• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 12 Ottobre 2019, 21:00:22.

Il Primo Ministro Edi Rama: l’Albania ha agito con fermezza contro le attività illecite del regime iraniano

Di Mohammad Sadat Khansari

Venerdì 27 Settembre 2019, in un discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, il Primo Ministro albanese Edi Rama ha segnalato alla luce le attività illegali e destabilizzanti del regime iraniano, inclusi i suoi complotti ai danni del principale gruppo di opposizione iraniano, l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo Iraniano, redenti ad Ashraf 3, in Albania.

All’Assemblea Generale dell’ONU il Primo Ministro Edi Rama ha dichiarato: “L’Albania è particolarmente preoccupata dall’atteggiamento destabilizzante dell’Iran nel Medio Oriente ma anche dalle sue frequenti attività eversive ai danni della comunità di dissidenti iraniani generosamente accolti dal nostro paese, dopo essere stati sottoposti, altrove, a deprecabili massacri.”

Il Primo Ministro Rama ha sottolineato: “Abbiamo dovuto agire con fermezza contro diverse attività illecite che minacciano i nostri interessi di sicurezza nazionale.”

“Ci schieriamo dalla parte dei paesi danneggiati da queste attività, sia in mare che sulla terraferma.”

Notizie correlate

Il 13 Settembre 2019 il Presidente Albanese Ilir Meta ha visitato Ashraf 3, dimora dei membri dell’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo in Albania.

II membri dei Mojahedin hanno accolto con calore il presidente albanese. Il Sig. Fatmir Mediu, presidente del Partito Repubblicano albanese, nonché Consigliere per la Sicurezza Nazionale del paese, ha accompagnato il Presidente nella sua visita.

Durante la sua visita, il Presidente Meta ha incontrato ed avuto un colloquio con la Sig.ra Maryam Rajavi, Presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana, ed ha visitato l’esposizione sui 120 anni di lotta per la libertà in Iran, ad Ashraf 3.

Durante un incontro con i membri dei Mojahedin, il Presidente Meta ha dichiarato: “Non avevo idea della portata del vostro sacrificio né del genocidio che voi ed i vostri simpatizzanti avete subito. Vedere così tante persone, donne e bambini, massacrate, è stato scioccante.”

“Questa è anche una prova di quanto il movimento fosse diffuso in Iran, e dimostra quanto tirannico sia il regime. Tutto ciò è terribile, non solo per il popolo iraniano, ma anche per la pace e la stabilità regionali e mondiali… Sono rimasto davvero impressionato dalla piattaforma in 10 punti della Sig.ra Rajavi, in quanto si basa sulle libertà fondamentali, ed assicurerà prosperità e democrazia al popolo iraniano.” Egli ha poi sottolineato: “Tutti noi, qui in Albania, siamo uniti nel nostro supporto al vostro impegno ed alla vostra determinazione”.

La Sig.ra Rajavi ha dato il benvenuto al Presidente Meta, affermando che il popolo iraniano non dimenticherà mai l’ospitalità offerta dall’Albania ai combattenti per la libertà iraniani, e che questo gesto verrà inciso nella storia dei rapporti tra i due paesi. La Presidente ha poi aggiunto che, in virtù della sua risolutezza nei riguardi del regime clericale, l’Albania rappresenta, per gli altri paesi, un modello di comportamento.

 

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares