• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Lunedì 14 Gennaio 2019, 08:10:03.

Iran: la deviazione dell’acqua nella provincia di Isfahan causa malattia

Di Amir Taghati

Le zone umide di Gavkhouni si sono essiccate a causa di una deviazione dell’acqua nella provincia centrale di Isfahan. Il capo del Consiglio Islamico di Varzaneh, Hossein Azhari, ha rivelato che a causa di ciò la leishmaniosi, una grave malattia, ha contagiato centinaia di persone nella città di Varzaneh.

La malattia è causata dal morso di una mosca della sabbia. Le sue vittime soffrono di grandi lesioni sul volto e sul corpo. È stato riferito che 512 studenti, per lo più ragazze, hanno contratto la malattia della pelle. Tale malattia viene anche chiamata “l’assassino della bellezza” perché le lesioni che provoca somigliano a bruciature acide e lasciano dietro di sé cicatrici orribili.
In un’intervista all’agenzia statale ILNA, il funzionario di Varzaneh ha parlato della portata dell’infezione, dicendo: “Nonostante i funzionari della sanità annuncino che ci sono al massimo 900 persone infette, pensiamo che i numeri siano molto più alti”.
Non sono ancora state prese misure specifiche per prevenire la malattia, secondo il funzionario della città. Sembra che questa malattia sarà trattata semplicemente come un’altra conseguenza della deviazione dell’acqua di Isfahan, che ha gravemente danneggiato la sussistenza degli agricoltori a Varzaneh.


All’inizio di questa settimana, gli agricoltori si sono riuniti a Isfahan per protestare contro la deviazione delle acque nei siti industriali delle province limitrofe. Hanno manifestato e richiesto i loro diritti sull’acqua per gli ultimi dieci giorni. Avevano dei cartelli con la scritta “Dov’è il mio Zayanderud?”, riferendosi al fiume di Isfahan, ora quasi essiccato.
“Come agricoltori di Isfahan, resisteremo fino alla morte per ottenere i nostri legittimi e legali diritti”, si legge in un altro loro cartello.

Anche gli agricoltori di Khorasgan si sono radunati protestando contro la deviazione delle acque di Isfahan.
Secondo il capo del Consiglio Islamico di Varzaneh, nella vicina provincia di Yazd l’acqua viene trasferita in siti industriali “con condotte ad alta pressione proprio davanti alla gente in luoghi dove non c’era nulla prima e questo ha portato a tale prosperità (in altre regioni) che gli agricoltori lasciano le loro terre per trovare lavoro nella provincia di Yazd”.

Recentemente, 18 parlamentari iraniani di Isfahan hanno rassegnato le dimissioni per protestare contro la violazione dei diritti sull’acqua dei contadini. Tuttavia, gli agricoltori dicono che la maggior parte dei parlamentari ha smesso di seguire la questione dopo la promessa del presidente di indagare sulla crisi idrica dello Zayanderud. Gli agricoltori dicono che le loro richieste sono state messe da parte in parlamento con una promessa che è improbabile che venga mantenuta.
Il funzionario comunale di Varzaneh Hossein Azhari ha dichiarato che è inutile che i contadini perseguano i loro diritti sull’acqua attraverso il governo. “È difficile per la gente vedere l’acqua che viene trasferita altrove, non lontano da dove vivono e non avere accesso ad essa”, ha detto il funzionario del consiglio comunale. “L’acqua viene trasferita con tubature ad alta pressione a Yazd per scopi industriali, ma i terreni agricoli di Varzaneh vecchi di migliaia di anni si sono trasformati in terreni aridi”.

Azhari ha spiegato: “Le persone che possiedono terreni hanno più di 60 anni e sono incapaci di lavorare come braccianti e ad ogni modo nessuno li assumerà. Cosa dovrebbero fare? Sono stati abbandonati”.
La maggior parte della popolazione di Varzaneh non ha alcuna fonte di reddito se non i magri sussidi governativi.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares