sabato, Agosto 8, 2020
Home Notizie Iran News La lega dei poeti: dichiarazione di solidarietà con la recente rivolta del...

La lega dei poeti: dichiarazione di solidarietà con la recente rivolta del popolo iraniano

Di Hamideh Taati

La Lega dei Poeti in una dichiarazione del 23 novembre ha espresso solidarietà alla rivolta nazionale del popolo iraniano.

Quanto segue è il testo completo della dichiarazione: Dichiarazione di solidarietà con la recente rivolta del popolo iraniano, Novembre 2019

Sosteniamo la nuova ondata di rivolte sociali e proteste da parte del popolo iraniano per raggiungere i suoi diritti democratici ed economici di base.

La corruzione e la cattiva gestione di questo regime hanno portato milioni di persone e lavoratori iraniani a vivere al di sotto della soglia di povertà.
Crediamo che sotto il regno di questa dittatura, il popolo iraniano continuerà a dover subire la povertà, i prezzi elevati, la disoccupazione e la repressione, e così anche la sua legittima lotta per la democrazia e i diritti umani significherà continuare gli scontri sociali e le rivolte.

Nella recente rivolta a livello nazionale, centinaia di persone sono state uccise in varie città da spari diretti contro la folla dalle forze di sicurezza del regime, migliaia sono state ferite, arrestate e incarcerate, sebbene il numero effettivo sia molto più alto. Sosteniamo tutti i prigionieri politici in Iran, le donne e gli uomini, giovani e vecchi, studenti, lavoratori, insegnanti, che sono incarcerati politicamente condividendo un crimine: il cambio di regime in Iran.
Chiediamo il rilascio immediato e incondizionato di tutti i prigionieri politici detenuti durante le recenti rivolte e proteste. Esortiamo tutte le organizzazioni per i diritti umani e le persone in tutto il mondo a unirsi a questa Dichiarazione di solidarietà con il popolo iraniano e offrire il loro sostegno, in ogni modo possibile, per aiutare il popolo e i giovani iraniani a soddisfare le loro giuste richieste.

Esortiamo le Nazioni Unite e la comunità internazionale di difensori dei diritti umani a condannare fermamente la repressione delle proteste del popolo iraniano e chiediamo alle Nazioni Unite di inviare urgentemente una delegazione che indaghi sulla situazione, martiri , feriti , arrestati e imprigionati in Iran.
Il silenzio, di fronte ai crimini contro l’umanità perpetrati in Iran ogni giorno, è assolutamente inaccettabile. Il Consiglio di sicurezza deve dichiarare il regime e i suoi leader responsabili di crimini contro l’umanità per il quale devono devono essere portati di fronte ad un tribunale internazionale ed essere perseguiti penalmente.
Il Consiglio di sicurezza deve dichiarare che il regime sta commettendo un crimine contro l’umanità.

firmatari:

Balogun Iyanu,

Fondatore, The league of POETS, Nigeria

 

FOLLOW NCRI

71,045FansLike
1,396FollowersFollow
34,574FollowersFollow