• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 17 Novembre 2018, 09:19:41.

REGIME IRANIANO COINVOLTO IN ATTENTATI TERRORISTICI, VERIFICARE PRESENZA AGENTI IRANIANI ALL’AMBASCIATA ROMA

COMUNICATO STAMPA

Una delegazione di oltre venti persone, tra parlamentari, consiglieri regionali, sindaci e attivisti dei diritti umani, molti dei quali iscritti al Partito Radicale e a Nessuno tocchi Caino, ha partecipato il 30 giugno al grande raduno annuale della Resistenza iraniana a Parigi, alla presenza della Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana Maryam Rajavi e di personalità come Rudy Giuliani, ex Sindaco di New York e Newt Gingrich, ex-portavoce della Camera dei Rappresentanti, oltre a Stephen Harper e John Baird, ex-Primo Ministro e Ministro degli Esteri del Canada, Bernard Kouchner, l’Ambasciatore Giulio Maria Terzi, a capo della nutrita delegazione italiana, Sid Ahmad Ghozali, ex-Primo Ministro d’Algeria, Pandeli Majko, Ministro albanese, il reverendo Rowan Williams, Arcivescovo di Canterbury e Nazir Hakim, Direttore Generale della coalizione dell’opposizione siriana.

La delegazione italiana, guidata dall’Amb. Giulio Maria Terzi, si è rivolta oggi al Ministro degli Esteri belga per sostenere la presa di distanza da una politica di accondiscendenza nei confronti del regime iraniano ed apprezzamento per le indagini che hanno portato a sventare un attentato terroristico alla manifestazione anti-regime di Parigi.

Nell’ambito dell’inchiesta è stato infatti arrestato anche Asdollah Assadi, un funzionario iraniano che risulterebbe ricoprire ruoli di intelligence presso l’ambasciata a Vienna dal 2014 e mente dello sventato attacco.

Secondo i firmatari della lettera: “Da mesi la Resistenza iraniana denuncia piani, programmi e vaste azioni della teocrazia iraniana contro la Resistenza stessa dall’Albania alla Germania e agli Stati Uniti d’America. Oggi vediamo che quelle denunce hanno una drammatica fondatezza, con indagini che portano a riferire il connotato terroristico al regime stesso. L’accondiscendenza non è mai il modo giusto per trattare con regimi dispotici. Rivedere in questo senso la politica europea nei confronti dell’Iran è oltremodo urgente e necessario, come verificare la presenza presso l’ambasciata iraniana a Roma di agenti del Ministero dell’Intelligence e della forza Quds.”

Roma, 11 luglio 2018


Info: 335 8000577

 

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares