• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Mercoledì 20 Marzo 2019, 18:23:13.

Maryam Rajavi sulla terza opzione per affrontare il regime iraniano

Di Mahmoud Hakamian

In Occidente, è opinione diffusa che ci siano due modi per affrontare il regime iraniano: l'accondiscendenza o la guerra.
Dal 1979, la politica di accondiscendenza ha vinto e la maggior parte dei paesi ha voltato la faccia per ignorare le atrocità del regime, al fine di evitare la guerra a tutto campo, che avrebbe dato i suoi problemi.

Tuttavia, vi è una terza opzione, avanzata da Maryam Rajavi, il presidente eletto della Resistenza Iraniana, che sostiene il cambio di regime in Iran causato dal popolo iraniano e dalla resistenza iraniana.

Maryam Rajavi ha sempre asserito che nessuna concessione avrebbe fermato i mullah dalla loro disastrosa strada, poiché il regime è "una teocrazia medievale che non ha la capacità di riforma". Dopo tutto, il principio della regola del clero assoluto è un pilastro della costituzione che non può essere mai cambiato, non che i mullah l'avrebbe mai permesso in ogni caso. Questo principio mina qualsiasi nozione di democrazia e solidifica l'egemonia incontrollata dei mullah.

Maryam Rajavi ha dichiarato: "Non ci sono dubbi: le politiche europee come il dialogo critico, l'impegno costruttivo e il dialogo sui diritti umani non daranno nessun risultato nel cambiare la politica del regime. La politica di accondiscendenza non è il modo per contenere o modificare il regime. Né è la strada per evitare un'altra guerra. L' accondiscendenza incoraggia solo i mullah. "

Ma la guerra con l'Iran minaccerebbe la vita quotidiana del popolo iraniano, potrebbe lasciare il paese vulnerabile all'attacco di gruppi con cattive intenziosi che potrebbero approfittare di un vuoto di potere e minare la legittima opposizione iraniana. Dopo tutto, i mullah accusano già la Resistenza di essere guidata da interessi stranieri.

Maryam Rajavi ha dichiarato: "L'equazione di "un'invasione o pacificazione militare "è un esercizio di inganno politico. Una terza opzione è a portata di mano. Il popolo iraniano e la sua resistenza organizzata hanno la capacità di produrre cambiamenti ".

Il popolo iraniano è stato a lungo oppresso dal regime, ma come abbiamo visto nelle proteste anti-regime a livello nazionale di quest'anno, le persone sono più che disposte a combattere contro il regime, nonostante l'inevitabile brutale repressione.

Maryam Rajavi ha dichiarato: "La presenza di proteste nella società riflette il desiderio iraniano di cambiare regime. La presenza di una resistenza organizzata con 120.000 martiri e più di mezzo milione di prigionieri è indicativa della profondità e dell'intensità del rifiuto della società nei confronti del regime ".

La Resistenza, che guida la maggior parte delle proteste, ha il potere di rovesciare il regime e la volontà di portare democrazia e libertà in Iran. Questo è qualcosa di cui i mullah sono terrorizzati, secondo Maryam Rajavi, il che spiega perché i mullah si sono così disperatamente accaniti nel reprimere le proteste e attaccare la Resistenza all'estero.

Maryam Rajavi ha detto: "Perché in tutte le loro interazioni internazionali, i mullah chiedono l'esercizio della pressione sul movimento di resistenza? Tutti questi non sono indicativi della paranoia dei mullah rispetto alla terza opzione? "

Maryam Rajavi ha spiegato che il Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (CNRI), una coalizione di forze democratiche, rappresenta la maggioranza della nazione iraniana ed è l'unica garanzia per l'unità dell'Iran dopo la caduta dei mullah e il trasferimento pacifico del potere. Il CNRI si è impegnato a organizzare elezioni libere per un'assemblea costituente entro sei mesi dal cambio di regime e dalla consegna degli affari ai rappresentanti eletti del popolo, nel rispetto di tutte le alleanze internazionali.

Maryam Rajavi ha dichiarato: "Vogliamo ricostruire l'Iran, che i mullah hanno rovinato, attraverso la partecipazione popolare, il ritorno dei nostri esperti e l'amicizia con il resto del mondo. Non cerchiamo né il denaro né le armi dell'Occidente. Vogliamo che rimangano neutrali tra la resistenza iraniana da una parte e il regime al potere dall'altra ".

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares