• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 12 Ottobre 2019, 21:00:22.

Iran: Impiccato 10 prigionieri, tra cui una donna, mentre Rouhani teneva il suo discorso all’Assemblea generale dell’ONU

La dittatura teocratica al potere in Iran ha impiccato 10 prigionieri, tra cui una donna tra i 25 e 26 settembre nelle carceri di Gouhar-dasht a Karaj e a Sanandaj e Urumieh, contemporaneamente con la seduta dell’Assemblea generale dell’ONU e la presenza di Rouhani all’ONU. 

All’alba del 26 settembre sono stati impiccati Leila Zarafshan, al carcere centrale di Sanandaj, e Rauf Azadikhah, Shahabbodin Mohammadpuor nel carcere di Urumieh. Il giorno prima, il 25 settembre, sono state impiccate altre 6 persone nel carcere di Gouhar-dasht a Karaj.
La continuazione delle impiccagioni sommarie da parte del regime dei mullà, perfino quando Rouhani si trova a New York e durante la seduta dell’Assemblea generale, significa questa semplice realtà che: quest’antiquato regime criminale non potrebbe perdurare neanche un solo giorno senza effettuare torture repressione e impiccagioni.

La Resistenza Iraniana lancia ancora una volta l’appello al Segretario generale dell’ONU, all’Alto commissariato e al Consiglio dei Diritti umani dell’ONU e a tutte le associazioni difensori dei Diritti umani di condannare senza indugi le impiccagioni sommarie e afferma sulla necessità di espellere il regime iraniano dalle Nazioni Unite e spedire il fascicolo dei suoi crimini al Consiglio di sicurezza e processare i responsabili.

Segretariato del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
26 settembre 2019

 

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares