lunedì, Ottobre 18, 2021
HomeNotizieIran NewsLe radici della crisi economica iraniana

Le radici della crisi economica iraniana

Stock image of digital red

Gli iraniani difficilmente riescono a sbarcare il lunario e devono affrontare l’epidemia di Covid-19 e varie difficoltà economiche, come i prezzi alle stelle e l’inflazione. I media statali riconoscono come la corruzione dei mullah e le politiche economiche sbagliate abbiano devastato la vita del popolo iraniano.

“La scarsità di beni e i prezzi angustiano la vita delle persone. Ieri, come gli altri giorni negli ultimi sette mesi, le persone erano in fila per acquistare pollame ”, ha scritto mercoledì Vatan-e Emrooz.

“L’insoddisfazione delle persone nell’ultimo anno è aumentata per vari motivi. Le persone sono alle prese con diverse questioni economiche, politiche, culturali e sociali ”, ha scritto giovedì il quotidiano di Stato Arman.

“Nel dicembre 2019, Hossein Salahvarzi, Vicepresidente della Camera di commercio e dell’ industria iraniana, ha classificato l’Iran al 119esimo posto tra gli altri paesi del mondo sulla base di un rapporto globale che confrontava i paesi nel quadro di 9 indicatori di opportunità di business, libertà individuali e qualità della governance “, aggiungeva il quotidiano Arman.

“Secondo il grafico ufficiale della Banca Centrale, il tasso di inflazione nel 2018 ha raggiunto il 31,2%, nel 2019 ha raggiunto il 41,2%. Secondo il recente rapporto del Ministero dell’Economia, il tasso di inflazione dichiarato nel 2020 ha superato il 44% ”, ha scritto venerdì l’agenzia di stampa Tasnim.

“Un rapido esame dei prezzi nel paese negli ultimi otto anni indica che molti beni e servizi sono diventati dieci volte più costosi, ha aggiunto Tasnim.

In un altro articolo di venerdì, Tasnim ha riconosciuto: “I funzionari del governo, dai primi giorni del capodanno [persiano], hanno dichiarato di non avere intenzione di aumentare i prezzi negli ultimi tre mesi di governo. È interessante notare che i funzionari hanno iniziato ad aumentare i prezzi in un’altra riunione e ogni giorno riceviamo notizie del cambiamento dei prezzi di alcuni beni “.

“La fluttuazione dei prezzi dei beni di prima necessità e di consumo delle persone è in aumento, mentre con l’avvicinarsi del mese di Ramadan, le persone devono acquistare i beni necessari. Tra riunioni e slogan, non possiamo raggiungere un buon risultato “, ha aggiunto Tasnim.

Qual è la radice della crisi economica iraniana?

“Il legare tutti i problemi alle sanzioni è inflazionato da anni. Le sanzioni non sono la ragione della profonda crisi economica iraniana. Secondo esperti economici e politici, il 30% dei problemi è dovuto alle sanzioni, ma il 70% dei problemi è dovuto alla cattiva gestione, alle decisioni [sbagliate] e alla pianificazione del governo “, ha scritto il quotidiano statale Siyasat-e Rouz su Mercoledì.

“Le persone sono ora alle prese con problemi che aumentano la loro insoddisfazione, come il problema [nell’acquisto] di pollame, uova, oli vegetali e altri prezzi balzati improvvisamente alle stelle. Il governo non è in grado di risolvere questi problemi ”, ha aggiunto Siyasat-e Rouz.

“Dobbiamo incolpare le sanzioni per i prezzi alle stelle e la scarsità di pollame? L’incoscienza e la disabilità [del regime] non sono coinvolte in questa [crisi]? ” Si legge un articolo di Siyasat-e Rouz.

“Purtroppo, il 60% della popolazione è sotto la soglia della povertà…. Non dobbiamo ingannare noi stessi. Negli ultimi quattro decenni, la fiducia delle persone nel sistema non era minore di quella attuale. Secondo l’agenzia statale Alef News Agency, “le persone attualmente hanno raggiunto i livelli più bassi di fiducia nel sistema”, ha detto giovedì Ahmad Tavakoli, membro del Consiglio di convenienza del regime.

“Le persone vivono in condizioni così precarie che il governo è obbligato a violare anche le [sue] stesse regole e principi di base e ad aiutare le persone. Se non agisce, succede qualcosa che non dovrebbe accadere “, ha detto Tavakoli.

“A novembre [2020], prima di “quegli incidenti”, ho detto che avremmo dovuto distribuire cesti di cibo e medicinali tra le persone. Se non lo farete, vi dovreste aspettare la rivoluzione [rivolta] dei poveri “, ha detto Tavakoli, avvertendo i funzionari del regime di un’altra rivolta di entità pari alle proteste di novembre 2019.

FOLLOW NCRI

70,088FansLike
1,597FollowersFollow
36,515FollowersFollow