venerdì, Luglio 23, 2021
HomeNotizieIran NewsIran alla vigilia del Nowruz: società irrequieta, povertà e prezzi alle stelle

Iran alla vigilia del Nowruz: società irrequieta, povertà e prezzi alle stelle

Uno sguardo ai media statali iraniani ci mostra il progressivo peggioramento della situazione economica del popolo iraniano alla vigilia di Nowruz. La povertà e i prezzi alle stelle hanno”spezzato la schiena della gente”e ” lo stipendio del 50% delle persone non basta nemmeno per sfamarsi”e la raccolta dei rifiuti è diventata un’occupazione ufficiale.
Molte persone devono persino comprare il pane a credito.
Domenica, per l’ottava settimana consecutiva, pensionati e pensionate hanno manifestato in decine di città iraniane, chiedendo pensioni più alte a causa dell’inflazione crescente e degli elevatissimi prezzi dei beni di prima necessità.
I media e i funzionari statali riconoscono parte della crisi economica dell’Iran. A pochi giorni dal nuovo anno persiano ( Nowruz), la gente sta lottando contro la povertà.
” Alla vigilia del nuovo anno, i prezzi alle stelle hanno spezzato la schiena dei poveri”, ha detto Javad Esmaili- Nia, leader della preghiera del venerdì di Bandar Lengeh nel sud dell’Iran.
” Più del 50% della popolazione del paese soffre per i bassi salari e non può permettersi il cibo, figuriamoci l’alloggio, i vestiti, viaggi, le cure mediche o l’istruzione”, ha scritto il quotidiano statale Resalat il 28 febbraio.
Il regime distribuisce una quantità minima di sussidi, circa 450.000 rial o 1,8 dollari al mese, in base al valore in dollari del libero mercato.
Eppure, i prezzi dei beni sono troppo alti.
” Un cittadino iraniano è in grado di acquistare solo un chilo di frutta col sussidio mensile”, ha aggiunto Esmaili- Nia venerdì.
Durante la sessione pubblica del 27 febbraio, uno dei deputati del regime ha detto:” Dando i sussidi alla gente, è come se dessimo 100 a loro e a causa dell’aumento dell’inflazione, ne perdessimo 200″.
Nel frattempo ” Alla vigilia di Nowruz, gli iraniani devono solo guardare con rammarico il prezzo da 50 a 298 mila tomans per un chilo di noci.
Rispetto all’aumento del prezzo di altri beni tipici del Nowruz, come dolci e frutta, Le noci sono ancora una merce per così dire economica”, secondo l’agenzia di stampa statale ILNA.
A causa della corruzione del regime e delle sue politiche economiche sbagliate, gli iraniani sono alle prese con la povertà,: sono milioni i disoccupati e quelli che hanno un lavoro ricevono 2,5/3 milioni di tomans. D’altro canto, ” Il costo medio di un paniere alimentare per una famiglia di quattro persone ha raggiunto gli 8-9 milioni di tomans e la soglia di povertà ha raggiunto i 10 milioni di tomans”, secondo il quotidiano statale Arman di sabato.

Source: Eghtesaad 24 website - https://eghtesaad24.ir/fa/news/80234/

Fonte: Sito web Eghtesaad-24- http:// Eghtesaad-24.ir/ fa/ news/80234/
Nel frattempo il regime saccheggia la ricchezza nazionale per finanziare le sue attività illecite. Nel maggio 2020, Heshmatullah Felahatpisheh, ex presidente della Commissione per la sicurezza nazionale e la politica estera del parlamento del regime, ha detto che il regime ha pagato alla Siria fino a 30 miliardi di dollari. ” Sono andato in Siria, alcuni hanno detto che ho inventato delle spese, ma ripeto, potremmo aver dato alla Siria dai 20 ai 30 miliardi di dollari e dobbiamo riprenderceli”, ha detto in un’intervista pubblicata dall’agenzia di stampa statale Etemad Online.
Le politiche economiche del regime hanno devastato la struttura finanziaria dell’Iran. ” La crescita della liquidità ha stabilito un nuovo record. Dall’inizio di quest’anno, 2328 miliardi di tomans sono stati aggiunti alla liquidità ogni giorno. Alla fine di febbraio, la liquidità ha superato la cifra impressionante di 3300 trilioni di tomans
>Il regime vuole creare ricchezza stampando denaro per il sedicesimo anno ” ha riferito la TV di stato iraniana il 12 marzo.
” Il governo stesso dice ufficialmente che 65/70 milioni di persone, se non ricevessero 45.000 tomans di sussidio, la loro vita sarebbe in gravi difficoltà.
Così è semplice dire che la nostra conquista è la povertà pubblica”, ha detto Hassan Sobhani, ex parlamentare.
Le azioni del regime hanno aumentato l’inquietudine della società.
Le proteste quotidiane di tutti i ceti sociali, la rivolta in Sistan e Baluchistan e tre rivolte a livello nazionale negli ultimi tre anni, hanno dimostrato che il popolo iraniano non vuole questo regime.
Il regime è stato in grado di opprimere la gente momentaneamente, ma la situazione ha raggiunto un punto in cui l’oppressione non funziona più, perché fa aumentare solo l’odio della gente verso i mullah.
” La gente affamata non può più essere soppressa.
È possibile controllare la situazione con la repressione a breve termine. Tuttavia, non è più possibile controllare questa situazione con la repressione nel lungo periodo”, ha detto sabato Fazel Meibodie, uno dei massimi esponenti del clero del regime.
In parole povere, il regime semina vento e raccoglierà tempesta.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,577FollowersFollow
35,623FollowersFollow