• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Martedì 26 Marzo 2019, 07:55:29.

Gli Stati Uniti accusano il regime iraniano per le sue malefiche intromissioni in Iraq

Di Mohammad Sadat Khansari

Il regime iraniano interferisce negli affari interni di altre nazioni da molti anni. È stato pesantemente coinvolto nella guerra civile siriana e ha alimentato il caos in Libano. La sua interferenza e intromissione in Iraq è da tempo una delle maggiori preoccupazioni per la comunità internazionale.

Le diverse fazioni in Iran ancora divise sull'Instex

Di Mahmoud Hakamian

Esiste ancora un importante livello di controversie circa il canale finanziario europeo - lo strumento Instex in sostegno agli scambi finanziari- creato per aiutare il governo dei mullah ad eludere le sanzioni statunitensi, con opposte fazioni politiche tacciandosi tra di loro con gli epiteti di "traditori o sabotatori" a seconda del sostegno/ opposizione a questa mossa.

Perché il regime iraniano ricorre alla guerra per procura

Il regime iraniano ha celebrato il suo 40esimo anniversario nel bel mezzo di una seria crisi interna ed internazionale, tutt’ora in corso. La rivolta anti-regime, durante la quale centinaia di migliaia di persone hanno messo e mettono a rischio le loro vite per un cambio di regime, è iniziata nel Dicembre 2017 e non mostra alcun segno di interruzione.

L'inganno sul nucleare del regime iraniano

L'anno scorso è stato reso noto che il regime iraniano ha mentito durante i negoziati sull'affare nucleare. L'intelligence straniera ha scoperto - attraverso il sequestro di decine di migliaia di documenti, immagini e file - che la pianificazione nucleare dell'Iran era più avanzata di quanto sostenuto dal regime. L'evidenza è stata in grado di dimostrare che nei primi anni del secolo l'Iran stava progettando di produrre e sviluppare un missile che fosse in grado di armare ordigni nucleari. Il piano è stato nominato "Piano Amad".

I leader dell’UE devono riconoscere la minaccia posta dal regime iraniano

Mentre alcuni governi occidentali hanno tentato politiche di pacificazione o condiscendenza con l’Iran e continuano a sostenere finanziariamente il regime nella speranza di normalizzare il comportamento di quello Stato, Teheran non ha dato alcuna indicazione che intenda abbandonare le sue tendenze autocratiche e militariste.

Le donne partecipano pesantemente alle proteste in Iran

Le donne iraniane hanno partecipato ampiamente alle proteste in tutto il paese lunedì, martedì e mercoledì, secondo le notizie. Ciò non sorprende perché le donne sono state a lungo la forza trainante del cambiamento politico in Iran, come si è visto durante la Rivoluzione per deporre lo scià, che è stata dirottata dai mullah e la rivolta iniziata nel dicembre 2017. Infatti, la Resistenza Iraniana è anche guidata da una donna, Maryam Rajavi, e le donne godono di innumerevoli posizioni di potere all'interno della Resistenza, rispetto a poche e lontane opportunità nel regime.

Gli insegnanti continuano a scioperare in Iran

Le proteste anti-regime sono all'ordine del giorno in Iran dallo scorso anno, ma sono gli scioperi e le manifestazioni degli insegnanti iraniani che sono particolarmente notevoli, dato il loro impegno a migliorare la vita delle generazioni future attraverso il cambio di regime e l'istruzione.

Campagna di dirottamento informatico: si sospetta che sia collegata al regime iraniano

Venerdì scorso, il Quartier Generale del Governo per le Comunicazioni (GCHQ), l’organizzazione di intelligence e sicurezza responsabile di fornire garanzia di sicurezza delle informazioni al governo ed alle forze armate del Regno Unito, ha avvertito di stare investigando su “una campagna di dirottamento su larga scala che interesserebbe governi ed organizzazioni commerciali in tutto il mondo.”

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;