• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 20 Luglio 2019, 18:10:58.

I dissidenti iraniani chiedono che le ambasciate di Teheran in Europa siano chiuse

Un importante gruppo di resistenza iraniano chiede agli Stati europei di chiudere le ambasciate di Teheran in risposta al presunto uso delle ambasciate da parte del regime per complottare gli attacchi terroristici contro i suoi oppositori politici in tutto il continente, ha riferito Fox News lo scorso fine settimana.

“Ciò che chiediamo è chiudere le ambasciate del regime iraniano”, ha detto ai giornalisti Alireza Jafarzadeh, vicedirettore dell’Ufficio di rappresentanza del Consiglio Nazionale della Resistenza dell’Iran negli Stati Uniti, in una conferenza stampa la scorsa settimana a Washington, DC. “Queste relazioni diplomatiche hanno permesso al regime di organizzare attacchi terroristici e assassinii in Occidente”.

La conferenza stampa è stata organizzata in occasione dell’uscita del nuovo libro del gruppo “Gli emissari del terrore dell’Iran”, che evidenzia l’uso di ambasciate da parte di Teheran nel complottare attacchi terroristici contro oppositori politici negli Stati Uniti e in Europa, ha aggiunto Fox News.
I complotti sostenuti dall’Iran sono aumentati negli ultimi anni, in particolare nel 2018, quando il CNRI ha registrato 10 casi di piani terroristici o arresti di funzionari iraniani per terrorismo. Il più significativo è stato il complotto sventato per un attacco con esplosivi all’incontro annuale di gruppi dissidenti iraniani (sotto l’egida del CNRI) a Parigi l’anno scorso: un evento al quale ha partecipato l’avvocato di Trump Rudy Giuliani – ha riferito Fox News. Un diplomatico iraniano con sede a Vienna è stato uno dei quattro arrestati per la trama.

Il servizio di Fox News ha aggiunto che i pubblici ministeri tedeschi affermano che Assadollah Assadi era un membro dell’agenzia di intelligence iraniana (MOIS) incaricata di colpire gruppi dissidenti all’interno e all’esterno dell’Iran. È stato accusato di attività come agente straniero e cospirazione per commettere un omicidio. Il CNRI afferma che il MOIS è un’organizzazione centrale nelle operazioni terroristiche di Teheran all’estero e ha rivolto un appello all’Occidente perché lo definisca organizzazione terroristica straniera (FTO – foreign terrorist organization).
Nel frattempo, le autorità olandesi hanno espulso due diplomatici iraniani lo scorso luglio in connessione con l’omicidio di due dissidenti iraniani nel Paese. A novembre, l’agenzia di intelligence della Danimarca ha sventato un complotto iraniano per uccidere un attivista dell’opposizione, arrestando un norvegese di origine iraniana. Il sospettato e il Ministero degli Esteri iraniano hanno negato il coinvolgimento. Le trame terroristiche alla fine hanno portato l’Unione Europea a imporre sanzioni al MOIS a gennaio.

I dissidenti hanno detto a Fox News l’anno scorso che c’è anche una considerevole preoccupazione per la presenza del regime in Albania, dove si presume che l’ambasciata iraniana stia assumendo molto personale e abbia inviato alti agenti dell’intelligence. L’Albania è significativa perché 2.000 dissidenti iraniani appartenenti ai Mujahedin dell’Iran (MEK) vi sono stati trasferiti dall’Iraq nel 2016.
L’ex primo ministro albanese Pandeli Majko ha rivelato a Fox News che gli è stato consigliato da funzionari degli Stati Uniti di aumentare la sua sicurezza, dopo notizie di intelligence su una minaccia contro di lui. Un alto funzionario antiterrorismo statunitense ha detto a Fox News che le autorità albanesi hanno arrestato due agenti iraniani per reati terroristici lo scorso anno.

Il CNRI ha anche indicato arresti e presunti complotti in Gran Bretagna, Germania, Turchia e Stati Uniti (dove due iraniani sono stati arrestati dall’FBI in agosto con l’accusa di avere raccolto informazioni per il MOIS) come segni di maggiori movimenti terroristici dell’Iran in Occidente .
La crescente presenza dell’Iran in Europa è stata notata a Washington e ha messo in difficoltà gli Stati europei che cercano di raccogliere il sostegno per l’accordo nucleare iraniano del 2015 dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo lo scorso anno.
L’amministrazione Trump ha ripetutamente indicato che la minaccia terroristica ha portato all’aumento delle pressioni sull’Iran, all’escalation delle sanzioni e il mese scorso alla definizione di FTO per la Guardia Rivoluzionaria dell’Iran. Il mese scorso, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha parlato di una “attività di assassinio concertata” in Europa da parte degli iraniani.
“Questa è un’attività dei leader della Repubblica Islamica dell’Iran – che il presidente, Rouhani, sta permettendo di attuare, con agenti che vanno in Europa e uccidono persone sul suolo europeo. Questo è inaccettabile Europa occidentale” – ha detto.
Ma il CNRI dice che, mentre il movimento terrorista iraniano ha fatto scattare campane d’allarme negli Stati Uniti e in Europa, la risposta dei Paesi europei in particolare è stata “tiepida”.
“Nonostante il fatto che diversi agenti siano stati arrestati per accuse di terrorismo e spionaggio negli Stati Uniti e in Europa nel 2018, un alto diplomatico terrorista è in prigione, e altri cinque, incluso un ambasciatore, sono stati espulsi, un approccio multilaterale occidentale al comportamento canaglia di Teheran rimane evasivo” – dice il gruppo nel suo libro.

Tra le raccomandazioni del CNRI, la richiesta al Dipartimento di Stato di designare come organizzazione terroristica il MOIS e le richieste all’Europa di chiudere le ambasciate iraniane sono le più significative.
“I diplomatici terroristi di Teheran dovrebbero essere consegnati alla giustizia o espulsi e le sue ambasciate chiuse. Sono stati e rimangono i centri nevralgici di spionaggio e terrorismo e sono fondamentali per le operazioni terroristiche di Teheran all’estero” – dice il libro.
Il messaggio del CNRI arriva a meno di un mese da quando il Presidente Trump ha marchiato l’IRGC (Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica) come FTO e Pompeo ha annunciato che gli Stati Uniti non concederanno più deroghe per sanzioni ad alcun Paese che importa petrolio dall’Iran.
“Stiamo andando a zero”, ha detto in una conferenza stampa. “Quanto a lungo restiamo lì a zero dipende esclusivamente dalla leadership della Repubblica Islamica Iraniana”.

La settimana scorsa, il consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton ha dichiarato a “Fox News Sunday” che la politica dell’amministrazione Trump sta avendo un effetto significativo. “[La nostra politica] è di mettere la massima pressione sul regime per cambiare il suo comportamento, penso che stia funzionando, e penso che sia ciò di cui loro sono preoccupati”.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares