• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 18 Gennaio 2020, 07:55:22.

Lettera dei premi Nobel al Segretario Generale dell’ONU circa le proteste in Iran

Un gruppo di premi Nobel ha scritto una lettera congiunta al Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, attirando l’attenzione sulla repressione messa in atto dal regime iraniano nei confronti dei dimostranti. Di seguito il testo della lettera congiunta:

Lettera congiunta dei premi Nobel al Segretario Generale delle Nazioni Unite

Sua Eccellenza Antonio Guterres

Segretario Generale delle Nazioni Unite

Egregio Segretario Generale,

Noi, premi Nobel firmatari di questa lettera, intendiamo esprimere le nostre gravi preoccupazioni circa la recente repressione delle dimostrazioni anti-regime in Iran, e condannare il ricorso alla forza letale da parte delle forze di sicurezza ai danni di persone innocenti, che non domandavano altro che il rispetto dei propri diritti.

Le proteste sono iniziate il 15 Novembre in seguito al rincaro di tre volte del prezzo del carburante, ma si sono presto trasformate in una rivolta su scala nazionale, in cui centinaia di migliaia di iraniani, soprattutto giovani, l’esercito dei disoccupati, degli affamati e degli impoveriti, sottoposto da più di 40 anni alla repressione, all’incompetenza, al malgoverno ed alla corruzione, si è riversato per le strade, sfidando i leader del regime. La rivolta ha coinvolto oltre 150 città.

Amnesty International riporta che sarebbero stati uccisi almeno 200 cittadini, ma si crede che il dato reale sia molto più alto. Amnesty International, riferendosi alla repressione organizzata messa in atto dal regime nei confronti dei manifestanti, ha scritto: “Gli ufficiali governativi , incluso il leader supremo Ali Khamenei, hanno rilasciato dichiarazioni in cui descrivono i dimostranti come “criminali”, dando il via libera alle forze di sicurezza per reprimere le manifestazioni.”

Allo stesso tempo il regime iraniano ha oscurato Internet, creando un blackout di informazioni col fine di reprimere brutalmente.

Fino ad ora sono state ferite 3700 persone, e sono stati arrestati almeno 7000 dimostranti. I media iraniani ufficiali hanno enfatizzato che coloro che hanno guidato le proteste e sono stati arrestati saranno giustiziati per impiccagione. È opinione diffusa che questa sia la posizione ufficiale di Ali Khamenei, il leader supremo. Il Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, in una dichiarazione ufficiale, ha avanzato anch’esso simili minacce.

Molti di noi, nella nostra corrispondenza precedente con il Suo predecessore, Gli hanno espresso la propria gratitudine per aver aiutato a salvare le vite dei residenti di Ashraf, in Iraq, che in quanto membri dell’opposizione al regime iraniano venivano brutalmente attaccati ed assassinati dalle forze del regime.

Sig. Segretario Generale,

In aggiunta al nostro obbligo scientifico di contribuire all’avanzamento della scienza ed al miglioramento della vita umana, crediamo co forza che sia nostro dovere difendere i diritti umani nel mondo. Pertanto chiediamo urgentemente alle Nazioni Unite di intervenire immediatamente per prevenire ulteriori atrocità da parte del regime iraniano ai danni del suo stesso popolo e suggeriamo ai paesi membri dell’ONU di incontrarsi il prima possibile per affrontare questa crisi, ed attivarsi affinché i responsabili siano consegnati alla giustizia. Chiediamo dunque alla Nazioni Unite di istituire una commissione d’inchiesta che si rechi in Iran e conduca un’indagine approfondita sulla situazione, soprattutto per raccogliere informazioni circa coloro che sono stati uccisi, feriti ed arrestati.

Tutti coloro che tra noi si preoccupano per ciò che sta accadendo devono offrire il proprio pieno supporto e la propria solidarietà al coraggioso popolo iraniano.

Esso non merita nulla di meno.

 i firmatari:

Professor Richard Roberts, Nobel Prize, Medicine 1993, USA
Professor Elias Corey, Nobel Prize, Chemistry 1990, USA
Professor Gerhard Ertl, Nobel Prize, Chemistry 2007, Germany
Professor John Lewis Hall, Nobel Prize, Physics 2005, USA
Professor Oliver Hart, Nobel Prize, Economics 2016, USA
Professor Tim Hunt, Nobel Laureate, Medicine (2001), U.K.
Professor Jerome Friedman, Nobel Prize, Physics 1986, USA
Professor Roger Guillemin, Nobel Prize, Medicine 1977, USA
Professor Roger D. Kornberg, Nobel Prize, Chemistry 2006, USA
Professor John Polanyi, Nobel Prize, Chemistry 1986, Canada
Professor John Mather, Nobel Prize, Physics 2006, USA
Professor Dudley Herschbach, Nobel Prize, Chemistry 1986, USA
Professor Hamilton Smith, Nobel Prize, Medicine 1978, USA
Professor Sheldon Glashow, Nobel Prize, Physics, 1979, USA

 

 

 

 

Copyright © 2020 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares