichiarato: “Il trasferimento delle forze di Hash al-Shabi dall’Iraq alle aree colpite dalle inondazioni, il lancio di pattuglie notturne e ‘pattuglie di sicurezza di quartiere’, chiamate Razavioun, e la nuova ondata di arresti in tutto il Paese, specialmente tra i sostenitori del MEK, fanno parte delle misure repressive del fascismo religioso per prevenire le rivolte popolari”.

Questo accade dopo che personale dell’intelligence del regime iraniano ha annunciato che decine di sostenitori dell’OMOI (MEK) erano stati arrestati l’anno scorso.
Il 19 aprile, il ministro dell’Intelligence Mahmoud Alavi ha riferito degli arresti di 116 squadre associate al MEK l’anno scorso.
Successivamente, il direttore generale del Ministero dell’Intelligence nella provincia dell’Azerbaigian Orientale, il 24 aprile 2019, ha comunicato che nel 2018 vi erano stati 110 arresti e scontri con i Mojahedin nella provincia.
Il CNRI, tuttavia, ha affermato che il numero effettivo di arresti è molto più alto, poiché l’IRGC, la direzione dell’intelligence dell’IRGC, le forze dell’ordine e i pubblici ministeri hanno effettuato arresti separati.
I nomi di 29 detenuti comunicati dal MEK sono i seguenti:

Farshad Etemadifar, 24, Gachsaran, June 2018
Omid Javid Nasab, 20, Gachsaran, June 2018
Farshad, 21, Gachsaran, June 2018
Farshid Baharan, 21, Yasouj, Khordad 2018
Mehrzad Baharan, 27, Yasouj, June 2018
Amir Ramin Fard, 38, Tabriz, June 2018
Shahyad Ghanavati, 32, Ahvaz, September 2018
Afshin Barzegar Jamshidi, 29, September 2018
Majid Mahmoudian, 37, Tabriz, September 2018
Mohammad Reza Hasan Maleki, 33, Semnan, October 2018
Zarir Hadipour, 56, Kohdasht, October 2018
Farhang Khorshidi, 41, Kohdasht, October 2018
Alireza Barzegar, 40, Karaj, October 2018
Pouriya Vahidian, Tehran, November 2018
Manoochehr Farhadi, 50, Isfahan, February 2019
Seyyed Mehdi Vafaie, 35, Tehran, February 2019
Hossein Noori Derakhshan, 36, Tehran, February 2019
Hamid Kashani, Ghaemshahr, February 2019
Vahid Bani Ameriyan, 26, Tehran, March 2019
Pooya Ghobadi, 26, Tehran, March 2019
Sina Zahiri, 36, Tehran, March 2019
Mohsen Farid, 44, Tehran, March 2019
And 24. Parsa Sedighi Hamedani, 22, with her sister, Urmia, March 2019
Ebrahim Khalil Sedighi Hamedani, Urmia, 60, March 2019
Afshin Shahsavari, 27, Tehran, March 2019
Abbas Shahbazi, 41, Ahvaz, March 2019
Najah Anvar Hamidi, 60, Ahvaz, March 2019
Najah Anvar Hamidi, 60, Ahvaz, March 2019

 

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares