• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Mercoledì 17 Luglio 2019, 15:36:38.

LA DISSIDENZA DEMOCRATICA IRANIANA E LA LOTTA CONTRO IL REGIME

l'Opinione delle Liberta'

di Domenico Letizia16 luglio 2019

I dissidenti democratici iraniani hanno trovato ospitalità in Albania. Tale ospitalità è stata mostrata al mondo con la conferenza annuale “Iran libero” organizzata dall’opposizione iraniana. L’evento si è svolto per la prima volta nel campo “Ashraf 3”, sede dell’Organizzazione dei Mojahedin dell’Iran, in Albania.

Report sull’incontro a Tirana dei dissidenti iraniani

CaratteriLiberi, luglio 17, 2019 

di Loredana Biffo 

Il grande raduno internazionale della Resistenza iraniana, quest’anno si è tenuto dal 12 al 14 luglio a Tirana, dove ha sede Campo Ashraf 3, sede dell’Organizzazione dei Mojahedin dell’Iran., dove vivono 3000 dissidenti.

Report sull’incontro a Tirana dei dissidenti iraniani

CaratteriLiberi, luglio 17, 2019 

di Loredana Biffo 

Il grande raduno internazionale della Resistenza iraniana, quest’anno si è tenuto dal 12 al 14 luglio a Tirana, dove ha sede Campo Ashraf 3, sede dell’Organizzazione dei Mojahedin dell’Iran., dove vivono 3000 dissidenti.

Iran: Maryam Rajavi incontra Rudy Giuliani in Albania

Giovedì 11 luglio 2019 – Maryam Rajavi, presidente eletto del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ha incontrato oggi Rudy Giuliani, avvocato personale del presidente Trump. L’incontro ha avuto luogo ad Ashraf-3, sede della Resistenza iraniana in Albania. Hanno discusso gli ultimi sviluppi in Iran e nella regione, tra cui le continue proteste anti-regime in tutto il Paese, lo stato vulnerabile del regime e le sue attività maligne nella regione del Medio Oriente.

Grande manifestazione degli iraniani a Berlino

Maryam Rajavi: vi è la necessità di giustizia, processare, punire e espellere il regime clericale, i mercenari dell'intelligence e le guardie della rivoluzione iraniana

Gli scambi economico-commerciali con i mullah, alimentando la macchina della repressione e dell'esecuzioni capitali e dando loro concessioni, aumenta la prospettiva della guerra.

Sabato 6 luglio 2019, più di 15000 iraniani hanno tenuto una manifestazione imponente a Berlino.

I sostenitori di un Iran libero marceranno questo Sabato a Berlino

Migliaia di iraniani marceranno Sabato a Berlino in sostegno alla fine della dittatura religiosa al potere in Iran. I simpatizzanti della Resistenza Iraniana solleciteranno l’Unione Europea ad imporre sanzioni al regime dei mullah ed a supportare le aspirazioni democratiche del popolo iraniano.

Regime iraniano, fonte di guerra e instabilità nella regione, Resistenza iraniana, messaggero di pace e libertà

Il 29 giugno una delegazione internazionale ha visitato Ashraf 3 in Albania per sostenere l’alternativa democratica per l’Iran, rappresentata dal Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI). Personalità internazionali hanno partecipato a una conferenza dal titolo “Il regime dei mullah, fonte di guerra e instabilità nella regione; la Resistenza Iraniana, messaggero di pace e libertà “.

Nuovo documento rivela gli abusi perpetrati dal regime iraniano nei confronti dei Mojahedin del Popolo

L’ambasciatore americano Lincoln J. Bloomfield Jr., ex funzionario della difesa e della politica estera che ha servito tre presidenti al Pentagono, la Casa Bianca ed il Dipartimento di Stato, ha pubblicato una nuova relazione accademica sul regime iraniano sul trattamento da esso riservato al principale gruppo di opposizione iraniano, i Mojahedin del Popolo Iraniano. La relazione, intitolata “Gli Ayatollah ed i Mojahedin del Popolo - la decadente operazione di influenza dell’Iran”, racconta la scioccante storia vera della decisione dei mullah di attaccare le pacifiche manifestazioni politiche dei Mojahedin nel Giugno del 1981.

Manifestazione di iraniani-americani a Washington per il cambio di regime – da parte degli iraniani

Di Hamideh Taati

Migliaia di iraniani-americani hanno partecipato venerdì scorso a una manifestazione a Washington e ad uno dei loro appelli c’è stata una risposta lunedì: il presidente Trump ha sanzionato il leader supremo dell’Iran Ali Khamenei – come riportato dal “Washington Examiner” martedì 25 giugno. Una priorità assoluta dei partecipanti alla manifestazione richiederà molto più tempo per realizzarsi, ma essi non vogliono che l’amministrazione lo faccia per loro: il cambio di regime in Iran.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;