• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Domenica 16 Settembre 2018, 19:42:22.

Iran: Arresto di una militante dei diritti delle donne a Teheran

ImageCNRI, 28 novembre  - Una militante dei diritti delle donne, Maryam Hossein Khah, è stata fermata dalle forze di sicurezza il 17 novembre a Teheran. È accusata di "disordini dell'ordine pubblico" e di "propaganda contro il regime". Questa giornalista ben noto è stata inviata alla prigione di Evine per avere scritto sui diritti della donna e la necessità di cambiare le leggi discriminatorie misoginia. Gli rimproverano anche di avere partecipato alla "campagna per un milione di firma".

Il tribunale ha fissato la garanzia a 100.000 $ per lasciarla uscire da prigione.È stata citata dicendo che "è la terza volta che vengo alla prigione di Evine."

Iran: settanta arresti in manifestazione

ImageANSA - TEHERAN, 13 GIU - Settanta persone, di cui 42 donne, sono state arrestate mentre partecipavano ad una manifestazione contro la discriminazione delle donne.

Le leggi iraniane discriminatorie sono ispirate alla legge islamica, in particolare quelle che prevedono la poligamia e regole penalizzanti in caso di divorzio. Tra gli arrestati, secondo fonti di stampa, vi e' anche un ex deputato riformista, Ali Akbar Musavi Khoini. Al raduno, avvenuto ieri sera a Teheran, hanno partecipato tra le 100 e le 200 persone.

Iran: Il governo iraniano ha proibito qualsiasi manifestazione in occasione dell’8 marzo

Diverse formazioni e organizzazioni femminili hanno indetto una manifestazione a Teheran presso Park Laleh

ImageCNRI, 5 Marzo - Secondo quanto ha dichiarato un responsabile degli affari femminili del ministero degli interni, il governo di Ahmadinejad ha proibito qualsiasi manifestazione in occasione dell’8 marzo, giornata mondiale della donna.
Sassoni, direttrice generale dell’ufficio delle donne del ministero degli interni che si trovava nella città di Zahedan ha detto:” per nessun motivo si devono organizzare delle manifestazioni per 8 marzo. In questa occasione nessuna formazione femminile ha organizzato delle manifestazioni.

Iran-Rajavi: La dittatura religiosa non è soltanto contro il popolo iraniano, ma contro l'umanità

Messaggio di Maryam Rajavi, presidente eletta dalla resistenza iraniana al convegno delle donne

ImageSignore , Signori  ,  cari amici

 Il mio paese è nelle mani di un regime che, rispetto alla sua popolazione, detiene il record delle esecuzioni, lontano dinnanzi a tutti gli altri. Come ha detto un poeta iraniano, il mio paese è una "terra dove il salario del becchino ha più valore della libertà dell'uomo". Permettetemi di cominciare nel rendere omaggio ai 120.000 uomini, donne e bambini che si sono alzati da oltre venti anni per cambiare questa situazione in Iran e che sono stati giustiziati dalla dittatura religiosa. Le esecuzioni non sono riservate ai soli uomini e donne della resistenza. Per motivi di offese morali, di droga o di rapina a mano armato, la pena di morte e  l‘amputazione delle mani e dei piedi incombono senza pietà.

Iran: Immediata impiccagione di una ragazza di 19 anni

Image
CNRI - Secondo quanto ha riportato il quotidiano Aftab una ragazza di 19 anni verrà impiccata in Iran . Delara Darabi è stata accusata d'omicidio all'età di 17 anni. La pena di morte è stata pronunciata da un tribunale religioso della città di Rasht (nord dell'Iran) ed approvata dalla Corte suprema nonostante abbia  negato ogni sua partecipazione all’ omicidio.

Iran - Impiccagione : L'Iran impicca una giovane donna in prigione

ImageTeheran, 9 dicembre - Una giovane donna iraniana è stata impiccata in prigione a Chirvan, una città del Nord-est, lo ha riportato giovedì un quotidiano ufficiale.
La donna non identificata era stata accusata di avere ucciso una anziana donna nel dicembre 2001, quando aveva soltanto 18 anni, ha riportato il quotidiano Khorrasan.
La donna è stata giustiziata mercoledì, all'alba, dinnanzi al procuratore e ai giudici religiosi.

Iran-Donne:Sig.ra Rajavi ha invitato la conferenza di New York a difendere i diritti delle donne

ImageCNRI, 6 Dicembre - In un messaggio alla conferenza delle donne a New York, la Sig.ra Maryam Rajavi, presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha detto: "Le donne di Ashraf, che stanno sopportando il peso di una lotta complessa, dolorosa e difficile contro le più misogine, reazionarie forze della storia, devono essere sostenute dalle loro sorelle di tutto il mondo." 
Camp Ashraf  in Iraq è dove i membri dell'Organizzazione Mojahedin del Popolo Iraniano (PMOI), la principale opposizione iraniana, risiedono. Mentre stanno per essere riconosciuti come persone protette secondo la quarta convenzione di Ginevra, sono un obiettivo della cospirazione terrorista del regime clericale (iraniano) in Iraq.

Iran - Provvedimento della polizia contro le donne

ImageIl CNRI-6. Sette -Tehran, Il comandante delle forze di sicurezza di Stato in Iran nella città d’Orumieh, a nord-ovest dell’Iran, domenica ha minacciato che la polizia provvederà severamente con un’azione “forzata e decisiva" contro le donne che non rispettano il codice d’abbigliamento correttamente.
Parlando ai giornalisti, il colonnello Rasoul Khorshidi-Far ha detto: "l’obiettivo principale delle forze di sicurezza dello stato nel contrastare l’abitudine delle donne non velate è di sviluppare la coltura islamica nella società.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;