• English
  • French
  • Deutch
  • Italian
  • Arab
  • Spanish
  • Albanian
  • Last Modified: Sabato 20 Luglio 2019, 18:10:58.

Uso del commercio da parte del regime iraniano per finanziare basi terroristiche

Di Mahmoud Hakamian

Ogni anno in Iran, gli uomini d'affari accorrono a conferenze organizzate dagli affiliati al Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC). Anche se è molto probabile che vengano sorvegliati, valutati dall'intelligence , o addirittura reclutati da una delle organizzazioni terroristiche più attive del mondo, dirigenti rispettati, di multinazionali francesi o tedesche partecipano a queste conferenze perché l'IRGC controlla i pozzi petroliferi del valore di miliardi di euro.

Una delle conferenze sul petrolio e gas più attentamente osservate al mondo, The Iran Oil Show, ha aperto questo mese mantenendo un basso profilo e comprendendo un pubblico che poco eterogeneo. Quest'anno infatti, sono state rivelate informazioni sull'uso del commercio da parte dell'Iran per finanziare organizzazioni terroristiche, con il risultato che la sala delle esposizioni era quasi priva di stranieri. La conferenza è stata un miserabile fallimento. Di per sé, la mancanza di interesse per l'evento di selezione di Teheran dovrebbe spaventare gli addetti ai lavori del regime portandoli ad una maggiore considerazione di un eventuale cambiamento di rotta.

All'inizio della conferenza, un divieto globale ha avuto effetto mettendo ogni acquirente di petrolio iraniano a rischio di sanzioni statunitensi. Il seguente calo di presenze riflette un riconoscimento tra le imprese straniere che ogni angolo dell'economia iraniana è infetto dall'IRGC.
I rapporti in Iran o in Europa con le aziende iraniane potrebbero nascondere una copertura di un reclutamento vero e proprio di una delle agenzie di intelligence più spietate al mondo quella al servizio del regime iraniano. Le informazioni su questi pericoli son state in parte causa del perchè l'economia iraniana sia diventata meno stabile e più isolata. Tuttavia, i suoi leader continuano a perpetrare tale condotta lesiva.

Ma ora i dirigenti aziendali stanno prendendo coscienza che esiste un modo per evitare di finanziare il terrorismo non facendo affari con l'Iran. Non c'è modo di evitare questo, ed è la ragione per cui nessuna compagnia stimabile ha partecipato alla conferenza. È anche il motivo per cui nessuna società globale ha sostenuto gli strumenti di evasione delle sanzioni sviluppati dall'Unione europea. È anche la ragione principale per cui l'Iran potrebbe presto affrontare un'enorme crisi finanziaria autoprodotta.

La semplice partecipazione a una conferenza può sembrare innocua a molti dipartimenti aziendali e legali e non tenendo conto dei crimini oscure e condotte pericolose di cui gli agenti di IRGC e MOIS si macchiano. Nel frattempo tutte le società devono ascoltare il messaggio cristallino - non rischiare alcun coinvolgimento nelle conferenze iraniane, sia all'interno che all'esterno dell'Iran.

Copyright © 2018 CNRI - Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana. All Rights Reserved.
;
0
Shares