• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Martedì 03 Dicembre 2019, 08:25:53.

I cosiddetti moderati del regime iraniano, appoggiano l'IRGC ( Passdaran ) e il programma missilistico

CNRI – L'ex-presidente cosiddetto “riformista” del regime iraniano Mohammad Khatami, nelle sue dichiarazioni ha appoggiato il programma missilistico del regime e le attività terroristiche dell'IRGC.

Il sito web ufficiale Kalemeh, lunedì 16 Ottobre ha riportato che Khatami ha fatto queste affermazioni durante un incontro con i membri della cosiddetta Associazione Islamica degli Studenti dell'Università di Teheran.

Khatami ha cercato di dimostrare la sua lealtà verso il leader supremo del regime iraniano Ali Khamenei affermando che, ciò che sta avvenendo in Iran e che è stata definita “lotta interna tra le varie fazioni”, è in realtà una serie di differenze di opinioni. E ha detto: “Non c'è alcuna differenza riguardo al principio della rivoluzione e delle minacce esterne”.

Khatami ha poi difeso nuovamente le Guardie Rivoluzionarie (IRGC) e i loro atti terroristici affermando: “Com'è possibile che una persona venga ad insultare l'IRGC in una situazione in cui le Guardie Rivoluzionarie combattono contro il terrorismo e ne diventano i martiri?”.

Khatami ha poi presentato l'IRGC come “uno dei pilastri della sicurezza nazionale, scaturito dal contesto della rivoluzione” e ha detto che la nuova strategia americana che vuole presentare l'IRGC come un gruppo che supporta le attività terroristiche in Medio Oriente è fatta di “chiacchiere e minacce senza senso”.

Poi Khatami ha affermato che “il nostro IRGC, il nostro esercito, il nostro governo e le nostre correnti politiche e sociali resteranno unite”.

Nel suo recente discorso di lunedì Khatami ha anche appoggiato il programma missilistico del regime. 

Khatami ha detto questo nonostante un po' di tempo fa Yadollah Javani, capo dell'ufficio politico dell'IRGC, abbia detto che Mohammad Khatami è stato accusato di appoggiare gli Stati Uniti e deve essere punito. Si sono diffuse voci di recente le quali dicono che la magistratura del regime ha informato Khatami che non potrà partecipare a nessun programma politico e culturale per tre mesi.

Queste sue dichiarazioni sono giunte dopo che anche il presidente del regime Hassan Rouhani aveva definito le Guardie Rivoluzionarie “popolari” e care al popolo dell'Iran, dell'Iraq, della Siria, del Libano e ai curdi iracheni, dicendo che “non esiste alcuna controversia o disputa tra le nostre fazioni riguardo alle cospirazioni dei nemici”.

Paradossalmente, secondo il sito web Saham News, mercoledì 18 Ottobre le guardie per la sicurezza di Khatami hanno ricevuto un ordine ufficiale secondo cui non gli è consentito uscire di casa, dopo un paio d'ore le pattuglie della polizia del regime sono state piazzate di fronte alla sua casa e quindi si sono create le condizioni di arresti domiciliari non annunciati per Khatami.

 

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares