giovedì, Agosto 6, 2020
Home Notizie Terrorismo Iran: Un altro agente del MOIS si presenta come un giornalista in...

Iran: Un altro agente del MOIS si presenta come un giornalista in Albania!

La Commissione Sicurezza e Anti-terrorismo del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana pubblica una lettera di Farid Shah Karami, datata 13 novembre 2019, che dettaglia i suoi contatti con un agente del Ministero dell’Intelligence e della Sicurezza del regime iraniano (MOIS) di nome Danial Kasra’i, per attirare l’attenzione sui programmi perseguiti dal MOIS contro l’Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell’Iran (OMPI / MEK). 

Il 12 novembre 2019, il sito web iraniano Efshagar ha pubblicato una lettera di Farid Shah Karami, di 26 anni, che si era scusato ed aveva espresso rammarico per i suoi contatti con agenti del MOIS in Albania. Aveva spiegato come il MOIS avesse usato Danial Kasra’i per ingannarlo facendolo partecipare a un programma televisivo insieme a un altro agente del MOIS, Rahman Mohammadian (un ex prigioniero di guerra nella guerra Iran-Iraq durata otto anni).
Presentandosi come giornalista, Kasra’i era stato precedentemente impiegato come reporter dalla televisione statale iraniana Press TV a Roma. Il MOIS lo inviò dall’Italia in Albania contemporaneamente al trasferimento in Albania degli ultimi gruppi di membri del MEK dall’Iraq. Gli fu assegnato, tra le altre cose, il compito di reclutare individui che si presentassero come “ex membri del MEK”, per impegnarsi in una campagna di demonizzazione contro l’organizzazione e per raccogliere informazioni per operazioni terroristiche. A tal fine, entrò in contatto con un altro agente MOIS in Albania, di nome Ehsan Bidi. Qualche tempo fa, i siti web del MOIS hanno riferito dell’arresto di Bidi in Albania.

Per ingannare le sue vittime, Kasra’i si è presentato come reporter del canale televisivo albanese TV KALAN, dal quale ha affermato di ricevere uno stipendio mensile di 7.000 euro. In altre occasioni, ha detto di essere un poliziotto. Il 20 agosto 2019 ha ingannato Shah Karami, usando il pretesto di chiedere di vedere dei suoi parenti, e lo ha portato al cancello di Ashraf-3 per raccogliere informazioni necessarie. In diverse occasioni precedenti, Kasra’i era andato fra persone della zona e in caffè nelle vicinanze di Ashraf-3 per raccogliere informazioni.

Alla fine, Kasra’i ha convinto Shah Karami a partecipare a un programma televisivo attaccando il MEK. Il programma è stato trasmesso quattro mesi dopo, con osservazioni che Shah Karami non aveva mai fatto durante l’intervista originale. Quando Shah Karami ha affrontato Kasra’i, quest’ultimo ha promesso di offrirgli del denaro.
Spedire spie e mercenari ad Ashraf-3 usando il pretesto del giornalismo o delle visite a familiari è una delle malcelate tattiche di spionaggio e terrorismo impiegate dal MOIS.

Il 23 ottobre 2019, il capo della polizia albanese ha tenuto una conferenza stampa sulla scoperta di una rete spionistica e terroristica attiva contro il MEK, diretta da Teheran dalla forza terroristica Quds dell’IRGC. Uno dei suoi agenti, Alireza Naghashzadeh, con un passaporto austriaco, si era presentato come “ex membro del MEK” e si era recato in Albania con il pretesto di visitare sua madre.
Allo stesso tempo, un altro agente della Forza Quds, Abdolkhalegh Malekzadeh, era in costante contatto con Abdulselam Turgut, un criminale professionista in Turchia.
In precedenza, il 9 aprile 2018, il Primo Ministro albanese Edi Rama aveva esposto un complotto terroristico del MOIS contro la celebrazione del Nowruz da parte del MEK. Prima di ciò, i media albanesi avevano riferito dell’arresto di due agenti iraniani che si atteggiavano a giornalisti, arrestati mentre facevano fotografie per la loro trama.
Il 9 luglio 2017, l’ex ministro dell’Intelligence del regime Ali Fallahian aveva riconosciuto: “Il Ministero dell’Intelligence ha bisogno di copertura per raccogliere informazioni, all’interno o all’esterno [dell’Iran]. Non inviamo un agente di intelligence in Germania o in America a dire ‘Io lavoro con il Ministero dell’Intelligence’. Una copertura commerciale o giornalistica è necessaria”

Segreteria del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana
19 novembre 2019

FOLLOW NCRI

71,055FansLike
1,396FollowersFollow
34,598FollowersFollow