mercoledì, Ottobre 20, 2021
HomeNotizieIran NewsIl gabinetto di Raisi: Segno delle crescenti minacce del regime

Il gabinetto di Raisi: Segno delle crescenti minacce del regime

Il parlamento del regime iraniano ha recentemente ricevuto dal suo nuovo presidente, Ebrahim Raisi, “prescelto” dal regime stesso, una lista di nomi di potenziali incaricati per il suo gabinetto. Raisi è stato inaugurato per iniziare il suo primo mandato quadriennale il 5 agosto. Ci sono pochi dubbi che queste nomine saranno confermate dal parlamento che dovrebbe, secondo molti, agire come una sorta di timbro di gomma per le future politiche che Raisi metterà in atto nei prossimi mesi. La sua “selezione” nel 18 giugno fa parte di un processo di consolidamento del potere del regime, iniziato sul serio con le finte elezioni parlamentari del febbraio 2020.
Il boicottaggio elettorale è stato alimentato dalla consapevolezza pubblica dei precedenti di Raisi, compresa non solo la sua leadership della magistratura dopo la repressione del novembre 2019, ma anche il suo ruolo di primo piano in un massacro di prigionieri politici avvenuto più di tre decenni prima.

Come sostituto procuratore di Teheran nel 1988, Raisi finì per assumere un ruolo di primo piano nella “commissione di morte” che fu creata nella capitale in seguito a una fatwa del fondatore del regime, Ruhollah Khomeini. Quella fatwa stabili che i membri e i sostenitori del movimento di opposizione, la People’s Mojahedin Organization of Iran (PMOI/MEK) fossero “in guerra contro Dio” e che chiunque rimanesse solidale con il MEK doveva essere giustiziato sommariamente. Più di 30.000 prigionieri politici sono stati messi a morte nel corso di circa tre mesi. Raisi fu personalmente incaricato di estendere la sua giurisdizione oltre Teheran quando Khomeini precisò che il suo entusiasmo per la pena capitale avrebbe aiutato a correggere la “debolezza del sistema giudiziario”.
Il successore di Khomeini aveva apparentemente lo stesso obiettivo in mente quando ha annunciato nel 2018 che Raisi avrebbe guidato l’intero ramo giudiziario. Conducendo successivamente Raisi a prendere il comando del ramo esecutivo, Khamenei sembrava promuovere una simile enfasi sulla “forza” attraverso la repressione a tutti i più alti livelli del regime iraniano.
Raisi è stato sostituito come capo della magistratura dal suo vice Gholamhossein Mohseni Ejei che, con il suo passato che comprende violazioni dei diritti umani, è quindi attualmente sanzionato da parte degli Stati Uniti ed Europa. Con questo e la presa del parlamento, Khamenei ha in gran parte realizzato il suo obiettivo, mentre prepara la scena per una nuova esplosione delle attività maligne già note a Teheran. Le nomine da parte di Raisi per il gabinetto non faranno altro che rafforzare ulteriormente la tendenza, con conseguenze non solo per i soliti obiettivi della repressione interna, ma anche per la comunità internazionale.
Anche prima dell’insediamento di Raisi, c’erano chiari segni di escalation della belligeranza dei mullah verso i paesi regionali e occidentali. Verso la fine di luglio, un drone iraniano carico di esplosivo ha colpito la petroliera commerciale Mercer Street nel Golfo di Oman, uccidendo due membri dell’equipaggio. L’incidente faceva parte di un progetto molto più ampio, guidato dal Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche, per disturbare navigazione nel Golfo Persico e dintorni, ma è stato il primo caso noto di un tale atto che ha causato la morte di marinai civili. Cinque giorni dopo, uomini armati iraniani sono saliti a bordo, ma alla fine hanno rilasciato un’altra petroliera vicino al porto degli Emirati Arabi Uniti di Fujairah.

L’IRGC è bene rappresentato nella lista dei futuri consiglieri di governo di Raisi. Il ministro dell’Intelligence designato, Esmail Khatib, ha anni di esperienza con il ramo dell’intelligence dell’organizzazione paramilitare della linea dura del regime, e l’aspirante ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian aveva stretti legami con il famigerato comandante della Forza Quds dell’IRGC, Qassem Soleimani, ucciso in Iraq nel gennaio 2020 da un attacco di un drone statunitense.
Raisi ha scelto Ahmad Vahidi per l’incarico di ministro dell’interno, l’uomo che ha preceduto Soleimani nel ruolo di massimo operatore terroristico di Teheran. Su di lui pende un mandato attivo dell’Interpol in connessione al suo sospetto coinvolgimento nell’attentato del 1994 in Argentina. Per la guida del Ministero della Cultura, Raisi ha preferito Mohammad Mehdi Esmaili, una persona i cui precedenti ruoli nella diffusione della propaganda attraverso i media di stato iraniani gli ha guadagnato il nome “volto della rivoluzione” dalla leadership dell’IRGC.
Anche il futuro ministro della salute di Raisi, Bahram Einollahi, è stato in precedenza un deputato clinico dell’IRGC. Questa affiliazione è di cattivo auspicio per il popolo iraniano che continua ad essere colpito dai focolai di coronavirus, aggravate dalle politiche di regime che includono l’affidamento della distribuzione dei vaccini a società di facciata dell’IRGC. Questo accordo ha portato gran parte della già limitata fornitura di vaccini dell’Iran a finire sul mercato nero a prezzi esorbitanti, per poi essere acquistata di ricchi e persone con amici influenti mentre i normali cittadini rimangono gravemente vulnerabili.
¬¬Una maggiore influenza paramilitare sul governo è l’ultima cosa di cui l’Iran ha bisogno, ma è stata tra le prime cose che gli esperti hanno previsto dopo che Khamenei ha iniziato ad assegnare cariche importanti – presumibilmente elette – ai suoi preferiti. La nomina presidenziale di Raisi ha sottolineato la necessità di promuovere una politica più dura da parte della comunità internazionale. Tra i potenziali strumenti di tale intervento ci sono le sanzioni Magnitsky contro noti violatori dei diritti umani come Raisi e alcuni degli incaricati nel suo gabinetto. Indagini formali su questi abusi potrebbero anche fare molto per sfidare l’impunità di Teheran.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,597FollowersFollow
36,542FollowersFollow